Martedì, 27 Ottobre 2020

amazon prime video

libreriaNel cuore della Capitale, in via IV Novembre, nelle immediate vicinanze di Piazza Venezia si trova lo stabile che fu edificato a partire dalla fine del Cinquecento su iniziativa del Cardinale Michele Bonelli sede non solo della Provincia di Roma ma anche di una delle Biblioteche più ricche della Capitale specializzata nella documentazione della storia locale.

Nasce nel 1912 e si configura sin da subito come la biblioteca specializzata in storia, arte, tradizioni popolari, costume, e territorio della provincia di Roma, ai sensi del Regolamento approvato con Deliberazione Consiliare n. 9 del 17 settembre 2003.

E’ la Biblioteca Provinciale di Roma e il suo patrimonio costituito essenzialmente da monografie, periodici, stampe, manoscritti, bandi e fotografie ricopre un arco temporale di cinque secoli, dal XVI secolo ad oggi. Il patrimonio della Biblioteca Provinciale è di inestimabile valore. La storia locale è documentata, per esempio, da materiale librario e iconografico sulla storia del territorio di Roma, della Provincia e dello Stato Pontificio. E dallo Stato Pontificio sono giunti fino ad oggi documenti di storia, di arte e di tradizioni popolari, di studi storici ed archeologici di antichi e “copiosi” siti laziali, nonché guide di Roma collocabili tra il 1500 e il 1600, e opere sul fiume Tevere, e statuti dei Comuni e delle Corporazioni a cui si aggiungono bandi, manifesti e diari di viaggio.

A questa collezione di pregio, anche dal punto di vista tipografico, si aggiungono alcune edizioni edite ad opera di Manuzio, Tramezino, Grifo, Blado.

bibliotecaNella Biblioteca Provinciale di Roma sono reperibili anche dei fondi, come il fondo di volumi e fascicoli su Grottaferrata, l'area tuscolana e i Colli Albani appartenuto a Filippo Passamonti; mentre, le stampe, presenti sugli scaffali sono quelle di Ferrerio, Vasi, Rossini, Lear, Thomas, e l’ampia raccolta dell’opera di Pinelli. Un'attenzione particolare merita la pianta di Roma del Nolli. La Biblioteca possiede, inoltre, significativi periodici di cultura e storia locale, come Ghetanaccio, Rassegna del Lazio, Strenna dei Romanisti, Capitolium, Lazio Ieri e Oggi, Rivista storica del Lazio e una raccolta di fotografie relativa al territorio e all’attività istituzionale dell’ente.

Nell’anno della sua nascita, il 1912, è Biblioteca del Consiglio Provinciale, e si trova all’interno del cinquecentesco Palazzo Valentini, sede della Provincia di Roma.
Nel 1953 la Biblioteca apre al pubblico con il nome di Biblioteca Provinciale di Roma.
Dal 1999, la Biblioteca Provinciale di Roma, aderisce al Servizio Bibliotecario Nazionale nel polo dell’Università degli Studi di Roma, La Sapienza, Regione Lazio. Questo servizio offre la possibilità di interrogare i cataloghi delle biblioteche partecipanti sul territorio nazionale, i cataloghi stranieri, i cataloghi storici e quelli specialistici. Le biblioteche sono raggruppate in Poli. Nel 2003 viene approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale il nuovo regolamento che la caratterizza, appunto, come biblioteca specializzata in storia, arte, tradizioni popolari, costume, del territorio della Provincia di Roma.

La Biblioteca ha partecipato, inoltre, al progetto “Scuola e storia locale: percorsi di ricerca sul territorio”, che ha visto la collaborazione tra la Provincia di Roma e le diverse istituzioni tra cui i Comuni, l'Ufficio scolastico regionale per il Lazio, le scuole superiori e le biblioteche, al fine di incentivare lo studio e la conoscenza del territorio, come insieme complesso di storia, arte, archeologia, usi e tradizioni, attualità.

libreriaE nel biennio 2005-2007 hanno partecipato al progetto circa 850 studenti afferenti a 20 scuole distribuite sul territorio provinciale e 16 biblioteche comunali, coinvolgendo complessivamente 20 Comuni. I percorsi realizzati e i relativi prodotti finali sono 22: i documenti, sia cartacei che multimediali, sono stati presentati al termine di ciascun anno scolastico, in occasioni pubbliche, all’Auditorium Conciliazione e al Tempio di Adriano a Roma.

Dal mese di giugno 2003, purtroppo, la Biblioteca è chiusa al pubblico per lavori di ristrutturazione e ridistribuzione degli spazi di Palazzo Valentini ed è in attesa di una soluzione definitiva per riaprire all’utenza il servizio di consultazione in sede. Continua, comunque, ad effettuare il servizio di prestito interbibliotecario e di informazioni bibliografiche, attività di legatoria e restauro del materiale antico e di pregio e di catalogazione. Il catalogo della Biblioteca è, infatti, online (http://opac.uniroma1.it).

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i scatoline portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.