Martedì, 06 Dicembre 2022

amazon prime video

Spazio Rossellini in collaborazione con Orbita/Spellbound presenta Basti/Caimmi WHAT IS A FANCY WORD FOR ENDING Studio – Restituzione di fine residenza,da un’idea di Chiara Caimmi

di e con Anna Basti e Chiara Caimmi
in console Alessio Troya
con il sostegno di Tendance _ ATCL Lazio, Teatro Florian Espace_Progetto OIKOS, ACS Abruzzo Circuito Spettacolo, Artinvita – Festival Internazionale degli Abruzzi, Muta Imago
artiste residenti Ostudio Roma
con il supporto di ORBITA/Spellbound

Sabato 7 maggio alle ore 19 e domenica 8 maggio alle ore 17.30 allo Spazio Rossellini di Roma, il polo culturale multidisciplinare della Regione Lazio gestito da ATCL Circuito Multidisciplinare del Lazio, va in scena lo studio “What is a fancy word for ending” di e con Anna Basti e Chiara Caimmi, che debutterà a Pescara, all’Artinvita Festival Internazionale degli Abruzzi, il 10 maggio.

What is a fancy word for ending è un’indagine sul tema della fine e su ciò che accade tra una fine ed un nuovo inizio. Quanti ultimi baci hai dato? Quanti scatoloni da trasloco hai imballato? Quanti biglietti solo andata hai comperato? A quanti progetti hai detto addio? Quanti lavori hai cambiato? Quante volte hai sentito il tuo cuore farsi in mille pezzi? Quante volte hai dovuto ricominciare?
A noi tutto questo è successo tante, tantissime volte. E nonostante ciò, ogni fine ci coglie impreparate.

“Così l’addio diventa un vizio. Spento uno, se ne riaccende un altro. Di quanto faccia male smettiamo presto di preoccuparci.” (Catalogo degli addii, M. Mander – B. Giacobbe)

A differenza della generazione precedente, la narrazione delle nostre vite è continuamente spezzata: il lavoro non dura più una vita intera, tanto meno le relazioni e anche i luoghi diventano transitori, così come le nostre case. Ai grandi finali irreversibili, se ne accompagnano molti altri, figli di una precarietà del tutto nuova ed imprevista, di cui siamo gli sfortunati pionieri. “Il tratto caratteristico dell’incertezza attuale […] è il fatto che esiste senza che ci siano disastri storici incombenti. Al contrario, la sua esistenza è integrata nella vita quotidiana di un vigoroso capitalismo: si dà per scontato che l’instabilità sia normale.” (L’uomo flessibile, R. Sennett)
Eppure della fine, non sappiamo prenderci cura. La si supera, si va avanti, si ricomincia. La fragilità, il fallimento, lo spaesamento, tutte condizioni che non trovano mai lo spazio di essere, ma che rimangono sepolte come un sottofondo sommerso nel rumore di mille nuovi inizi.
Usiamo lo spazio scenico come luogo di osservazione e sperimentazione. Nel nostro mondo in cui chiusa una porta si apre un portone, scegliamo invece di osservare e osservarci mentre la porta si chiude. Quali le paure? Quali le possibilità?
Cerchiamo di fermare questo momento sospendendolo, portandolo all’estremo attraverso la reiterazione, ripercorrendolo attraverso il meccanismo del loop e del rewind, come uno studio scientifico per prove ed errori. In cui la cavia siamo noi.
La narrazione si genera su più piani: uno affidato alle immagini video e al suono ed un secondo livello, incarnato dai corpi in scena, alla ricerca di nuove possibilità che sfidano questa ineluttabilità, ne studiano i limiti, in un gioco alla ricerca di soluzioni che vadano oltre il binarismo inizio-fine.
Il corpo in scena apre nuove temporalità, nuovi possibili finali, luoghi di stasi, dandosi la possibilità di sottrarsi, abitando, quindi, quello spazio liminale che ci viene costantemente negato.
Lo spettacolo si compone attraverso l’accostamento ritmico di suoni, immagini video e di corpo in scena, in un dialogo la cui drammaturgia funziona per rimandi, contrapposizioni e e giustapposizioni. La linearità della narrazione è continuamente spezzata e si fa metafora della temporalità frammentata che caratterizza oggi le nostre vite.

 

Spazio Rossellini è il polo culturale multidisciplinare della Regione Lazio, gestito da ATCL Circuito Multidisciplinare del Lazio, che offre un programma, rivolto a spettatori di tutte le età, che comprende tutte le arti performative dal vivo, progetti di residenza artistica, con una particolare predilezione alla promozione degli artisti del territorio regionale. La cura artistica progettuale è di Katia Caselli.

SPAZIO ROSSELLINI - Roma
SABATO 7 MAGGIO 2022 ORE 19 / DOMENICA 8 MAGGIO ORE 17.30
via della vasca navale 58 – Roma
INFO: tel: 345 297 8091
Biglietto 5€

Ufficio Stampa: Fabiana Manuelli 

 

 

Fonte: Fabiana Manuelli

Ultime da ARvis.it

ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.