Proroga fino al 24 marzo 2024 per la mostra sui reperti romani

La capitale italiana continua a essere un palcoscenico di inestimabile valore per la storia e l'arte con la proroga dell'esposizione "La Roma della Repubblica. Il racconto dell'archeologia". Questa mostra, che si svolge all'interno delle sale di Palazzo Caffarelli presso i Musei Capitolini, offre un viaggio attraverso i cinque secoli della Roma repubblicana, mettendo in luce circa 1.800 reperti, molti dei quali mai esposti prima al pubblico.

Prorogata la mostra sui reperti romani

La mostra "La Roma della Repubblica. Il racconto dell'archeologia" ha ricevuto un'estensione fino al 24 marzo 2024, permettendo ai visitatori di immergersi nella storia della Roma repubblicana per un periodo più lungo. L'esposizione, inaugurata il 13 gennaio 2023, è stata accolta con grande interesse, tanto da meritare un prolungamento della sua permanenza presso i Musei Capitolini.

Il progetto espositivo, curato da Isabella Damiani e Claudio Parisi Presicce, è il secondo capitolo del ciclo "Il Racconto dell'Archeologia", iniziato con "La Roma dei Re" nel 2018. Promosso da Roma Capitale e dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con l'organizzazione di Zètema Progetto , la mostra si avvale delle ricche collezioni comunali, finora custodite nei magazzini e nei musei della Sovrintendenza.

Fino al 24 marzo 2024 i tesori di Roma

Il percorso espositivo si snoda attraverso tre sezioni principali, dove i visitatori possono ammirare una vasta gamma di manufatti, tra cui oggetti in bronzo, pietra locale, terracotta e ceramica, e in rari casi anche in marmo. Un elemento distintivo della mostra è l'uso del colore, ricreato sulla base di analisi approfondite, che rivela complessi modelli decorativi delle terrecotte.

La maggior parte dei reperti esposti non è solitamente accessibile al pubblico e molti di essi provengono dall'Antiquarium, dove sono stati conservati e ora restaurati per essere presentati per la prima volta. La mostra include anche pezzi pregiati provenienti dalla Centrale Montemartini e ritratti di età tardo-repubblicana provenienti dal settore museale del Campidoglio.

Ultima chiamata: mostra estesa al 2024

Questa è l'ultima opportunità per i visitatori di esplorare la mostra "La Roma della Repubblica. Il racconto dell'archeologia" che è stata estesa fino al 24 marzo 2024. La mostra rappresenta un'occasione unica per scoprire aspetti meno noti della società romana repubblicana e per ammirare reperti di rara bellezza e importanza storica.

I visitatori possono approfittare di questa proroga per pianificare la loro visita e immergersi nella storia di Roma attraverso i secoli. La mostra è un'esperienza culturale imperdibile per chiunque sia interessato all'archeologia e alla storia antica.

La mostra "La Roma della Repubblica. Il racconto dell'archeologia" rappresenta un'opportunità straordinaria per addentrarsi nella storia della Roma repubblicana e per ammirare reperti unici. Con la proroga fino al 24 marzo 2024, i Musei Capitolini invitano tutti a cogliere questa occasione per arricchire la propria conoscenza del passato di Roma.

INFO

Musei Capitolini – Palazzo Caffarelli, Sale al terzo piano
Piazza del Campidoglio, 1

Orari:
Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30.
Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura.

Biglietti:

  • Biglietto “integrato” Musei Capitolini e mostra per i non residenti a Roma: € 17,50 intero; € 14,00 ridotto.
  • Biglietto “integrato” Musei Capitolini e mostra per i residenti a Roma non possessori della “MIC Card”: € 15,00 intero; € 13,00 ridotto.
  • € 2,00 museo + Mostra per le categorie aventi diritto alla gratuità, esclusi gli studenti delle scuole elementari e medie inferiori e i portatori di handicap e il loro accompagnatore, e in occasioni di visite istituzionali.
  • Ingresso gratuito al museo per i possessori della “MIC Card” e per le categorie previste dalla tariffazione vigente.

Contatti:
Telefono: 060608 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00).

About EZrome

Check Also

Diva: Una Sinfonia per Weimar al Goethe-Institut

#Weimar #Cultura #Teatro #EZrome "Diva: Una Sinfonia per Weimar" al Goethe-Institut di Roma, uno spettacolo che omaggia l'epoca di Weimar attraverso le vicende di DIVA, la Nuova Donna, simbolo di emancipazione e cultura.

Un amore di Buzzati rivive sul palco dell’Altrove

#Buzzati #Teatro #Cultura #EZrome "Un amore" di Dino Buzzati prende vita sul palco dell'Altrove Teatro Studio di Roma, in una lettura drammatizzata che intreccia le voci degli allievi dell’Accademia D’Arte Scenica alla musica del cinema italiano. Una serata per riassaporare le atmosfere del 1960 attraverso il talento emergente degli attori.