IL GRANDE WRESTLING TORNA A ROMA

Appuntamento per Domenica 3 Dicembre alle ore 17 presso lo storico locale di Stazione Birra con Roma Caput Mundi.

Sarà un evento di livello internazionale quello organizzato dalla Pro Wrestling Roma, che promette di offrire uno spettacolo imperdibile ed adatto a tutta la famiglia.

Diversi i match di cartello della serata, tra i quali certamente spicca quello valido per il titolo dei pesi massimi della European Pro Wrestling, tra il campione, il francese Tristan Archer, uno dei nomi di rilievo del wrestling europeo, Karim Brigante, wrestler romano con importanti esperienze in USA ed Europa e Francesco Akira, altro atleta italiano, attualmente impegnato in Giappone con la New Japan Pro Wrestling.

Non mancheranno altri spunti d’interesse come lo scontro per il titolo italiano IWA tra il campione Ivan Sanzio e lo/la sfidante ed ex campione/campionessa Flowey Queen, nonchè il match di coppia tra la Roman Dinasty ed i Bastalanders, o il match per l’alloro femminile EPW tra la sfidante Calypso e la campionessa Queen Maya.

Altri match, a completamento del programma della serata, verranno annunciati nei giorni a venire.

Ospite d’eccezione il noto streamer Il Vecchio Nerd, che parteciperà allo show in veste di direttore generale delle operazioni.

I biglietti, con il bordo ring segnalato in esaurimento, sono disponibili in prevendita scontata
via whatsapp al 3348746722.

Fonte: Diego Piacentini

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.