Luciano Berio e la multimedialità: il Teatro Palladium

Luciano Berio e la multimedialità: il Palladium – Università Roma Tre ospita la prima delle due giornate dedicate al grande compositore e al suo rapporto con i nuovi media 

Seminario didattico – Proiezione video – Giornata di studi
Roma, 10-11 marzo 2023
Teatro Palladium – Auditorium Parco della Musica

 

Venerdì 10 e sabato 11 marzo si terrà al Teatro Palladium – Università Roma Tre e all'Auditorium Parco della Musica una due giorni di dedicati al compositore e innovatore Luciano Berio (1925-2003) dal titolo Luciano Berio e la multimedialità, promossa dal Centro Studi Luciano Berio e dall'Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

L'ampliamento dei confini del linguaggio musicale mediante l'interazione tra vecchi e nuovi media e l'allargamento dei mezzi di trasmissione del messaggio sonoro hanno rappresentato una
sfida incessante nella carriera del grande compositore.
La manifestazione si pone come punto di partenza di una più estesa riflessione sul rapporto fra Berio e la sperimentazione audiovisiva e multimediale, centrale non solo nel campo degli studi a lui dedicati, ma anche nel più ampio settore di ricerche dedicate all'interazione fra musica ed evoluzione tecnologica nel panorama della musica seria del Novecento.
Il Teatro Palladium – Università Roma Tre è lieto di ospitare venerdì 10 marzo dalle ore 17.30 la prima parte di questo importante appuntamento, aperta ad ingresso libero e rivolta non solo all'ambito accademico ma anche ai musicisti e al grande pubblico: un'occasione unica per approfondire l'importanza dell'innovativa visione musicale del Maestro.

Alle 17.30 la manifestazione prenderà il via con il Seminario didattico “C'è ricerca & ricerca…: intorno a C'è musica & musica di Luciano Berio” con Luca Aversano, Angela Ida De Benedictis e Federica Di Gasbarro.
Alle 20.00, si terrà la proiezione di video con musiche di Luciano Berio: “Lo sguardo in ascolto. Approcci multimediali alla produzione di Luciano Berio”, con interventi delle responsabili scientifiche e alcuni partecipanti della giornata di studi dell'11 marzo che si terrà dalle 9.30 presso l'Auditorium Parco della Musica – Teatro Studio Gianni Borgna e che vede tra i partecipanti Giacomo Albert, Diego Cavallotti, Alessandro Cecchi, Urlich Mosch, Veniero Rizzardi (per la seconda giornata, l'ingresso è con prenotazione obbligatoria dal link https://santacecilia.it/convegnoberio/).

L'incontro di Luciano Berio con i nuovi media risale alla prima metà degli anni Cinquanta e approda a una prima importante tappa con la fondazione, insieme a Bruno Maderna, dello Studio di Fonologia
Musicale di Milano della Rai, tra i primi laboratori di musica elettronica in Europa. Grazie al lavoro svolto in questo Studio, Berio non solo sperimenta nuove forme di interazione tra musica
strumentale, vocale ed elettronica, ma contribuisce anche all'avvio di una nuova stagione nel panorama dell'arte radiofonica italiana.
Sempre all'interno della Rai Berio sperimenta, negli anni Settanta, il mezzo multimediale per eccellenza, la televisione, declinato in strumento di divulgazione della musicale internazionale. Sulla scia del successo degli Young People's Concerts di Leonard Bernstein, egli progetta il ciclo televisivo C'è musica e musica, andato in onda per la prima volta nel 1972, vòlto ad ampliare orizzonti sonori e conoscenze musicali dei telespettatori italiani in modo del tutto nuovo per il panorama televisivo dell'epoca.
Ancora più avanguardistica è la relazione tra musica e immagine raggiunta nel settore dei video d'arte o industriali, nelle collaborazioni con Bruno Munari e nella realizzazione delle musiche per
alcuni documentari prodotti dalla ditta Olivetti tra il 1960 e il 1963. O, ancora, in progetti visionari come La Voix des voies, “diaporama sonoro” installato presso l'IRCAM di Parigi nel 1977, dove le componenti sonore-visive-spaziali di installazione interagiscono in un gioco di proiezioni finalizzate a una narrazione multi- e metamediale della storia della sperimentazione elettroacustica, raccontata dalle voci, i volti e le opere degli stessi protagonisti. Sul sentiero di una sperimentazione multimediale senza frontiere di genere, sono da intendere anche alcuni approcci al medium tradizionale scenico-teatrale, approfonditi da Berio nelle forme della danza e del teatro, dal balletto La dolce memoria di quel giorno del 1974 alle ultime opere, Outis (1996) e Cronaca del luogo (1999), ove l'uso del live electronics e dell'interazione suono-spazio conferma il ruolo centrale di queste sperimentazioni nel suo percorso compositivo.

Ideazione e Responsabilità scientifica: Angela Ida De Benedictis, Federica Di Gasbarro
Enti promotori: Centro Studi Luciano Berio e Accademia Nazionale di Santa Cecilia;
In collaborazione con: Istituto Storico Germanico e Università degli Studi Roma Tre

 

Info
Piazza Bartolomeo Romano, 8 – Roma Tel. 06 57332772

Ufficio Stampa Teatro Palladium
Fiorenza Gherardi De Candei

 

 

 

fonte: Teatro Palladium Ufficio Stampa

About EZrome

Check Also

Caterina Guzzanti in scena al Teatro del Lido con “Secondo lei”

#Teatro #CaterinaGuzzanti #Relazioni #EZrome Caterina Guzzanti illumina il Teatro del Lido con "Secondo lei", un'immersione profonda nelle dinamiche di coppia e l'influenza sociale sulle scelte individuali.

“Meglio Zitelle”: una commedia brillante sul palcoscenico romano

#MeglioZitelle #Teatro #Commedia #EZrome Dal 27 febbraio al Teatro de’ Servi, "Meglio Zitelle" offre una commedia esilarante su amore, indipendenza e amicizia. Tre amiche si confrontano su vita e desideri, in una notte ricca di risate e riflessioni.

Lascia un commento