MARTEDI’ 19/01 ore 20,45 il film “All you need is love” al Mieli

Martedì 19 Ggennaio 2016 al Mario Mieli (Via Efeso 2/A, Metro S. Paolo) nell'ambito della rassegna “Movie Mieli”:
FILM GAY “All you need is love”

regista: Edzard Onneken
GENERE: Commedia
ANNO: 2010
NAZIONE: Germania
DURATA (min.): 95
LINGUA ORIGINALE: Tedesco
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)

Trama: Hans, studente di architettura a Berlino, convive con il suo compagno Nicky e decidono insieme che è giunto il momento di unirsi civilmente (in Germania, come in quasi tutti gli stati europei -escluso Italia, Romania, Polonia e Bulgaria-, è possibile e inoltre in Germania in questo periodo é in discussione la proposta di una
legge di matrimonio tra persone dello stesso sesso). Quindi Hans scrive una lettera alla madre, Catherina, dicendo che vuole sposarsi e che lo vuole fare nel posto in cui è nato e in cui vive la madre, un villaggio Alpino in Baviera. Visto che Catherine non ha mai visto Nicky, ritiene che sia un nome di donna e quindi cade dalle nuvole una volta che il figlio gli presenta la vera identità del suo futuro marito… Una commedia romantica, leggera e piacevole; un esempio di come si possa parlare in modo umoristico dell'argomento omosessualità senza scadere nella presa in giro.

Alla fine del film:
Discussione e riflessione post-film, tenuta dallo psicologo dr. Francesco Marzano.
Per contattare il dr. Marzano utilizzare la mail
francescomarzano@plays.it e / o il num 3895590958

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento