Domenica, 08 Dicembre 2019

amazon prime video

Ambiente. “Piantiamo un albero”: 25 nuovi arbusti nel Parco di Val Cannuta grazie al sostegno del Gruppo Servier in Italia
Il progetto è parte della campagna #ioAderisco, promossa dall’azienda per favorire l’adozione di stili di vita sani

 Venticinque nuovi alberi della macchia mediterranea impreziosiscono, da questa mattina, il Parco di Val Cannuta. È il risultato del progetto “Piantiamo un albero”, promosso dal Gruppo Servier in Italia, in partnership con il Municipio XIII Roma Capitale.

La crescente consapevolezza relativa ai cambiamenti climatici, che impone la necessità di adottare iniziative di eco-sostenibilità, porta con sé anche il bisogno di guardare agli spazi comuni come a luoghi che richiedono il quotidiano contributo della collettività. Prende forma da questo presupposto l’idea del Gruppo Servier in Italia di rinnovare il proprio impegno verso il territorio con il progetto “Piantiamo un albero”.

Gli arbusti, donati alla municipalità dal gruppo farmaceutico internazionale, sono stati piantati in prossimità del rinnovato playground. La piantumazione è stata preceduta da una profonda pulizia dell’area a cura di Retake Roma, il movimento di cittadini, no-profit e apartitico, impegnato nella lotta contro il degrado, nella valorizzazione dei beni pubblici e nella diffusione del senso civico sul territorio.

Nell’area verde sono stati trapiantati alberi cresciuti in vaso e non a zolla nuda così da ridurre i livelli di stress a cui gli arbusti sono soggetti nel corso delle operazioni di piantumazione. Questa metodologia ha consentito il passaggio dal vaso al terreno anche con qualche mese di anticipo rispetto al calendario vegetativo. Per favorire l’attecchimento degli alberi, il Gruppo Servier in Italia garantisce, in assenza di pioggia, l’irrigazione con acqua trasportata in autobotte.

“Ringrazio il Gruppo Servier in Italia per la sensibilità dimostrata nel contribuire a migliorare la qualità dell'ambiente in cui viviamo e quindi anche le condizioni di salute dei cittadini. – commenta la Presidente del Municipio XIII Roma Capitale, Giuseppina Castagnetta - La loro donazione di 25 nuove alberature per il parco Valcannuta, si inserisce in un percorso sinergico con il Municipio XIII con l'obiettivo di riqualificare e prendersi cura delle nostre aree verdi. L'iniziativa offrirà nel tempo nuovo apporto di ossigeno, migliorerà il microclima ed aumenterà la biodiversità del nostro parco. Questa amministrazione riconosce il grande valore del lavorare insieme con tutte le realtà locali e Servier è sempre molto attenta al nostro territorio”.

Per il Gruppo Servier in Italia si tratta di una conferma dell’attenzione posta nei confronti del territorio in cui l’azienda opera. Lo scorso anno, infatti, i dipendenti del Gruppo sono stati protagonisti delle operazioni di pulizia dell’area che circonda l’Azienda portandola ad adottare l’area verde adiacente la struttura.

 

“Il Gruppo Servier in Italia è impegnato da tempo a essere parte attiva nel territorio anche attraverso progetti di Responsabilità Sociale. – commenta Viviana Ruggieri, portavoce dell’Azienda - Il progetto “Piantiamo un albero” è parte integrante della nostra campagna “#ioAderisco” che promuove l’adozione di comportamenti e stili di vita sani e corretti. L’obiettivo è quello di favorire la diffusione di una nuova consapevolezza che ognuno deve sviluppare prendendosi cura della propria salute - attraverso una maggiore adesione alle indicazioni ricevute sui percorsi di cura – e del territorio in cui si vive ponendo la giusta attenzione agli spazi comuni. Piccoli gesti alla portata di ogni persona.

Con “Piantiamo un albero”, oggi, proviamo a cambiare la prospettiva dei tanti abitanti di questo quartiere e dei ragazzi che sono i principali fruitori del parco, offrendo loro aria pulita, spazi verdi e la possibilità di beneficiare di un ambiente salutare nel cuore della città”.

All’evento hanno partecipato anche gli studenti della scuola media statale Antonio Rosmini, adiacente al parco, a cui è stata affidata la cura e la gestione di un’aiuola di piante aromatiche.

L’iniziativa conferma la forte attenzione che il Gruppo Servier in Italia attribuisce alla responsabilizzazione verso l’ambiente, il territorio e la salute anche nei confronti delle nuove generazioni.

 

Parco di Val Cannuta e playground. Cronistoria

L’area Verde di 64.455 mq denominata Parco “Val Cannuta”, delimitata tra Via Gregorio XI e Via Giorgio del Vecchio, è stata realizzata nell’ambito della convenzione urbanistica denominata Valcannuta F2 approvata in data 21/10/1992.

 

Con deliberazione di Giunta Comunale n. 460 del 09/03/1999, in una parte dell’area verde pari a mq.22.096, veniva rideterminata l’ubicazione dell’impianto sportivo assegnato con bando pubblico all’associazione sportiva Nova Sport da Via Pagano al Parco di Val Cannuta. La parte rimanente dell’area veniva consegnata al Dipartimento Tutela Ambientale.

 

Il progetto della realizzazione del nuovo impianto sportivo, che doveva essere eseguito a cura e spese del Concessionario, non è mai stato realizzato e, a seguito di tale inadempienza, il progetto è stato archiviato.

 

Con deliberazione di Giunta Comunale n.211 del 28/09/2017 è stata revocata la del.ne di G.C. 460/99 che assegnava in concessione alla A.S. Nova Sport parte dell’area verde del parco ed il Dipartimento Sport e Politiche Giovanili ha così potuto disporre dell’area per avviarne la riqualifica grazie alla convenzione tra CONI e Roma Capitale.

 

Il playground Val Cannuta è stato realizzato con riferimento alla convenzione sottoscritta tra CONI e Roma Capitale con oggetto gli interventi di cui all’art.15 del decreto legge del 25 novembre 2015 n.185 recante “Misure urgenti per favorire la realizzazione di impianti sportivi nelle periferie urbane” convertito con modificazioni dalla legge del 23 gennaio 2016 n.9, Fondo “Sport e Periferie” e nello specifico gli interventi diffusi per l realizzazione di parchi su tutte le aree periferiche urbane.

 

 

A proposito di SERVIER

 

In Italia il Gruppo è rappresentato da due filiali commerciali, Servier Italia fondata nel 1972 e Istituto Farmaco Biologico Stroder nel 1980. L’Italia è il quinto paese per importanza con un fatturato di circa 140 milioni di Euro e un totale di 420 dipendenti. La terza società del Gruppo, l’Istituto di Ricerca Servier (IRS) fondato a Roma nel 1982, è ormai una realtà consolidata con un impegno costante nello studio di nuove molecole in tutte le fasi di sviluppo clinico.

 

Nell’ambito delle patologie cardiovascolari, Servier fornisce sia soluzioni terapeutiche sia servizi “oltre il farmaco” ad alto valore terapeutico, economico e sociale per favorire l’aderenza alle terapie, nei pazienti cronici poli-trattati. Servier fornisce, inoltre, farmaci che possono prolungare la vita dei pazienti affetti da patologie onco-ematologiche in stadio avanzato di malattia, senza pregiudizio per la loro qualità della vita.

 

Per maggiori info sul Gruppo:
siti web: servier.com  -  servier.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i scatoline portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.