“La terra promessa” di Guillem Clua al Teatro Tor Bella Monaca

Il 15 luglio alle ore 21, si terrà l'anteprima de “La terra promessa”, uno spettacolo di Guillem Clau (traduzione di Simona Noce e Pino Tierno) con Giuseppe Pambieri, Micol Pambieri, Stefano Messina e Pavel Zelinskiy

e la regia di Nicoletta Robello Bracciforti. A seguire, il 18 luglio ore 21 ci sarà la prima nazionale nell'ambito del Festival di Borgio Verezzi.

L'azione si svolge in un futuro indefinito presso la sede dell'Onu, dove rappresentanti della Repubblica di Malvati, il cui territorio è quasi scomparso a causa dei cambiamenti climatici, chiedono ai loro omologhi un'isola per fondare un nuovo Paese.. Lo spettacolo spiega in tono farsesco le avventure del Presidente e della sua delegazione, che devono affrontare situazioni surreali negli incontri con delegati di diverse nazioni per garantire un futuro al proprio popolo e alla propria famiglia.

 

L'autore, laureato in giornalismo presso l'Università Autonoma di Barcellona (UAB), ha iniziato la sua formazione in scrittura alla London Guildhall University (Londra, Gran Bretagna) nel 1994. Attualmente è considerato una delle voci più innovative e versatili del nazionale spagnolo contemporaneo. I critici hanno definito il lavoro di questo autore come multidisciplinare, eclettico e con una preoccupazione prioritaria per la struttura narrativa e la trama. Il suo obiettivo è sempre quello di raccontare storie e renderle vicine allo spettatore, utilizzando meccanismi di intrigo, commedia o melodramma, un ritmo frenetico, e anche elementi tipici di altri media, come televisione, Internet e cinema.La sua formazione come giornalista fa sì che il drammaturgo non esiti a scegliere temi di attualità che generano i grandi titoli dei giornali: la guerra in Iraq, il conflitto palestinese, il cambiamento climatico, i nazionalismi … tutti hanno trovato un posto nelle sue opere. Il risultato sono opere di alta tensione politica ( La pelle in fiamme , Il sapore delle ceneri , La rondine ) e drammi epici ( Marburg , Invasión , Justícia ), ma anche musical ( Killer , 73 raons per deixar-te ), spettacoli di teatro-danza ( Morte a Venezia , Nel deserto ), adattamenti di classici ( Iliade, La revoltosa ) e commedie oltre a Terra Promessa, Smiley , Al damunt dels nostres cants.

Le scene sono di Pierpaolo Bisleri, , le luci di Pietro Sperduti, le musiche e sonorizzazioni di Arturo Annecchino.

 

La produzione eco sostenibile sarà supportata nella promozione dello spettacolo dalla Fondazione Symbola cui siamo soci

Francesco Fusco
Ufficio Stampa

 

 

 

 

 Fonte: Francesco Fusco

About EZrome

Check Also

Roma World: un tuffo nell’Antica Roma tra divertimento e cultura

#AnticaRoma #Divertimento #Cultura #EZrome Roma World riapre le porte con una stagione 2024 piena di novità: dallo spettacolo "Roma On Fire" al Backlot Tour, un'avventura unica tra storia e cinema. Un'esperienza immersiva nell'Antica Roma, dove divertimento e apprendimento si fondono in un viaggio indimenticabil

Live nei teatri: Levante celebra dieci anni di musica

#LevanteLiveNeiTeatri #musica #teatro #EZrome Levante, in tour con "Live nei teatri", celebra i dieci anni di carriera con uno spettacolo che intreccia musica, storia personale e rinnovamento artistico. Tra gli impegni futuri, diverse città italiane ospiteranno le sue esibizioni intime e coinvolgenti.

“Roots/Le radici del contemporaneo” celebra Elsa Morante con “La Storia”

#RootsFestival #LaStoria #ElsaMorante #EZrome Il festival "Roots – Le radici del contemporaneo" celebra il cinquantenario del romanzo "La Storia" di Elsa Morante con un reading speciale alla Libreria Tuba di Roma. Un'immersione nelle emozioni estreme e nella narrativa potente di Morante, in un evento che rievoca i valori della Resistenza alla vigilia del 25 aprile.

Lascia un commento