MAXXI RoadToJustice veduta della mostra al MAXXI foto Musacchio Ianniello courtesy Fondazione MAXXI

Maxxi: African roots, African routes

MAXXI RoadToJustice veduta della mostra al MAXXI foto Musacchio Ianniello courtesy Fondazione MAXXIUna tavola rotonda dedicata alle nuove sfide del continente africano
in occasione delle mostre African Metropolis e road to justice
Giovedì 11 ottobre 2018, ore 17.00 

 

Galleria 5 – ingresso 5 euro*

www.maxxi.art

Domani giovedì 11 ottobre alle ore 17.00 un nuovo appuntamento dedicato all'Africa in occasione delle mostre in corso al MAXXI African Metropolis. Una città immaginaria e road to justice: una tavola rotonda dal titolo AFRICAN ROOTS, AFRICAN ROUTES che coinvolge storici, studiosi, scrittori e artisti in un confronto sulle nuove sfide del continente africano. (Galleria 5, ingresso 5 €, gratuito per i possessori di card myMAXXI)

Realizzata in collaborazione con il Centro Studi Postcoloniali e di Genere del Dipartimento delle Scienze Umane e Sociali dell'Università degli Studi di Napoli “L'Orientale”, AFRICAN ROOTS, AFRICAN ROUTES parte dalla constatazione che tra l'invenzione occidentale dell'Africa, l'Atlantico nero e la spartizione coloniale del continente, è rintracciabile una triangolazione critica che delinea un nuovo profilo dell'Africa contemporanea.
Oggi il continente non è più unicamente oggetto degli studi storico-antropologici e socio-politici europei, ma terreno per spunti emergenti di riflessione e innovazione, rintracciabili anche nella produzione artistica contemporanea.

A partire dai temi sollevati dalle mostre, Giorgio De Marchis e Maria Paola Guarducci dell'Università degli Studi Roma Tre, la scrittrice Igiaba Scego fellow dell'International center for humanities and social change – Ca'Foscari, Alessandro Triulzi dell'Università degli Studi di Napoli “L'Orientale” e il regista Dagmawi Yimer si confrontano sulle nuove sfide critiche e artistiche del continente.
Introdotti dalla curatrice della mostra road to justice Anne Palopoli, e con la moderazione di Iain Chambers del Centro Studi Postcoloniali e di Genere dell'Università degli Studi di Napoli “L'Orientale”, i partecipanti a questo tavolo di confronto affrontano il riconoscimento di un'Africa moderna che registra la necessità di smobilitare gli archivi codificati del sapere occidentale, che hanno sempre subordinato il continente a un oggetto da mappare, spiegare e colonizzare tramite le proprie esigenze politico-economiche. Così l'idea dell'Africa della modernità occidentale cede il passo all'idea rimossa ma più significativa di un'Africa come parte costituiva di una modernità planetaria intrecciata e plurisecolare, coinvolta in processi storico-culturali complessi.

Obiettivo dell'incontro è avviare un percorso verso l'ascolto, per imparare da una modernità proveniente dall'altra parte del Mediterraneo, che con le sue domande ormai abita anche le nostre città, i nostri musei, le nostre culture e le nostre vite.

* Gratuito per i possessori di card myMAXXI che hanno anche la possibilità di prenotazione del posto – per i primi 10 – scrivendo a mymaxxi@fondazionemaxxi.it
L'acquisto del biglietto dà diritto a un ingresso ridotto al museo entro una settimana dall'emissione.

MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo
www.maxxi.art – info: 06.320.19.54; info@fondazionemaxxi.it
orario di apertura: 11.00 – 19.00 (mart, merc, ven, sab, dom) |11.00 – 22.00 (giovedì) | chiuso il lunedì

 

 

Fonte: UFFICIO STAMPA MAXXI in collaborazione con LETIZIA D'AMATO s.r.l. STUDIO DI COMUNICAZIONE 

About EZrome

Check Also

Venere in musica: Sergio Rubini, Pino Quartullo e Paola Minaccioni

#VenereinMusica #SergioRubini #PaolaMinaccioni #EZrome Il Parco archeologico del Colosseo continua con "Venere in Musica", presentando "Caro Mecenate" con Sergio Rubini e Pino Quartullo il 25 giugno e "Paola racconta Anna" con Paola Minaccioni il 26 giugno. Gli spettacoli, che si terranno al Tempio di Venere e Roma, offrono un'esperienza culturale unica e gratuita, con prenotazione obbligatoria.

L’estetica della deformazione alla Galleria d’Arte Moderna

#espressionismo #arteitaliana #mostra #EZrome La Galleria d'Arte Moderna di Roma ospiterà la mostra "L'estetica della deformazione. Protagonisti dell'espressionismo italiano" dal 6 luglio 2024 al 2 febbraio 2025. L'esposizione esplora l'espressionismo italiano degli anni Venti-Quaranta, con opere di artisti come Guttuso e Levi. L'evento è promosso da Roma Capitale e organizzato da Zètema Progetto Cultura.

Lascia un commento