TOR BELLA MONACA: gli spettacoli dal 22 al 26 marzo 2023

Al TBM si apre il sipario con la comicità e si prosegue con i diritti civili. Dal 22 al 26 marzo il racconto dedicato a Rocco Chinnici metterà la platea di fronte all'integrità della sua figura, mentre la musica punta a sensibilizzare contro la discriminazione in occasione della XIX settimana di azione contro il razzismo

“Non tutti i ladri vengono per nuocere” apre la settimana del TBM. Mercoledì 22 marzo lo spettacolo prodotto da G.O.S.T. e diretto da Omar Mohamed vede in scena Paola Saccoman, Lara Panighetti, Katia Calati, Adriano Martinez, Alberto Guerrasio, Alessandro Audino e Ivan Andreello. Il problema non è svaligiare una casa, il problema è svaligiare la casa giusta e avere un “palo” che sappia fare il suo mestiere. Ma anche per quello ci vuol talento. Se poi in quella casa, invece di essere disabitata, c'è un via vai di coppie fedifraghe, la miscela alchemica è perfetta per innestare il più efficace degli schemi drammaturgici rendendo la commedia sintesi e vera espressione del gioco teatrale. Assistente alla regia: Ilaria Basilico.

Da giovedì 23 a sabato 25 marzo sul palco del sarà in scena “Mio padre, un magistrato – Storia di Rocco Chinnici ucciso dalla mafia, raccontata dalla figlia” una produzione Cooperativa Tamtam. Di e con Clara Costanzo, accompagnata dalle musiche originali dal vivo di Roberto Izzo, la rappresentazione è dedicata a Rocco Chinnici, giudice pioniere dell'antimafia, assassinato con una fiat 126 imbottita di tritolo. Rocco Chinnici è un personaggio poco conosciuto da chi non ha vissuto nella sua epoca. Fu il primo ad affermare che per combattere la mafia bisognasse colpirla negli affari economici; fu il primo ad intuire l'unitarietà e l'interdipendenza fra tutte le famiglie mafiose e conseguentemente, l'interconnessione dei grandi delitti di mafia; fu il primo a modificare radicalmente il metodo di lavoro dei magistrati, cercando di affrontare unitariamente l'esame del fenomeno; chiamò a lavorare con lui Borsellino e Falcone; istituì quello che, solo dopo la sua morte, prenderà il nome di POOL ANTIMAFIA; ideò un metodo di lavoro apprezzato e ripreso anche dall'FBI; fu il primo a portare la sua testimonianza nelle scuole, a parlare direttamente ai ragazzi, convinto che educare le giovani generazioni ad una nuova coscienza, fosse l'unica arma per costruire un futuro migliore. Fu ucciso dalla prima autobomba piazzata da cosa nostra, il 29 luglio 1983.

“Chi me l'ha fatta in testa?”, tratto dall'omonimo best seller di Werner Holzwarth e Wolf Erlbruch, intratterrà il pubblico dai 3 anni in su domenica 26 marzo. Prodotto da Seven Cults, lo spettacolo è scritto da Aharon Levin e Yaron Edelstein, per la traduzione di Miriam Horowitz. Claudia Della Seta dirige Sofia Diaz, Claudia Della Seta e Ana Kusch che si calano nella storia di una graziosa Talpa, ma decisamente miope, alla quale accade un piccolo incidente: qualcuno le ha fatto la cacca in testa! Ma chi è il colpevole? Per scoprirlo, la Talpa dovrà svolgere argute ed esilaranti indagini tra tutti gli animali con grande delizia di bambini e adulti. Alla domanda “sei tu che me l'hai fatta in testa?” ciascun personaggio risponderà “Io la faccio così” e mostrerà le varie fattezze e consistenze delle sue puzzolenti produzioni. Riuscirà la Talpa, alla fine, a rintracciare il responsabile? Certo che sì! Grazie all'aiuto di due esperti del settore: due mosche! Un piccolo delizioso classico diventato celebre nel corso degli anni perché sdogana l'argomento tabù più amato dai piccoli, che però fa parte di tutti noi come mangiare e respirare e i bambini questo lo sanno! E allora sorprendiamoli con questa storia garbata e un po' puzzolente, godendoci le loro risate e scoperte. Musiche originali: Itamar Gross; Scene: Roberta Gentili; Costumi: Federico Polucci.

