I Giovedì all’Acrobax. Il 4 novembre “Muerte en Buenos Aires”

Peri Giovedì all'Acrobax, Programma ddi giovedì 4 NOVEMBRE 2016 alle ore 20,30, Film gay inedito “Muerte en Buenos Aires”
regista: Natalia Meta
GENERE: Poliziesco
ANNO: 2014
NAZIONE: Argentina
DURATA (min.): 90
LINGUA ORIGINALE: Spagnolo
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)

Prima del film proietteremo alcuni video e cortometraggi sottotitolati in italiano ed inediti in italia.

TRAMA COMPLETA: La regista del film, qui alla sua opera prima, dice di essersi ispirata al film Brokeback Mountains: “dopo aver visto il film di Ang Lee mi sono convinta che se una storia simile dovesse essere ambientata in Argentina, potrebbe svolgersi solo tra agenti della polizia”. La storia del film è ambientata a Buenos Aires alla fine degli anni '80 (gli anni subito dopo la dittatura, quando finalmente si respirava un'aria più libera). All'interno di un lussuoso appartamento troviamo il giovane e affascinante agente Gomez, (l'esordiente Chino Darín che la regista ha scelto proprio perchè lo riteneva in grado di fare innamorare anche un uomo) che si siede al bordo del letto dove si trova il cadavere di Jaime Figueroa Alcorta, meglio conosciuto come “Fiocco di neve”. Il giovane attraversa la stanza, accende una sigaretta e fa partire un disco in vinile che canta Splendido Splendente. Più tardi arriva una brigata della polizia guidata dall'ispettore Chávez (Demián Bichir) che entra sulla scena del crimine con un'aria di superiorità, gode la fama di aver risolto parecchi casi. Si mostra quasi disgustato per la presenza del giovane agente che tratta senza riguardo. L'uomo assassinato era un apprezzato single gay dell'alta società di Buenos Aires che collezionava quadri ed era appassionato di cavalli. Sua sorella chiede agli investigatori la massima discrezione. Il difficile rapporto tra Gomex e Chavez inizia a cambiare quando il giovane poliziotto salva il figlio di Chavez da un eventuale incidente. Da questo momento il rapporto di lavoro tra i due si mescola a qualcosa di più personale, entrando pian piano nella sfera dei sentimenti, che diventeranno sempre più la vera anima della storia. Parallelamente Gomez deve infiltrarsi nell'ambiente gay col compito di sedurre l'ex amante del morto, Kevin “Carlos” González, cantante e performer omosessuale, ritenuto il probabile assassino (l'attore Carlos Casella che canta quasi tutte le canzoni del film). La cosa non sarà difficile per il nostro bel giovane eroe… Notevole opera prima che si presenta come un poliziesco originale che si concentra molto più sui personaggi che sulla trama. La ricerca dell'assassino diventa secondaria rispetto all'evoluzione dei due protagonisti. Il film diventa quasi un melodramma con due uomini che devono confrontarsi con le loro più intime pulsioni e desideri. Un poliziotto macho maturo che si trova improvvisamente attratto dal bel giovane che lo sta aiutando nell'investigazione, un giovane che fa facilmente breccia sia nei cuori femminili che maschili. Incredibile la bravura di entrambi gli attori, Demian Bichir (il poliziotto Chaves), uno degli attori più richiesti in Argentina, e soprattutto Chino Darín, un perfetto rubacuori qui alla sua prima (fantastica) prova cinematografica. Il film è stato premiato dall'Argentinean Film Critics Association Awards 2015 (miglior attrice Monica Antonopulos), e ha vinto il premio come miglior attore, Chino Darín, al Puchon International Fantastic Film Festival 2015.

ACROBAX (ex Cinodromo)
via della Vasca Navale, 6 – ROMA (metro S. Paolo)

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento