Lunedì, 17 Dicembre 2018

amazon prime video

Nell’ambito dell’incontro NON SI MUORE PER AMORE, destinato a sensibilizzare pubblico e stampa sul tema della violenza visibile e invisibile nei confronti delle donne svoltosi  il 9 novembre presso il Teatro Palladium di Roma, il portale VEDIAMOCICHIARA.IT ha presentato i dati di un sondaggio mirato a comprendere il sentimento e la consapevolezza delle donne su questo argomento.

Il sondaggio, che ha coinvolto oltre 2800 utenti in 10 giorni, con un’età che oscilla tra 25 e 55 anni e un’equa divisione sul territorio nazionale, ha evidenziato che nei grandi centri c’è maggiore consapevolezza del rischio di una violenza visibile e invisibile da parte del partner oltre il 58%. Nei centri più piccoli, invece, sembra esserci più fiducia, o forse dovrei dire “ingenuità”. Anche se questo dato può derivare dal fatto che nei piccoli centri ci si conosce più o meno tutti e che può esserci un maggior controllo sociale o un maggior timore di essere giudicati.

In generale c’è fiducia nelle forze dell’ordine 59%, ma talvolta sono segnalate alcune criticità quali difficoltà nel trovare immediata comprensione e lentezze burocratiche.

La violenza fisica è percepita come pericolosa, soprattutto per le over 40 oltre il 95%, mentre coloro che sono al di sotto di questa età sembrano esserne meno convinte o forse è l’effetto “50 sfumature di grigio”: il dato è attorno al 84%.

Per la maggior parte delle utenti che ha risposto al sondaggio l’insulto verbale non è considerato violenza 78%; ma alla domanda “tu insulteresti il tuo compagno nello stesso modo?” la risposta per oltre il 90% è “No”. Curiosa contraddizione…

La gelosia è percepita come generalmente positiva. Sono solo la metà coloro che distinguono tra una gelosia “sana e affettuosa” e una “malata e pericolosa”.

Il 40% delle utenti ha indicato almeno un’esperienza potenzialmente a rischio di violenza nella propria esistenza, ma oltre il 90% si è risolta da sé. Un 10%, invece, ha avuto varie vicissitudini con conseguenti cambi di numero telefonico e abitudini o addirittura domicilio, per oltre la metà e ricorso ad aiuto esterno per la rimanente parte.

Oltre il 30% delle partecipanti confessa di aver temuto per l’incolumità di un’amica, di una conoscente o di una parente, e la maggior parte dichiara di aver tentato almeno di parlare per segnalare all’amica, parente o conoscente eventuali rischi.

Il report completo del sondaggio sarà disponibile a breve sul sito Vediamocichiara.it

Questi dati indicano abbastanza chiaramente una sottovalutazione dei rischi derivanti dalla violenza invisibile da parte del partner, ma anche molta confusione su cosa considerare violenza e cosa no. Ed è per questo che come VediamociChiara invito tutto il mondo dei blog e dei forum dedicati alle donne a creare una sorta di rete di vigilanza su questi temi e una carta dei comportamenti e degli atteggiamenti che noi donne dovremmo cominciare a guardare sotto un’altra luce. 


VediamociChiara è un portale dedicato alla salute e al benessere delle donne che nel corso di quest’anno ha già superato 5milioni di utenti ed ha quasi 250mila utenti iscritte alla newsletter mensile.
Come spazio dedicato alla salute e al benessere delle donne VediamociChiara ha un focus sull’apparato riproduttivo e su tutte le patologie tipicamente femminili, ma anche su quelle di tutta la famiglia, data la condizione prevalentemente femminile di family caregiver.
VediamociChiara è al fianco delle istituzioni nella costante guerra alle fake news sulla salute e è partner di diverse società mediche e scientifiche per favorire la diffusione di notizie scientificamente valide sulla salute  espresse in modo comprensibile e divulgativo.
VediamociChiara ha una forte vocazione sociale e ogni anno devolve una parte del fatturato per cause benefiche come l’evento Non Si Muore Per Amore o le visite mediche sospese che ogni anno vengono messe a disposizione delle utenti più fragili, come regalo di Natale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.