Sabato, 31 Ottobre 2020

amazon prime video

un_americano_a_romaUno dei film ambientati a Roma interpretato dall'attore romano più amato dei tutti i tempi: Un americano a Roma recitato dall'intramontabile Alberto Sordi.
Con Ez Rome non potevamo dimenticare un film che, come molti altri interpretati da Alberto Sordi, è diventato un cult.
Un film che dona, non solo uno spaccato di Roma nel dopoguerra, ma anche della società italiana di oggi in quanto Alberto Sordi e Stefano Vanzina non hanno fatto altro che anticipare i tempi, trattando il tema del mito americano.

Il sogno americano, quello che oggi è all'insegna dello slogan di Barack Obama "Yes, we Can" è alla base di un film diretto da Stefano Vanzina nel 1954. Erano gli anni del dopoguerra dove il mito dell'America era cresciuto in Italia a seguito dello sbarco degli americani al termine del conflitto mondiale.  Un ideale che poi è cresciuto con l'arrivo nel nostro paese dei film di Hollywood che hanno esportato gli usi e i costumi che nel tempo sono diventati mondiali.

un_americano_a_roma_2L'America era vista da molti giovani italiani dell'epoca come la possibilità della svolta ma soprattutto della libertà e della democrazia.
Così la vedeva Ferdinando Mericoni (Alberti Sordi) per gli amici Nando, da lui soprannominatosi Santi Bailor.
Nando fannullone di Trastevere è il fan numero uno del nuovo continente: conosce a memoria tutti i film e tutte le loro battute, si veste con un look tipicamente americano, il suo preferito è quello da poliziotto di Kansas City, si pettina come le star di Hollywood, ma soprattutto cerca di parlare, in romano, un suo personalissimo americano.
Anzi è il caso di dire che Nando americanizza tutto ciò che lo circonda, e vive il tutto come se fosse in un film di cui lui è il protagonista.
Questo perché Nando ha un grande sogno: andare in America ed è disposto a tutto pur di avverarlo.

Il suo sogno, però diventa una vera e propria ossessione che non farà altro che metterlo nei guai.
Come tentativo estremo per raggiungere il suo obiettivo, prende spunto dal film la 14° ora di Henry Hathaway, e decide di salire in cima al Colosseo, minacciando il suicidio se qualcuno non lo aiuterà a realizzare il suo sogno.
Il caso scuote l'opinione pubblica e di lui si interessa addirittura un funzionario dell’ambasciata americana a Roma, con cui però Nando aveva avuto precedentemente un piccolo incidente.

un_americano_a_roma_3Abbiamo visto come Nando da americano doc va in giro con la sua moto per la capitale vestito da poliziotto di Kansas City. In una delle sue scorazzate, incontra due americani, tra cui il funzionario dell’ambasciata, che lo scambiano per un vigile e gli chiedono indicazioni. Qui Alberto Sordi, dona il meglio di sé, mostra la tipica immagine del romano de Roma che cerca di dare indicazioni a modo suo: “Devi annà a sinistra o'right ? o'right "! I poveri americani, non capendo dove devono andare a sinistra o destra faranno un incidente.

Un americano a Roma è un film comico tutto da ridere tenuto in piedi dal bravissimo Alberto Sordi, che dona con schiettezza l’immagine dell’italiano medio, come dimenticare la famosa scena (sembra girata in un solo ciak)  in cui si divora un piatto gigante di spaghetti, un momento suggellato dalla celebre battuta « Maccarone, m'hai provocato e io ti distruggo adesso, maccarone! Io me te magno, ahmm! » a dimostrazione di come Nando, nonostante tutto è, e rimane tipicamente un italiano, altro che americano.

Scheda tecnica
Titolo originale: Un americano a Roma
Nazione: Italia
Anno: 1954
Genere: Comico Durata:  94'
Regia:  Steno (Stefano Vanzina)

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.