Roberto Stephenson: City trips / La Rotonda e dintorni

Il giorno 15 dicembre 2022 alle ore 18.00 inaugura, presso lo Studio Compagnucci, la mostra fotografica City trips / La Rotonda e dintorni di Roberto Stephenson, a cura di Francesca Perti.

Roberto Stephenson
City trips / La Rotonda e dintorni

A cura di Francesca Perti

Inaugurazione 15 dicembre 2022 ore 18.00

Studio Compagnucci
Via Quattro Fontane 148 – Roma

Fino al 20 dicembre 2022

 

“Roberto Stephenson, artista italo-haitiano, racchiude in sé molteplici anime, quella dell'esploratore, del viaggiatore e quella del poeta. […] Per Stephenson c'è una realtà nascosta che si rivela attraverso la macchina fotografica, una realtà poetica della scena. L'occhio dell'artista entra nella scena non visto, quasi invisibile, ed è proprio allora che il palcoscenico del reale, come lo definisce Stephenson, si offre senza censure e si svela. […] La serie di fotografie CITY TRIP è l'esito della lunga e intensa ricerca di Stephenson che ha come punto di partenza il desiderio di indagare su temi come la memoria e il ricordo della città. Indagine che viene portata avanti attraverso un uso innovativo della , dove sovrapposizioni, trasparenze e disposizione casuale dei frammenti, danno vita ad immagini multiple, ad un alleggerimento del caos dove la realtà ancora una volta sembra realtà pur non essendolo.

Il lavoro di Stephenson combina insieme due termini limite: sensibilità di superficie e immersione nel profondo: c'è il piacere del colore e la spontaneità delle libere associazioni; lo spettatore, assorbito all'interno del centro gravitazionale dell'artista, viene sopraffatto dall'affiorare di una folla di ricordi. Stephenson compone e scompone, aggiunge e sottrae a suo piacimento dall'immagine iniziale, il suo sguardo nomade non si stanca mai di vedere, la sua vista eccellente riesce a penetrare sotto il velo dell'apparenza cercando di restituire “al mondo la poesia che gli appartiene”.

Le città di Stephenson moltiplicano i punti di vista in una serie di immagini successive e sovrapposte, concatenate tra loro, che uniscono lo spazio all'oggetto rappresentato; sembrano enormi cattedrali evanescenti che ci procurano al contempo fremiti di piacere e lontananza, e a noi non resta che farci inorbitare dentro al vortice.” (dal testo critico di Francesca Perti)

Roberto Stephenson è nato a Roma. Autodidatta, si specializza in fotografia di architettura, inizia la professione nel 1988 e apre il suo primo studio nel 1990. In quegli anni collabora con importanti studi di architettura e riviste di settore ed espone, fra le altre, sotto la direzione artistica di Achille Bonito Oliva, al Palazzo delle Esposizioni di Roma. Dopo New-York, Ahmedabad e Londra, si stabilisce nel 2000 in Haiti, paese natale di suo padre. In quegli anni espone anche due volte alla Biennale di fotografia di Bamako, alla Biennale d'Arte della Havane, alla Triennale di Milano e pubblica quattro di fotografia. Nel 2012 il Museo delle Culture di Lugano in Svizzera, gli dedica una personale importante con un catalogo edito da Giunti. Le sue opere sono pubblicate su libri di arte e fotografia in America Latina. Vive a Roma dal 2021.

 

 

INFO

Roberto Stephenson
City trips / La Rotonda e dintorni
A cura di Francesca Perti

Inaugurazione 15 dicembre 2022 ore 18.00
Fino al 20 dicembre 2022
Orari: dalle 15 alle 19 oppure su appuntamento: + 39 3420723054

Studio Compagnucci
Via Quattro Fontane 148 – Roma

 

Ufficio stampa
Roberta Melasecca – Melasecca PressOffice – Interno 14 next

 

Fonte: Roberta Melasecca

About EZrome

Check Also

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Dolcenera: un viaggio nel cuore dell’Anima Mundi

#AnimaMundi #Dolcenera #MusicaLive #EZrome Dolcenera torna a incantare i palchi italiani con "Anima Mundi – Piano Solo Recital", un tour che fonde musica, filosofia e una riflessione profonda sull'essenza dell'essere umano e della connessione universale. Un viaggio unico nel suo genere, tra canzoni, monologhi e giochi di luce.

Lascia un commento