micca_open
micca_open

FESTIVAL DEL BEAT ITALIANO

micca_openIl Micca Club con il patrocinio della Regione Lazio
presenta
FESTIVAL DEL BEAT ITALIANO
VENERDI 25 e SABATO 26 SETTEMBRE 2009 – ORE 22
Ingresso libero

Il Micca Club, appena dopo l'opening party del 24 settembre, inaugura la stagione con un originale evento:  il Festival del Beat Italiano, a cura di Alessandro Casella e Pino Candido. Il weekend del 25 e 26 settembre trasformerà il club romano, che da sempre si ispira nel concept e nella programmazione quotidiana proprio agli anni '60 e  non solo, in un vero raduno beat per gli appassionati del genere.

Due giorni di musica live, dj set ed esposizioni direttamente dalla scena Beat italiana. Il Festival del Beat Italiano vuole far riemergere uno spirito ancora vivo nella musica contemporanea, invitando giovani complessi come Toni Borlotti e I Suoi Fleurs, La Cattiva Esperienza, I Ganzi e I Maghi a suonare dal vivo. Negli spazi del Micca sarà anche allestita una mostra di copertine di dischi e riviste d'epoca per scoprire, direttamente dai documenti originali,l'atmosfera dell'epoca, cosa si scriveva sulle riviste, quali i gruppi di maggior successo.

Dall'aperitivo a notte fonda ci sarà una ricercatissima selezione musicale beat dei djs resident del Micca Club, Alessandro Casella, Luzy L, MisterStereo8, che riempiranno il dancefloor nei due giorni del festival con i loro 45 giri originali. Gli stessi vinili che suonavano una volta nelle case e nei club degli anni Sessanta, continuano a girare sui piatti del Micca Club e a far rivivere emozioni ed atmosfere che sembreranno mai svanite.

Gli anni ‘60 hanno visto la più importante svolta della musica del XX secolo, la musica rock e pop odierna è una estensione, prosecuzione e citazione della musica nata in quegli anni. Il primo movimento musicale di rottura degli anni '60 è stato proprio il "beat", impropriamente associato oggi a musiche estive, disimpegnate e ingenue. Allora suonava molto diverso, dirompente alle orecchie di ascoltatori abituati alla melodia e alla forma tradizionale della canzone. Dopo il successo clamoroso di gruppi musicali come Beatles e Rolling Stones e di moltissimi altri in Gran Bretagna e in tutto il mondo, anche in Italia negli anni '60 prese il via un prevedibile processo di imitazione. Contribuivano a sostenere il nuovo fenomeno due elementi: l'egemonia culturale che andava esercitando sul costume la Gran Bretagna (e più in generale il mondo anglosassone) e la fame di musica e di novità del mercato italiano musicale, allora uno dei più ricchi del mondo.

Oggi questa egemonia non esiste più ma questo spirito vive grazie a complessi che si sono ispirati a questa esperienza musicale travolgente e hanno scritto nuova musica e una nuova storia. Da qui l'idea del Festival del Beat Italiano.

I GRUPPI CHE SI ESIBIRANNO

La cattiva esperienza
La Cattiva Esperienza nasce in seguito ad una rissa tra Beatnicks, Mods e Rockers. Durante la notte passata in questura, i nostri mettono da parte il proprio orgoglio e il proprio credo e cominciano a parlare in maniera pacifica. Si scoprono tutti estimatori di quella musica dei bei tempi andati e decidono di mettere su un complessino. Le prime prove non sono certo all'insegna della reciproca comprensione: spesso riaffiora l'astio, la rabbia e la violenza torna a fare da padrona. Quando l'atmosfera è diventata ormai insopportabile Frank "Big Bang" Polpetta se ne viene fuori con una trovata che ha dell'incredibile: suonare Beat di protesta per incanalare la cattiveria e rivolgerla non più verso se stessi ma verso il sistema e i benpensanti. Il cammino de La Cattiva Esperienza è appena cominciato. W il Beat di Protesta! W La Cattiva Eperienza!

