Lunedì, 23 Settembre 2019

amazon prime video

Nella giornata in cui Daniele Conti supera Gigi Riva in termini di presenze in campionato (316), il Cagliari si regala un successo che di fatto blinda la salvezza - 13 lunghezze di vantaggio sul Cesena - e rilancia le ambizioni di Europa League: il sesto posto dista solo cinque punti, che diventano tre prendendo come parametro la settima piazza. E' un crollo pesante per la Lazio, alleggerito solo parzialmente dagli stop di Roma, Palermo e Juventus. La storia del prepartita è legata a Reja e Donadoni: quest'ultimo subentrò al tecnico goriziano nel marzo del 2009 sulla panchina del Napoli e il primo confronto diretto sorride all'ex ct azzurro, che conferma ovviamente il 4-3-1-2 inserendo Perico al posto dell'assente Pisano. L'allenatore biancoceleste presenta la stessa formazione che aveva battuto il Bari: nella prima frazione il gioco è saldamente in mano ai romani, il cui limite è quello di girare palla senza mai trovare la profondità. L'esatto opposto del Cagliari, abilissimo nel tamponare per ripartire: al 5' Berni sbaglia l'uscita e Nenè ha sulla testa il primo match-point, sparacchiato malamente sull'esterno della rete. Gli ospiti non creano pericoli, eccezion fatta per qualche tiro da lontano. L'opaco Hernanes ci prova al 36': punizione insidiosissima, la respinta di Agazzi non brilla in estetica ma è sufficientemente efficace. Il match sonnecchia, i padroni di casa lo svegliano bruscamente. Punizione sulla linea mediana, Cossu riceve palla e verticalizza senza pensarci troppo: Acquafresca va via beffando la retroguardia capitolina per andare col destro a giro nell'uno contro uno con Berni. L'estremo difensore smanaccia fuori dallo specchio della porta, a portare il Cagliari in vantaggio ci pensa involontariamente Dias, assai maldestro nel tentativo di liberare l'area piccola. L'autogol affligge la Lazio, il primo quarto d'ora della ripresa è di marca isolana con un solo destro di Ledesma da registrare al 12': Kozak cerca il tap-in aereo sulla respinta di Agazzi, pallone fuori di pochissimo. Reja vede i suoi in difficoltà di costruzione ed inizia ad inserire punte: l'ingresso di Floccari regala una spinta di qualche minuto - l'attaccante colpisce un palo pur partendo in offside - mentre quello di Zarate spezza inevitabilmente gli ospiti in due tronconi. I quattro attaccanti (i due nuovi entrati, Kozak ed Hernanes) non ricevono praticamente più la sfera, mentre Missiroli spreca il 2-0 in un paio di occasioni. Sul corner di Ledesma al 49' finiscono le sofferenze del Sant'Elia, che a inizio gara aveva messo in scena l'annunciata "panolada" di protesta dopo il torto subito contro l'Inter. 

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.