secondo lei
foto di Francesca Lucidi

Caterina Guzzanti in scena al Teatro del Lido con “Secondo lei”

Nell'affascinante cornice del del Lido di Ostia, si accendono i riflettori su un evento che promette di lasciare un segno nel panorama teatrale romano: Caterina Guzzanti porta in scena “Secondo lei”, un'opera teatrale scritta, diretta ed interpretata dall'artista stessa, che si terrà venerdì 8 e sabato 9 marzo alle ore 19. Questo spettacolo vede la partecipazione anche di Federico Vigorito, in una produzione firmata Infinito srl, che si preannuncia come un'immersione profonda nelle dinamiche delle relazioni di coppia, con un occhio di riguardo per la prospettiva femminile e l'influenza sociale sulle scelte individuali.

Un viaggio nel cuore delle relazioni

“Secondo lei” non è solo un testo di prosa teatrale, ma un viaggio introspettivo che esplora le complessità delle relazioni amorose. Caterina Guzzanti, con la sua verve e la capacità di analisi, si cimenta in un'opera che sfida le convenzioni, portando alla luce le asperità e le incongruenze del sentimento amoroso. Attraverso il dialogo interiore e le riflessioni dei protagonisti, lo spettacolo si propone di svelare quanto il contesto sociale e le aspettative culturali modellino, e talvolta ostacolino, l'espressione autentica dei sentimenti e delle identità individuali.

La narrazione si snoda attorno alla metafora di un “campo di battaglia” silenzioso ma incessante, dove fraintendimenti, bisogni inespressi e desideri soppressi diventano elementi di un conflitto interiore che riflette le contraddizioni e le problematiche di coppia. Guzzanti, attraverso il suo testo, invita lo spettatore a riflettere sulla fragilità delle relazioni umane, sottolineando come l'amore, che dovrebbe rappresentare un rifugio sicuro e accogliente, possa trasformarsi in un terreno insidioso, minato da aspettative non corrisposte e promesse dimenticate.

Riflessioni sulla società e l'individuo

Al di là della trama, “Secondo lei” rappresenta un'occasione per interrogarsi sul ruolo che la società gioca nelle nostre vite amorose. L'opera mette in luce il peso delle convenzioni sociali, della pressione esterna e delle strutture di potere invisibili che influenzano le scelte personali, spingendo gli individui a confrontarsi con la propria autenticità e con il desiderio di essere accettati per ciò che realmente sono.

In questo senso, lo spettacolo diventa un atto di coraggio: un invito a guardare oltre le apparenze, a riconoscere e accettare la complessità dei rapporti umani, sfidando le etichette e le aspettative. Guzzanti, con questo lavoro, non solo conferma il suo talento artistico ma si afferma come voce critica capace di indagare e smascherare le ipocrisie della società contemporanea, offrendo allo stesso tempo una speranza: quella di un amore più autentico e liberato dai pregiudizi.

Info utili

Lo spettacolo “Secondo lei” sarà rappresentato al Teatro del Lido di Ostia, in via delle Sirene 22, venerdì 8 e sabato 9 marzo, alle ore 19. I biglietti sono disponibili al costo di 10 euro per l'intero e 8 euro per il ridotto, acquistabili online su Vivaticket. Non perdete l'occasione di assistere a questa appassionante piece che promette di essere non solo un momento di alta qualità teatrale ma anche un'occasione di riflessione profonda sulle dinamiche delle relazioni amorose e sulle loro implicazioni nella vita di tutti i giorni.

About EZrome

Check Also

Live nei teatri: Levante celebra dieci anni di musica

#LevanteLiveNeiTeatri #musica #teatro #EZrome Levante, in tour con "Live nei teatri", celebra i dieci anni di carriera con uno spettacolo che intreccia musica, storia personale e rinnovamento artistico. Tra gli impegni futuri, diverse città italiane ospiteranno le sue esibizioni intime e coinvolgenti.

“Roots/Le radici del contemporaneo” celebra Elsa Morante con “La Storia”

#RootsFestival #LaStoria #ElsaMorante #EZrome Il festival "Roots – Le radici del contemporaneo" celebra il cinquantenario del romanzo "La Storia" di Elsa Morante con un reading speciale alla Libreria Tuba di Roma. Un'immersione nelle emozioni estreme e nella narrativa potente di Morante, in un evento che rievoca i valori della Resistenza alla vigilia del 25 aprile.