Shakespearology: un’intervita impossibile a Shakespeare allo Spazio Rossellini

Facendo seguito alle disposizioni contenute nel Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri 4 marzo 2020, inerente l'adozione di misure riguardanti il contrasto e il contenimento sull'intero territorio nazionale del diffondersi del coronavirus, lo spettacolo che sarebbe dovuto andare in scena allo Spazio Rossellini :
Shakespearology. Un'intervista impossibile a William Shakespeare venerdì 6 marzo ore 21 (7 e 8 marzo in replica a Carrozzerie_n.o.t) .Vi informiamo, inoltre, che la programmazione è sospesa fino al 3 aprile.

Dice Jerome Salinger: “quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i che quando li hai finiti di leggere vorresti che l'autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono”.

È da un po' di tempo che volevamo usare il come quella famosa telefonata, per incontrare Sir William Shakespeare in carne-e-ossa e fare due chiacchiere con lui sulla sua biografia, su cosa è stato fatto delle sue opere, su più di 400 anni della sua storia post-mortem dentro e fuori dalla scena – come se accompagnassimo Van Gogh al Van Gogh Museum o Dante in mezzo ai turisti che visitano la sua abitazione fiorentina.

Partiamo dall'immaginario collettivo per parlare con Shakespeare.
Certo, non sarà il vero, autentico, originario William Shakespeare, ma se riusciamo a incontrare anche uno solo dei possibili Shakespeare, forse l'esperimento potrà dirsi riuscito.

Shakespearology è un one-man-show, una biografia, un catalogo di materiali shakespeariani più o meno pop, un pezzo teatrale ibrido che dà voce al Bardo in persona e cerca di rovesciare i ruoli abituali: dopo secoli passati a interrogare la sua vita e le sue opere, finalmente è lui che dice la sua, interrogando il pubblico del nostro tempo.

Con questa produzione Sotterraneo si è deciso di provare a creare un piccolo esperimento tra Carrozzerie n.o.t e Spazio Rossellini (spazio della Regione Lazio gestito da ATCL) per far collaborare due realtà teatrali distanti ma vicine. Da ponte Marconi a ponte Testaccio, un dialogo aperto che abbraccia un ampio territorio. Un esperimento zero di programmazione condivisa che mette in relazione due spazi che hanno in comune lo sguardo e l'attenzione al lavoro sul contemporaneo e sulla ricerca teatrale.

 

Spazio Rossellini:  6 marzo ore 21.00
Carrozzerie_n.o.t : 7  e 8 marzo ore 21
SHAKESPEAROLOGY
UN'INTERVISTA IMPOSSIBILE A WILLIAM SHAKESPEARE
concept e regia Sotterraneo
in scena Woody Neri
scrittura Daniele Villa
luci Marco Santambrogio
costumi Laura Dondoli
sound design Mattia Tuliozi
 
produzione Sotterraneo
sostegno Regione Toscana, Mibact
residenze artistiche Centrale Fies_art work space, 
 CapoTrave/Kilowatt,
Tram – Attodue, Associazione Teatrale Pistoiese
 
***Sotterraneo fa parte del progetto Fies Factory, del network europeo Apap – Performing Europe 2020 ed è residente presso l'Associazione Teatrale Pistoiese***

Spazio Rossellini:  Via della Vasca Navale 58  – 6 marzo ore 21.00

Carrozzerie_n.o.t : Via Panfilo Castaldi 28/a  – 7 e 8 marzo ore 21 

Biglietto intero euro 12 – ridotto euro 10

Biglietto studenti euro 8

 

About Redazione

Check Also

Danilo Quintarelli: “La pelle del tempo” al Museo Carlo Bilotti

#ArteContemporanea #DaniloQuintarelli #MuseoCarloBilotti #EZrome "La pelle del tempo" di Danilo Quintarelli al Museo Carlo Bilotti rivela le metamorfosi dell'Aranciera di Villa Borghese attraverso dipinti e un video, esplorando la memoria e l'identità di uno spazio storico.

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

Lascia un commento