Giovedì, 24 Maggio 2018

Giardino_Aranci_vedutaHo riflettuto a lungo su cosa renda la capitale una città magica, quali preziosi impalpabili ingredienti contribuiscano a trasmettere tali intense emozioni, affascinanti suggestioni, malinconici arrivederci.
Tra questi ingredienti, mi sono risposto, non ci sono solamente mirabili opere architettoniche, pregevoli testimonianze storiche ed incantevoli prospettive paesaggistiche. Uno dei fattori essenziali è la possibilità di poterla ammirare da lontano, spesso dall’alto di uno dei suoi sette colli, con la evanescente sensazione di potere almeno per un attimo controllare, dominare, capire la sua eterea concretezza. Ed è forse questa stessa sensazione, che spinge chiunque l’attraversi a voler fotografare ogni sorta di angolo, panorama e scorcio.

Giardino_Aranci_internoIl Parco Savelli, meglio noto come Giardino degli Aranci, è uno dei luoghi panoramici più romantici ed ammalianti di Roma, accanto ai celeberrimi belvedere del Gianicolo e del Pincio. Realizzato nel 1932 su progetto dell’architetto Raffaello De Vico, il Giardino degli Aranci è situato sul colle Aventino, adiacente alla spettacolare chiesa di Santa Sabina, basilica paleocristiana risalente al IV secolo d.C. Il nome Savelli trae origine dalla famiglia omonima, che nel XIII secolo pose la propria roccaforte sul colle Aventino durante le guerre imperiali che stavano imperversando in città. Successivamente, il Parco fu annesso a Santa Sabina e divenne l’orto dei frati domenicani che vivevano nella Chiesa.
L’affaccio sul Tevere dalla sua terrazza è strepitoso, con una vista che spazia da Trastevere fino a Monte Mario, posando lo sguardo sull’Isola Tiberina e sulle più importanti cupole del centro storico. Dentro il Parco, accanto ad alti pini domestici (Pinus pinea), numerose piante di aranci amari (anche detti melangoli, Citrus auranthium) rendono l’ambiente colorato e fiabesco, soprattutto nel periodo invernale.
L’atmosfera che si respira all’interno di questo spazio è davvero unica. Gi sposi novelli lo scelgono spesso per le foto, le coppie di innamorati per abbracciarsi al tramonto, i turisti curiosi per immortalare un momento indimenticabile, molti romani per leggere o studiare serenamente, circondati da relax e tranquillità. Ma anche una nutrita colonia di parrocchetti monaci (Mayiospitta monachus), che nell’orto dei domenicani hanno probabilmente trovato il posto ideale per vivere e riprodursi.

Giardino_Aranci_SantaSabinaIl Parco ha tre accessi. Quello principale è situato davanti a Santa Sabina, in Piazza Pietro d’Illiria (dal nome del fondatore della Basilica). Dal 1937, in prossimità di questa entrata è stato inserito nella cinta muraria un antico portale, precedentemente posto all’ingresso di Villa Balestra. Gli altri due sono rispettivamente sul clivo di Rocca Savella ed in via di S. Sabina.
Adiacente all’ingresso principale, sul lato sinistro del cancello e su quello destro del portale, è situata una fontana monumentale composta da due pezzi indipendenti. La vasca di granito egizio, ritrovata all’interno di antiche terme romane, ed un mascherone marmoreo attualmente posto su uno strato parallelepipedo di travertino. La figura rappresenta probabilmente il dio Oceano e presenta folti baffi e ciglia aggrottate. La collocazione scultorea all’interno di una grande conchiglia genera un risultato particolarmente suggestivo. L’opera risale al periodo barocco (lavoro del 1593 di Bartolomeo Bassi) e fu inizialmente posta ad ornamento di una fontana situata in Campo Vaccino.

Giardino_Aranci_Fontana_mascheroneIl viale principale del Giardino è intitolato al grande attore Nino Manfredi
, che amava trascorrere molto del suo tempo libero nella tranquillità di questo luogo.
Dall’interno sono ben visibili i resti dell’antico fortilizio dei Savelli, con mura medioevali, torri e ponte levatoio ancora in ottimo stato. Dopo il XIII secolo, la rocca non perse la sua strategica funzione bellica, che durò addirittura fino al XIX secolo, quando nel 1849 fu utilizzata contro i francesi a difesa della Repubblica Romana.

Durante la stagione estiva il Parco si anima di luci e suoni, ospitando eventi tra i più svariati. Nel corso delle ultime stagioni, il programma delle “estati romane” lo ha visto più volte come scenario d’eccezione per concerti e rappresentazioni teatrali.

Ecco cosa intendevo per suggestione, fascino, malinconia. Emozioni che Roma ci dona in ogni squarcio della sua bellezza. Il Giardino degli Aranci è incastonato sul colle Aventino, in una delle zone più in della capitale, a pochi passi dal “buco di Roma”, da Chiese eccezionali e da ville spettacolari. Uno sguardo dalla sua terrazza sull’orizzonte della capitale, in un giorno qualsiasi dell’anno, ha un valore inestimabile.

 

Per raggiungere il Giardino degli Aranci è possibile servirsi della metropolitana, scendendo alla fermata “Circo Massimo” della linea B, oppure dei diversi mezzi pubblici di superficie (numeri 23, 44, 81, 160, 170, 204, 628, 715, 716, 781, 810). Lasciando a casa la macchina, per quanto possibile, potremo ammirare con maggiore tranquillità tutto quanto di meraviglioso ci troveremo ad incontrare.

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti, ad esempio per un compleanno, scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure i regali last minute

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Informativa estesa cookie.

Chiudi avviso