Marco Albani Acoustic Quartet il 4 novembre al Teatro Arciliuto

Marco Albani Acoustic Quartet sabato, 4 novembre 2017, dalle ore 20.30 con:

Marco Albani (chitarra)
Menotti Minervini (contrabbasso elettrico)
Martino Onorato (pianoforte)
Umberto Vitiello (percussioni, voce)

Dalla musica latina a quella mediterranea ed africana, viaggiando sulla linea di confine tra Jazz acustico e World Music.
Un viaggio musicale coinvolgente e di straordinaria energia, un percorso di sperimentazione tra ritmi e melodie del mondo, un “work-in-progress” di immagini e sensazioni, che passa da atmosfere ricercate a momenti di grande impatto percussivo e vocale.

Ore 20,30 – Aperitivo Cena facoltativo, drink euro 10,00
Ore 21,30 – Concerto nella sala , ingresso intero euro 15,00 – ridotto NewsLetter euro 12,00

Alla NewsLetter del Teatro Arciliuto ci si può iscrivere direttamente dalla home page del website del Teatro oppure dalla pagina FaceBookSi ricorda che il numero dei posti è limitato ed è preferibile la prenotazione scrivendo a info@arciliuto.it o telefonando al mobile 333 8568464 (phonecall & sms) o al tel. 06 6879419 (dalle ore 18,00 in poi)

Teatro Arciliuto
Piazza di Montevecchio 5 – 00186 Roma
tel. 06 6879419 – mobile 333 8568464

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento