lazio
lazio

Lazio, un 2009 con poche luci e tantissime ombre

lazioIl 2009 volge al termine e non lo si può certo definire un anno brillante per la formazione biancoceleste. Da gennaio a maggio, nel girone di ritorno dello scorso campionato, la Lazio ha conquistato solo 19 punti in 19 partite, finendo la stagione al 10° posto. A mitigare la delusione per un campionato davvero deludente, conclusosi con l'addio a Delio Rossi, pochi ma significativi : l'esplosione del talentuoso Zarate e del sorprendente Lichsteiner, la rinascita di Muslera, la brillante vittoria nel derby di ritorno e la conquista della quinta Coppa Italia, con conseguente qualificazione alla fase a gironi della nuova Europa League. Di fatto la vittoria in Coppa Italia avrebbe potuto essere la base da cui partire con un nuovo progetto tecnico, affidato dal presidente Lotito al tecnico ravennate Davide Ballardini.

La campagna acquisti però non ha rafforzato l'organico, numericamente sovrabbondante per il ritorno dei tanti giocatori dati in prestito ma tecnicamente indebolito dalla rinuncia ai dissidenti Ledesma e Pandev. Nonostante ciò la Lazio ha avuto un buon inizio: la sofferta quanto fortunosa conquista della Supercoppa Italiana a Pechino e due vittorie in altrettante gare di campionato, sembravano il prologo di una stagione brillante. Purtroppo non è stato così, l'illusione di poter disputare un campionato di buon livello è durata davvero poco: in campionato, nelle quindici partite successive alla vittoria col Chievo del 30 agosto, la Lazio ha ottenuto una sola vittoria, 7 pareggi e 7 sconfitte. La classifica degli uomini di Ballardini è da incubo: 16 punti in 17 partite, quartultimo posto in compagnia del Bologna. Anche in Europa League le cose non sono andate meglio: fuori al primo turno, dopo aver subito due sconfitte dal Salisburgo e aver chiuso mestamente il girone con la sconfitta casalinga subita dal modesto Levski Sofia. Ad aggravare la situazione la sconfitta nel derby, giunta al termine di quella che è stata probabilmente la miglior prestazione stagionale dei biancocelesti, e l'addio definitivo a Goran Pandev, che ha ottenuto la rescissione del contratto e che può quindi considerarsi un patrimonio gettato al vento. Ledesma, dopo il fallimento del tentativo di riconciliazione con la società, ha deciso di seguire l'esempio del macedone e c'è il rischio concreto di un ulteriore danno economico. In entrambi i casi sarebbe forse stato meglio avere un atteggiamento più pragmatico e avvalersi delle prestazioni di due pedine fondamentali della Lazio degli anni passati. Presidente e allenatore hanno preferito non farlo e i numeri fotografano con dolorosa precisione i risultati di questa scelta. Dieci gol fatti in diciassette partite raccontano di una squadra che stenta a fare gioco e gol, nonostante la presenza di attaccanti del valore di Rocchi, Zarate e Cruz. Un dato clamoroso per una formazione che aveva nella prolificità in zona gol il proprio marchio di fabbrica. Il momento è difficile, la speranza è che la società faccia tesoro della vicenda Pandev e che il mercato di gennaio sia utilizzato per rafforzare una squadra in enorme difficoltà. A Ballardini il compito di dare convinzione, gioco e continuità a questa squadra. In questa ottica le buone partite contro Roma, Genoa e Inter possono essere un inizio, ma alle buone prestazioni devono seguire risultati concreti, ovvero punti per uscire dalle secche della zona retrocessione. Alla buona sorte, infine, il compito di non voltarci ancora le spalle come nel derby, anche se sembra che la fortuna sia prerogativa esclusiva dei cugini.

Il 2009 se ne sta andando, noi laziali non lo rimpiangeremo.

Avanti Lazio.

About Redazione

Check Also

Remo Anzovino in concerto alla Casa dell’Architettura

Il Maestro Remo Anzovino in concerto il 23 maggio alla Casa dell’Architettura Il pianista e compositore, definito il «musicista dell’arte» per le sue collaborazioni cinematografiche, si esibisce in un concerto per piano solo, che apre il suo tour estivo, in occasione della VII edizione della Giornata della Legalità organizzata dall’OAR - Ingresso gratuito con prenotazione del posto LINK PRENOTAZIONI. INGRESSO GRATUITO Una capacità evocativa che riesce a raccontare in musica le immagini e le visioni generate dall’arte e dall’architettura, intrecciando le corde delle emozioni in un linguaggio fruibile e comprensibile per un pubblico sempre più vasto. Sono alcuni dei tratti distintivi dei «viaggi» musicali di Remo Anzovino, compositore e pianista definito per le sue collaborazioni cinematografiche «il musicista dell’arte». Il Maestro si esibirà dal vivo alla Casa dell’Architettura (piazza Manfredo Fanti, 47), nella suggestiva cornice del complesso monumentale dell’Acquario Romano, il prossimo 23 maggio (ore 21), con un concerto per piano solo che sarà la prima tappa del suo tour estivo. Il grande appuntamento, in cui si celebreranno i 20 anni di carriera di Anzovino, si svolgerà in occasione della VII edizione della Giornata della Legalità – a chiusura del programma che l’Ordine degli Architetti PPC di Roma e provincia organizza con cadenza annuale per la ricorrenza della strage di Capaci (leggi l’articolo di presentazione della giornata: LINK) -, lanciando attraverso la bellezza – della musica, dell’arte, dell’architettura – un messaggio contro ogni forma di illegalità. L’ingresso al concerto è libero e gratuito, previa registrazione e prenotazione del posto al seguente LINK Con oltre 30 milioni di streaming in 180 paesi nel mondo e 21 album pubblicati, il Maestro Anzovino ha composto le musiche dei più importanti film realizzati per la serie «La Grande Arte al Cinema» (Vincent Van Gogh, Frida Kahlo, Picasso, Monet, Gauguin, Pompei, il Museo Egizio), vincendo nel 2019 il Nastro D’Argento – Menzione speciale «Musica dell’Arte» per le colonne sonore originali, in grado di rendere «più intensa la narrazione aggiungendo emozione alle emozioni che l’Arte riesce ad esprimere al grande pubblico attraverso il successo degli eventi speciali di cui è protagonista» -, riconoscimento che quest’anno è stato attribuito come miglior film d’arte a «Borromini e Bernini. Sfida alla perfezione» di cui Anzovino è autore della colonna sonora originale. Il compositore e pianista – nato a Pordenone, nel 1976, da genitori napoletani – è da sempre sensibile alle tematiche sociali e umanitarie, nel 2023 ha tenuto un concerto nel carcere di Poggioreale, ha firmato le musiche del documentario «Respiro di Inverno», realizzato dalla Croce Rossa Italiana per il primo anno della guerra in Ucraina, ed è stato scelto come unico musicista per un concerto tenuto al Teatro Opera Carlo Felice di Genova, in memoria delle vittime del ponte Morandi, nel quinto anniversario del crollo. Il suo ultimo album è «Don’t Forget to Fly», pubblicato nel maggio 2023 per la casa discografica Believe. Il concerto per piano solo che si svolgerà alla Casa dell’Architettura, nella sala centrale dell’Acquario Romano, ripercorrerà la carriera del compositore con i suoi grandi successi, sarà presentato da Marco Maria Sambo, segretario OAR e direttore di AR Magazine, coordinamento a cura di Emanuela Petrone. «L’esibizione del Maestro Anzovino si svolgerà a chiusura di un importante convegno organizzato dall’Ordine per la Giornata della Legalità – spiega Sambo – proprio per dare un segnale di come la poetica della musica e dell’arte possano essere da esempio: dove c’è tanta bellezza non può esserci illegalità. È questo il filo conduttore che intendiamo mettere in luce con un grande concerto gratuito per tutti». La capacità di Anzovino di raccontare e comunicare, attraverso la composizione musicale, emozioni e significati non solo dell’arte ma anche dell’architettura è stata resa esplicita dalla colonna sonora composta dal Maestro per il docufilm «Borromini e Bernini. Sfida alla perfezione» – diretto da Giovanni Troilo, con gli attori Jacopo Olmo Antinori (Borromini), Pierangelo Menci (Bernini), sceneggiatura di Luca Lancise, prodotto da Francesco Zippel e Federica Paniccia – andato in onda su Sky e proiettato alla Casa dell’Architettura di Roma il 16 dicembre 2023, in un sala centrale dell’Acquario Romano gremita. «Parlare di Borromini – ha scritto Marco Maria Sambo in un articolo su AR Web pubblicato lo scorso gennaio (LINK) – vuol dire descrivere la poetica architettonica per antonomasia; una poesia barocca fatta di dinamiche spiraliformi e morfologie organiche: è una sorta di musica dell’arte e dell’architettura e, anche per questo motivo, Remo Anzovino ha centrato perfettamente, con la sua colonna sonora, l’essenziale anima borrominiana conferendo ulteriore grandezza a questa opera filmica di Troilo, come nella storia è sempre avvenuto con grandi maestri come Rota, Morricone, Williams, Zimmer e tanti altri che sono riusciti a dare sostanza a scene e piani sequenza già meravigliosi in sé, regalando profondità attraverso le note, superando il tempo e lo spazio».

Anteprima Terra Madre e Festa del Bio al MAXXI dal 24 al 26 maggio 2024

#Eventi #Roma #AgricolturaBiologica #EZrome Dal 24 al 26 maggio 2024, il MAXXI di Roma ospiterà Anteprima Terra Madre e Festa del BIO, una tre giorni di incontri, laboratori, conferenze e una mostra mercato con i produttori dei Mercati della Terra, Presìdi Slow Food e biologici del Lazio. Un'occasione per esplorare le proposte dei giovani attivisti della società civile italiana e sensibilizzare il pubblico sul biologico.