La 21ª Edizione dell’Asian Film Festival a Roma

Il Cinema Farnese Arthouse di Roma ospita una delle manifestazioni più attese dagli amanti del cinema internazionale: la ventunesima edizione dell'Asian Film Festival. L'evento, che si terrà dal 10 al 17 aprile 2024, promette una settimana ricca di emozioni e scoperte cinematografiche provenienti dall'Estremo Oriente. Curato dal Cineforum Robert Bresson e sotto la direzione artistica di Antonio Termenini, il festival rappresenta un'occasione unica per immergersi nelle culture asiatiche attraverso le loro espressioni cinematografiche.

Un palcoscenico per nuovi talenti e voci affermate

Quest'anno, l'Asian Film Festival si distingue per la diversità e l'alta qualità delle sue proposte, che spaziano dalle opere prime di sorprendente maturità ai nuovi lavori di affermati cineasti. La programmazione, articolata in sessioni che vanno dal primo pomeriggio fino a tarda sera, comprende una varietà di sezioni come Newcomers, Concorso e Fuori Concorso. La giuria dell'edizione 2024, presieduta dal giornalista e scrittore Antonio Polito e composta da figure di spicco del panorama culturale e cinematografico, si appresta a valutare le opere in concorso con uno sguardo attento e critico.

Dialoghi interculturali e temi di rilievo

L'Asian Film Festival non è solo una vetrina per il cinema, ma anche un ponte culturale tra l'Italia e l'Estremo Oriente. Grazie al supporto di Ambasciate, Istituti di e altre entità governative, il festival organizza giornate a tema dedicate a nazioni che si sono distinte per l'originalità e il dinamismo delle loro produzioni cinematografiche. Tra i temi affrontati in questa edizione, spiccano la condizione della donna, l'adolescenza e le sue sfide, e la violenza nelle sue molteplici manifestazioni, offrendo spunti di riflessione attuali e universali.

Anteprime internazionali e ospiti d'eccezione

Il festival si conferma un appuntamento imperdibile per gli appassionati di cinema con una ricca offerta di anteprime internazionali e la presenza di ospiti d'eccezione. Tra i film più attesi ci sono le produzioni giapponesi “After the Fever” di Yamamoto Akira e “Sana” di Takashi Shimizu, il film nepalese “A Road to Village” di Nabin Subbe, e “Shadow of Fire” di Shinya Tsukamotosono, che aprirà il festival. A questi si aggiungono vincitori di prestigiosi festival internazionali, come “The Cord of Life” di Qiao Sixue e “Inside the Yellow Cocoon Shell” di Pham Thien An, arricchendo ulteriormente il programma con storie che toccano il cuore e stimolano la mente.

Info utili

Per tutti coloro che desiderano vivere appieno l'esperienza del festival, sono disponibili diverse formule di abbonamento, con prezzi che variano in base all'offerta: dalle singole proiezioni, con prezzi che vanno da €4,00 a €7,00, agli abbonamenti Gold e Silver, che offrono accesso a tutte le proiezioni e la possibilità di partecipare a estrazioni di premi esclusivi. I film saranno proiettati in lingua originale con sottotitoli in italiano, permettendo così una fruizione autentica e immersiva delle opere. Per maggiori informazioni, si invita a visitare il sito ufficiale dell'Asian Film Festival.

In conclusione, l'Asian Film Festival si riconferma un evento culturale di rilievo internazionale, capace di offrire un panorama unico e diversificato sulle cinematografie dell'Estremo Oriente. Una manifestazione che promette di arricchire il tessuto culturale di Roma con incontri, proiezioni e dialoghi che superano i confini geografici e culturali, in un viaggio indimenticabile attraverso il cinema asiatico.

About EZrome

Check Also

“Frammenti”: l’universo artistico di Vincenzo Giubba a Roma

#Arte #VincenzoGiubba #Roma #EZrome La mostra "Frammenti" di Vincenzo Giubba a Roma offre un viaggio nell'evoluzione artistica dell'autore, tra pittura, scultura e performance, svelando una rinascita creativa arricchita da nuove interpretazioni del passato.

“Il caso Jekyll”: uno sguardo contemporaneo su Stevenson al Teatro dell’Unione

#teatro #IlCasoJekyll #psicanalisi #EZrome "Il caso Jekyll" al Teatro dell’Unione di Viterbo: Sergio Rubini porta in scena un'interpretazione contemporanea e psicanalitica del classico di Stevenson, esplorando la dualità e l'ombra umana in un viaggio nell'inconscio.