Mercoledì, 21 Ottobre 2020

amazon prime video

 

jim_knopfDa bambina, dopo cena, quando molti dei miei amici guardavano la televisione prima di andare a dormire, io ero solita rannicchiarmi tra le braccia della mia mamma ed ascoltarla leggere, rigorosamente in tedesco, qualche pagina dai libri di favole che a sua volta aveva amato da piccola. Insieme ai personaggi di Astrid Lindgren, il mio preferito era Jim Knopf, o Bottone nella traduzione italiana. Ogni sera ero impaziente di sapere dove sarebbero approdati Jim ed il suo amico Lukas, a bordo della locomotiva Emma. Mi immedesimavo nella nostalgia per Lummerland, la piccolissima isola dalle due montagne, che i tre avevano dovuto abbandonare per mancanza di spazio e sognavo di accompagnarli nelle avventure in giro per un mondo fantastico e surreale. Attraversavo con loro il "Tausend Wunder Wald", la foresta delle mille meraviglie, o l'inquietante deserto "Ende der Welt", fine del mondo. Conoscevo divertita il lillipuziano Ping Pong dalla testa piccola come una pallina da tennis, ed assistevo spaventata agli incontri in cui la signora Mahlzan ed i pirati della "Wilde 13" barattavano bambini con grappa.

 

Come me, milioni di bambini in Germania sono cresciuti e crescono ancora oggi ingarbugliandosi nella pronuncia degli strampalati nomi di Schu Fu Lu Pi Plu, Herr Tur Tur o Uschaurischuum, veri e propri scioglilingua.
Tra gli intramontabili personaggi di Michael Ende, il più conosciuto in Italia è senz'altro Bastian, il giovane protagonista della "Storia infinita" che per fuggire la solitudine inizia a leggere le avventure di Atréju, fino a ritrovarsi catapultato a Phantásia, senza sapere cosa fare.

storia_infinitaEd è proprio per commemorare l'80° compleanno di Ende, morto nel 1995, ed il 30° anniversario della pubblicazione della "Storia infinita" che la Casa di Goethe inaugurerà una mostra, il prossimo 8 ottobre, dedicando particolare attenzione agli "anni italiani" dell'autore.
Nel 1970 egli si trasferì, infatti, a Genzano dove rimase fino al 1985, quando morì la moglie Ingeborg Hoffmann. Durante gli anni trascorsi nel nostro paese, Ende ritrovò una certa serenità e riuscì a superare l'astio che provava nei confronti della sua patria. Qui aveva vissuto le esperienze più dolorose della sua vita, prima fra tutte l'arruolamento forzato nel '45, cui si sottrasse disertando ed aderendo alla "Freiheitsaktion Bayern", un movimento di liberazione antinazista.
Nel dopoguerra, dopo diverse esperienze nel mondo del teatro, iniziò a scrivere ma fu presto additato come "letterato in fuga" perché, invece di affrontare apertamente tematiche pressanti nella società sessantottina, preferiva rifugiarsi in un mondo di fantasia, componendo racconti per bambini. Questa indifferenza alle problematiche del mondo reale è stata smentita nell'interessante analisi pubblicata su FAZ.NET nel dicembre 2008 in occasione del Darwin-Jahr, il 200° anniversario della nascita di Darwin. Julia Voss spiega infatti come Jim Knopf fosse in realtà un modo per affrontare uno dei capitoli più oscuri della storia tedesca. Riprendendo in modo apparentemente velato le tematiche della razza, la saga di Atlantide e dell'insegnamento nelle scuole, spiega la giornalista, Ende volle raccontare una sorta di „anti-storia" per trasmettere degli ideali nuovi e positivi alle generazioni future.
Che questo sia vero o meno, all'epoca le taglienti critiche dei suoi connazionali lo spinsero a cercare nuove ispirazioni in un paese più aperto alle sue fantasticherie e proprio nella sua casa nei pressi di Roma completò i suoi maggiori successi, la "Storia infinita" e "Momo".
Alla Casa di Goethe saranno esposti testi, foto, oggetti personali ed alcuni manoscritti originali, messi a disposizione dal Deutsches Literaturarchiv Marbach. Come ulteriore testimonianza di questo particolare e prolifico periodo della vita del celebre artista, sarà allestita una sezione dedicata al rapporto di Ende con Wilfried Hiller per il quale scrisse il libretto dell'opera "Der Goggolori" e con artisti italiani, tra cui Angelo Branduardi. 

locomotivaUn'occasione per tutti quei bambini cresciuti che di tanto in tanto amano rincontrare vecchi amici, conosciuti in un mondo di fantasia, magari a bordo di una locomotiva un po' paffuta, di nome Emma.  

 

 

La mostra sarà inaugurata giovedì 18 ottobre alle 19,30 e proseguirà fino al 24 gennaio 2010.
Per ulteriori informazioni sugli orari consultare il sito http://www.casadigoethe.it/

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.