Torna il Festival “Jazz Idea” del Conservatorio Santa Cecilia

Torna il Festival “Jazz Idea” del Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma dopo il successo della prima edizione

Dal 26 febbraio al 2 aprile 12 concerti aperti al pubblico a ingresso gratuito con un cartellone prestigioso che vede grandi artisti internazionali e italiani accanto ai nuovi talenti del Conservatorio.
Tra i nomi in cartellone: Enrico Pieranunzi con Valentina Ranalli, il duo di Rita Marcotulli e Carla Marcotulli, Aaron Goldberg ospite di Fabio Zeppetella, Flavio Boltro, Ettore Fioravanti, Patrizia Scascitelli.

CONCERTI presso la Sala Accademica del Conservatorio “Santa Cecilia”, via dei Greci 18. Ingresso gratuito.

Prende il via domenica 26 febbraio la 2a edizione del Festival “Jazz Idea” del Conservatorio Santa Cecilia di Roma, con la direzione artistica di Carla Marcotulli, cantante e docente di Canto Jazz presso il Conservatorio.
Dopo il successo della prima edizione nel 2022, si replica la manifestazione che quest’anno contempla ben 12 concerti a ingresso libero, con grandi esponenti del jazz italiano e internazionale accanto ai nuovi talenti provenienti dal Dipartimento Jazz del Conservatorio.
Anche quest’anno, protagoniste del Festival sono le nuove idee musicali, attraverso un dialogo interattivo tra tradizione e nuovi linguaggi.
Tra i nomi in cartellone: il pianista Enrico Pieranunzi con la cantante Valentina Ranalli, il duo formato da Rita Marcotulli e Carla Marcotulli, il pianista Aaron Goldberg ospite del quartetto guidato dal chitarrista Fabio Zeppetella che comprende anche il bassista Dario Deidda, il trombettista Flavio Boltro, il batterista Ettore Fioravanti, la pianista Patrizia Scascitelli.
I 12 concerti, strutturati in 6 appuntamenti, si terranno anche per questa edizione nella bellissima Sala Accademica del Conservatorio, caratterizzata da una delle migliori acustiche al mondo e dal Grande Organo Walcker-Tamburini.

Il concerto inaugurale, domenica 26 febbraio alle 18.00, vede sul palco il grande pianista Enrico Pieranunzi insieme alla talentuosa cantante partenopea Valentina Ranalli con i brani dell’album Cantare Pieranunzi che propone nuove, emozionanti versioni vocali di composizioni originali del “gigante” del jazz internazionale. Un disco che ha fatto registrate un alto numero di ascolti su piattaforme come Spotify.
Profondamente ispirata dai brani di Pieranunzi, Valentina Ranalli ha scritto intriganti testi in italiano, inglese, francese e napoletano e, insieme allo stesso pianista, ha dato loro una nuova veste vocale che ne esalta la suggestione narrativa. Nato proprio nell’ambito dei corsi del Conservatorio di Santa Cecilia, Cantare Pieranunzi è, oltre che un incontro tra generazioni, l’appassionante rappresentazione in suoni e parole di una simbiosi artistica che grazie alla sua intensità, freschezza, creatività porterà gli spettatori in un mondo di storie sonore cui sarà impossibile resistere.
A seguire, il progetto Opus Magnum, una naturale evoluzione del duo formato dal batterista Ettore Fioravanti e dal sassofonista Marco Colonna, con il coinvolgimento del contrabbassista Igor Legari e del vibrafonista Andrea Biondi. La musica che ne scaturisce esprime il loro mondo poetico e libera le forze creative del gruppo, manipolando, modificando, eventualmente distruggendo e ricostruendo tutte le componenti originali. Non c’è limite agli argomenti musicali trattati, dalla tradizione jazzistica (Monk e Dolphy in particolare) a quella popolare, dalle canzoni agli spunti dal repertorio classico, dal rock alle suggestioni africane. Si tratta sempre di creare stimoli all’improvvisatore, perché la musica si sviluppi in tempo reale e con la partecipazione di tutti, creando un lavoro grande che sia specchio della loro anima.

 

CONTATTI
Conservatorio di Musica “Santa Cecilia”
Via dei Greci 18, Roma – tel. 06.36096720 
Ufficio Stampa Festival JAZZ IDEA Fiorenza Gherardi De Candei 

PROGRAMMA DETTAGLIATO

Festival Jazz Idea 2023

26 febbraio

CANTARE PIERANUNZI
Valentina Ranalli voce
Enrico Pieranunzi pianoforte

 

“OPUS MAGNUM“
Ettore Fioravanti batteria
Marco Colonna clarinetti
Igor Legari contrabbasso
Andrea Biondi vibrafono

…………………………………………
5 marzo

MATTEO ZACCHEO GROUP
Vittorio Solimene piano
Pietro Pancella basso
Cesare Mangiacavallo batteria

IL FAVOLOSO MONDO DI WAYNE
Roberto Bottalico sassofono
Augusto Creni chitarra
Alessandro Del Signore contrabbasso
Massimo Di Cristofaro batteria

…………………………..
12 marzo

FLAVIO BOLTRO
Enrico Bracco chitarra
Davide Di Mascio contrabbasso
Luca Gallo batteria

ERIKA PETTI GROUP
Erika Petti voce
Claudio D’Amato piano
Davide Di Mascio contrabbasso
Chiara Piccione, Marta Giraldi, Giulia Antonelli voci

……………..
19 marzo

DANIELA TROILO ENSEMBLE
Daniela Troilo
Chiara Orlando tromba e voce
Elisabetta Mattei trombone e voce
Danielle Di Maio sassofoni
Lewis Saccocci piano
Matteo Bassi basso
Armin Siros batteria

PATRIZIA SCASCITELLI “REUNION”
Patrizia Scascitelli piano
Andrea Pace sax
Carlo Battisti batteria
Stefano Cantarano contrabbasso
Mark di Gaetano chitarra

…………………………………..
26 marzo

PICCOLA ORCHESTRA DI VOCI
Carlo Lentini chitarra
Davide Di Mascio contrabbasso

SANTA CECILIA QU/ARTE/T JAZZ
Sandro Satta sax
Andrea Beneventano pianoforte
Stefano Cantarano contrabbasso
Ettore Fioravanti batteria

……………………………
2 aprile

MARCOTULLI DUO
Rita Marcotulli pianoforte
Carla Marcotulli voce

FABIO ZEPPETELLA ospite Aaron Goldberg
Fabio Zeppetella chitarra
Dario Deidda Basso
Pasquale Fiore batteria
Aaron Goldberg piano

 

Fonte: Fiorenza Gherardi – Ufficio Stampa

About EZrome

Check Also

“Finché morte non ci separi?… -La Menzogna dell’Amore-” in scena al Teatro Tordinona

#Teatro #ViolenzaSulleDonne #Cultura #EZrome "Finché morte non ci separi?... -La Menzogna dell'Amore-", in scena al Teatro Tordinona, affronta con coraggio le dinamiche del femminicidio e della violenza sulle donne, ispirandosi a storie reali. Uno spettacolo che invita alla riflessione e al cambiamento.

Fragileresistente: uno spettacolo di riflessione intergenerazionale al Centrale Preneste

#Teatro #Riflessione #GiovaniTalenti #EZrome Il 1 marzo 2024, "fragileresistente" della Compagnia il turno di notte illumina il Centrale Preneste Teatro con una narrazione potente su padre e figlio, depressione e speranza. Un appuntamento da non perdere per chi cerca nel teatro uno spazio di dialogo intergenerazionale e di riflessione sul nostro tempo.

Lascia un commento