Mercoledì, 08 Aprile 2020

amazon prime video

ROMA – La data zero italiana di Carmen Consoli è  arrivata nella Capitale e da inizio alla sua nuova avventura live.Carmen_Consoli_1

Dopo alcune tappe outdoor negli States, L’Elettra Tour è ripartito di slancio dall’Auditorium  Parco della Musica e, la sua “doppia prima” italiana, è stata un vero successo. “Doppia prima” perché porterà in giro per lo stivale il tour con due arrangiamenti differenti, acustico nei teatri ed elettrico nei club.

La camaleontica artista ad ogni esibizione appare diversa dalle precedenti; sembrerebbe non amare gli schemi e le definizioni e, soprattutto, vorrebbe non confondersi con il suo personaggio.

Ma raccontiamo la sua storia.

Nasce a Bari ma cresce in un comune del catanese e trascorre la sua infanzia abbracciando strumenti folklorisitici e ascoltando dischi blues. Si esibisce in diversi club con la sua band presentando soprattutto brani di Janis Joplin.

Nel 1996 raggiunge la finale del Festival di Sanremo con la canzone Amore di plastica, quindi l’anno successivo partecipa come Big all’omonima manifestazione  con il singolo Confusa e felice che, apprezzato sia dal pubblico che dalla stampa, le fa toccare  il successo a piene mani e parte subito per il suo nuovo tour nazionale.

Nel 2000 è di nuovo nella fiorita città dell’arco ligure per il Festival e presenta In bianco e nero; subito dopo pubblica  il suo quarto album Stato di necessità che vende oltre 300.000 copie. Merita due Premi Italiani della Musica e altri premi di rilievo. Scrive canzoni per Paola Turci con cui va anche in tour.

CARMEN_CONSOLI_-_ARTICOLO_-_FOTO_1L’escalation procede costantemente. Dal 2001 in avanti scrive, canta, suona, si esibisce nei teatri più prestigiosi d’Italia, collabora con altri artisti, pubblica altri album come L’eccezione nel 2002 e Eva contro Eva nel 2006; continua a vincere premi.

Il 21 giugno 2009 partecipa al concerto  "Amiche per l'Abruzzo" a San Siro, esibendosi lei al basso  e Paola Turci alla chitarra.

Il 30 ottobre del 2009 esce Elettra, album ispirato a  figure femminili forti  e in grado di reagire alle difficoltà della vita. Sul palco porta il tema complesso dell’amore suonato da strumenti fusi tra loro magnificamente: chitarre, batteria, percussioni  e archi disegnano suoni  pieni di parole.

Ma veniamo al concerto romano del 3 febbraio. Pubblico folto all’ Auditorium, moltissimi suoi conterranei  presenti in sala..  Discreta ma trepidante  l’attesa dell’artista che esce sull’elegante palco e esordisce con Perturbazione Atlantica  insieme  alla sua band che la avvolge come un ventaglio.

Suonano con lei degli ottimi musicisti: alle chitarre, Massimo Roccaforte e Santi Pulvirenti, Adriano Murania al violino, Marco Siniscalco al contrabbasso,  Leif Searcy alle percussioni, Marcello Leanza ai fiati e Puccio Panettieri alla batteria.

La scaletta è un arcobaleno sonoro  dalle mille sfumature, canta: Fiori d’Arancio, dal gusto vintage, Madre Terra, Con nome giusto, Maria Catena, Marie ti amiamo - cantata duettando con Franco Battiato sotto il fragore degli applausi del pubblico – e altri moltissimi brani.

Insomma, questo spettacolo è stato davvero sorprendente, raffinato ed eclettico.

Un vero successo.

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.