Giovedì, 03 Dicembre 2020

amazon prime video

La “generazione 2024” inizia il viaggio verso gli Europei in casa. La 18enne saltatrice azzurra e i progetti per il 2021: “Non voglio bruciare le tappe, sono ancora un ‘cucciolo’ in mezzo alle grandi”

Stare lassù, tra molte delle più forti saltatrici al mondo, le fa un certo effetto: “Quando guardo la graduatoria mondiale ho una sensazione stranissima. Ma io ci vado cauta, non voglio bruciare le tappe. Tra loro mi sento ancora un ‘cucciolo’ che deve fare tantissima esperienza e so perfettamente che l’atletica dei grandi è come una gabbia di leoni. Bisogna arrivarci pronti”. Cucciolo o non cucciolo, Larissa Iapichino ha già tirato fuori gli artigli. Ha chiuso la stagione al quinto posto mondiale dell’anno nel salto in lungo con la misura di 6,80 a pari merito con la serba Ivana Spanovic: non una lunghista qualunque, ma la campionessa del mondo (ed europea) al coperto, “che per me è veramente un idolo, fino a poco tempo fa la guardavo in tv”. Gradualità, è la parola d’ordine. Un passo alla volta. Con la necessaria calma. Senza affrettare una crescita che nel 2020 è proseguita e si è consolidata a suon di risultati (titolo italiano assoluto e under 20, i record italiani di categoria indoor e outdoor), di rivoluzioni tecniche (riuscite) come il passaggio al “due e mezzo” nella fase aerea del salto, e di una nuova maglia da indossare, quella del gruppo sportivo delle Fiamme Gialle.

Della “generazione Roma 2024” che avrà il privilegio di vivere gli Europei in casa all’Olimpico, è una perfetta interprete: “Sono già emozionata - ammette - martedì appena finito l’allenamento ho aperto i social e sui profili della Federazione ho letto la notizia. Sono stata felicissima. Nel 2024 mi aspetto di essere un’atleta più consapevole, più esperta, e più capace di immergermi nell’atletica che conta”. La reazione generale, tra gli azzurrini, e tra chi ambisce a indossare quella maglia così preziosa, è stata di estrema euforia: “L’abbiamo accolta tutti con moltissimo entusiasmo, è vero. È un’occasione unica che probabilmente non si ripeterà”. Come arrivarci, quindi? E come prepararsi a un 2021 ancora avvolto da dubbi visto il contesto internazionale. Su questo stanno lavorando Larissa e il suo coach Gianni Cecconi: “Tecnica e forza, questi i due aspetti che stiamo curando di più in questa fase - racconta la saltatrice 18enne cresciuta nell’Atletica Firenze Marathon - il mio allenatore si è meravigliato di come sia riuscita ad acquisire rapidamente una stabilità tecnica, quasi senza pensarci troppo. E devo dire che anch’io ne sono rimasta sorpresa. Per di più averlo fatto in una stagione “monca”, certamente non tutta rose e fiori, e mentalmente non semplice, può dare buone speranze per il futuro”.

Divisa tra gli impegni scolastici al liceo scientifico (“Un mese e mezzo in presenza, poi con lezioni alternate tra scuola e casa, ora sempre in didattica a distanza”) e i suoi allenamenti quotidiani a Firenze, l’oro europeo under 20 Iapichino ha le idee piuttosto chiare per la stagione che verrà: “Le Olimpiadi di Tokyo le metto ancora nella categoria dell’eventuale - le sue parole - Sicuramente vorrei tornare agli Europei under 20, che saranno a Tallinn nel mese di luglio, per provare a confermarmi dopo due anni. E mi piacerebbe partecipare anche ai Mondiali under 20 di Nairobi, perché a livello giovanile non ho mai gareggiato in una rassegna mondiale. Sono due impegni che possono servirmi per rompere il ghiaccio ancora meglio. Ai Giochi olimpici chi non vorrebbe andarci? Ma al momento non ho né il ‘minimo’ né la certezza della posizione nel ranking, quindi si vedrà”. Nei piani - sempre ammesso che si riesca a gareggiare - c’è anche la stagione indoor con tre probabili uscite in agenda: “Campionati italiani juniores e poi gli Assoluti, a quel punto valuteremo per gli Europei indoor di Torun del 5-7 marzo. Posso già escludere i Mondiali indoor di Nanchino perché vorrebbe dire perdere troppi giorni di lezione”. È l’anno della Maturità. A scuola. E in pedana.

(foto Colombo/FIDAL)

Fonte: Ufficio Stampa FIDAL

 

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.