I Ganzi
Autodefinitosi "complesso beat anti matusa", il sestetto  riporta Firenze fra le città capitali del beat in Italia. Gli scatenati concerti de I Ganzi, fin dal 2005, sono stati molti, sia a Firenze che fuori. Con "Il nuovo beat", il loro brano-manifesto, I Ganzi vogliono urlare che c'è bisogno ORA di un nuovo beat che travolga la staticità e la repressione di questa società. Con  lo scanzonato "Chiedimi scusa (Lui è un matusa)", brano prepotente ed efficace con venature ironiche, questo complesso vi riporterà dritti al 1967, con l'entusiasmo di contestare le vecchie regole e creare un mondo nuovo, un mondo ribelle e soprattutto un mondo giovane!

I Maghi
Un concerto dei Maghi è un viaggio nel tempo e nello spazio: si parte dall'Italia con la musica beat, quella dei "complessi" e dei "capelloni", si approda in Inghilterra sulle rive del fiume Mersey con i gruppi nati sulla scia dei Fab Four, si atterra in America per celebrare la scena garage formata da quelle band da una "hit e via", insomma tutte quelle canzoni che spesso i talenti nostrani traducevano in italiano. Quindi, se non avete mai ascoltato una radio "cubo" Brionvega, se non siete mai saliti su una Lambretta, se non avete mai comprato un caftano a Carnaby Street, se non avete mai ballato lo shake, almeno non perdetevi un concerto dei Maghi.

Tony Borlotti e i suoi Flauers
Ormai sulla scena da oltre 10 anni, Tony Borlotti con i suoi Flauers sono dei veterani del Beat e nei loro concerti rivive con passione ed ironia l'epopea dei più sgangherati complessi beat italiani degli anni 60. Nati come cover band, sono oggi all'attivo con il 45 giri "Inno dei Flauers" ed un album di  pezzi originali e non: nel 2003 vede la luce "Il mondo è strano" (Teen Sound) con 11 canzoni in puro vinile. Nella loro carriera hanno partecipato a numerosi festival come il IV Festival Beat internazionale di Castel S. Giovanni e il Festival "Expo 2000" a Roma assieme a band come Chocolate Watch Ban, Greg Moore dei Gonn, Thanes e Others. 

PROGRAMMA
VENERDI' 25 SETTEMBRE
Ore 22.00 djset con Luzy L – Dalle 22.30  inizio concerti: Complesso I Maghi  + I Ganzi  – A seguire Dj set con Luzy L
SABATO 26 SETTEMBRE
Ore 22.00 djset con MisterStereo8 – Dalle 22.30  inizio concerti: Toni Borlotti  e I Suoi Flauers + La cattiva esperienza – A seguire Dj set con Alessandro Casella e Misterstereo8
Micca Club – Via Pietro Micca 7/a_Roma (Porta Maggiore) – 06 87 44 00 79 – info@miccaclub.com
http://www.miccaclub.com

About RR

Check Also

Al Museo Pietro Canonica la mostra “Questo è Aquilino figlio del vento”

#MostraEquina #MuseoPietroCanonica #EZrome Dal 21 maggio al 15 settembre 2024, il Museo Pietro Canonica ospita la mostra "Questo è Aquilino figlio del vento". I ritratti dei cavalli Rospigliosi dalle collezioni capitoline", celebrando i celebri cavalli del principe Camillo Rospigliosi attraverso opere di Johan Reder e Paolo Monaldi. Ingresso gratuito a Villa Borghese. Un'occasione unica per gli amanti dell'arte e della cultura ippica.

La Città Ideale presenta Bar Campioni: un tributo a Agostino Di Bartolomei

#BarCampioni #AgostinoDiBartolomei #EZrome La Città Ideale celebra il trentennale dalla scomparsa di Agostino Di Bartolomei con lo spettacolo "Ago - Capitano Silenzioso" scritto e diretto da Ariele Vincenti. Gli eventi, il 30 maggio e il 6 giugno, si terranno nei bar La Certosa e Marani. Un’occasione gratuita per celebrare un’icona della Roma e vivere il teatro in una moderna agorà.

Lascia un commento