“Unendo le voci”, produzione I.I.S. “Edoardo Amaldi” e A Buon Diritto Onlus, è l'appuntamento musicale che conclude la settimana al TBM. Domenica 26 marzo si aprirà il sipario sul concerto delle ragazze e dei ragazzi dell'I.I.S. “Edoardo Amaldi”. Alessandro Cardinale, Afif Ben Fekih insieme ad Altrove, accompagnata da Mario Puorro e Giulia Salsone, Dunen Mubin e i 66Kif, composti da Afif Ben Fekih, Riccardo Celi, Thameur Jebari, daranno vita a un'esibizione canora che tocca tematiche sociali. La musica, infatti, è da sempre considerata un importante strumento di espressione e riflessione. Un mezzo che permette di raccontare storie e dare voce a lotte, istanze, richieste, attraverso cui parlare di diritti e di concetti grandi come la libertà e la giustizia, i pregiudizi e le discriminazioni, il razzismo e l'antirazzismo, la fratellanza, l'inclusione. Con questa consapevolezza, in occasione della XIX settimana di azione contro il razzismo, è nato e si è sviluppato il progetto “Unendo le voci”, un laboratorio di composizione musicale partecipativa e multiculturale di A Buon Diritto Onlus a cui hanno partecipato alcune studentesse e studenti dell'I.I.S. “Edoardo Amaldi”. Durante il laboratorio le ragazze e i ragazzi hanno composto, registrato e prodotto dei brani musicali insieme al musicista e ingegnere del suono Afif Ben Fekih e all'artista Alessandro Cardinale.

Da un progetto di A Buon Diritto Onlus. Il progetto ha ricevuto un finanziamento nazionale pubblico dall'UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni razziali nell'ambito delle attività della XIX settimana di azione contro il razzismo.

 

Teatro Tor Bella Monaca – Arena Teatro Tor Bella Monaca
Via Bruno Cirino angolo Via Duilio Cambellotti raggiungibile con Metro C o Linea Bus 20
Ampio parcheggio disponibile

Spettacoli ore 21; ore 18

Per informazioni e prenotazioni:
Telefono 062010579 (dalle 10:30 alle 19:30)
Messaggi whatsapp 3920650683

Botteghino: dal martedì alla domenica dalle 10,30 alle 21,30

Acquisto online su Vivaticket
BIGLIETTI
intero 12,00 Euro
ridotto 10,00 Euro
giovani 8,00 Euro
GIFT CARD 78,00 Euro (10 ingressi)

 

UFFICIO STAMPA TEATRO TOR BELLA MONACA
Rocchina Ceglia
Maresa Palmacci

 

 

Fonte: Maresa Palmacci

About EZrome

Check Also

Sticky Bones al Museo del Saxofono: un tuffo nel Jazz d’epoca

#Jazz #StickyBones #MuseoDelSaxofono #EZrome Il 2 marzo al Museo del Saxofono, gli Sticky Bones porteranno in scena il sound originale del jazz d'epoca, in un viaggio musicale dai primi anni del XX secolo al 1935.

Nelle due mani: un’opera prima al Teatro Trastevere

#Teatro #Famiglia #NelleDueMani #EZrome Dal 7 al 10 marzo 2024, il Teatro Trastevere ospita "Nelle due mani", un'opera prima di Roberto Boris Staglianò che esplora le dinamiche di una famiglia attraverso le vicende di Pà, Mà, Caiòn, Abe e nonna Lou, offrendo uno spaccato di vita familiare ricco di emozioni e riflessioni.

Lascia un commento