Le mani avanti in concerto all’Altrove Teatro Studio

Torna il consueto concerto natalizio all'Altrove Studio,il 17 e 18 dicembre, con Le Mani Avanti, che proporranno il loro repertorio e ovviamente grandi classici natalizi, da White Christmas a Happy Xmas (War Is Over), passando per rivisitazioni originali come Jingle Bells in minore e una Carol of the bells al cardiopalma.

Molti i brani in italiano, con grandi nomi del nostro cantautorato come Fossati, il duo Gazzé – Fabi, fino ad arrivare ai 99 Posse e La rappresentante di lista. Ogni brano è stato accuratamente scelto per il testo e il messaggio che diffonde, dai diritti umani e i canti di liberazione di Stevie Wonder, alla composizione ossessiva e ricercata di Fiona Apple, due volti diversi di un'America musicale, ricca di sfaccettature.

Le Mani Avanti è un progetto nato nel 2014 come laboratorio corale diretto da Gabriele D'Angelo (Gabriele Dorme Poco; Anonima Armonisti, Occhi Chiusi In Mare Aperto) e nel 2015/2016 ha preso le sembianze di un vero e proprio coro, col repentino aumento dell'ensemble che attualmente è di circa 30 elementi. Il repertorio spazia tra il soul e il pop/rock, da Michael Jackson ai Cranberries, da Beyoncé a Whitney Houston. Il coro è a cappella, non utilizza quindi nessuno strumento se non la voce, con un lavoro identitario connotato da una costante ricerca, affrontando arrangiamenti originali scritti da Gabriele D'Angelo, e spesso cuciti intorno alle voci dei propri coristi. Il lavoro sui brani prevede suddivisioni poco convenzionali, con un approccio meno ortodosso rispetto alla tradizione corale e più in stile col mondo dei gruppi vocali d'oltreoceano. Un altro focus importante del coro Le Mani Avanti è legato all'improvvisazione vocale in stile circle singing e vocal summit, nei quali i coristi si cimentano nella costruzione di brani estemporanei, basati su loop esclusivamente vocali e non preparati.
Il loro “debutto in società” avviene in concomitanza col Vokalfest 2015 di Roma, pochi mesi dopo vengono chiamati a cantare al Musicantium e l'anno successivo sono finalisti del Winter Vocal Fest, dove portano a casa il premio per il miglior solita.
A gennaio 2017 partecipano alla rassegna Come all'Auditorium Parco della Musica di Roma, un evento in occasione del quale hanno appositamente arrangiato ed eseguito a cappella alcuni brani del repertorio di Bertolt Brecht, alternandosi sul palco con l'attore Luigi Lo Cascio.
Dopo un altro anno di lavoro, nell'estate del 2018 Le Mani Avanti entrano in studio per registrare il loro primo disco, “Martedì”, disponibile su tutte le piattaforme digitali. Il disco, così come lo spettacolo proposto da Le Mani Avanti, riflette l'urgenza di una musica condivisa e di comunicare attraverso uno strumento che ci unisce tutti: la voce.
A luglio 2019 partecipano al Napoli Teatro Festival, diventando così il primo coro a cappella ospite della prestigiosa manifestazione.
L'arrivo della pandemia mette in stand by il coro per circa due anni, impedendo loro di fare prove settimanalmente, ma a ottobre 2021 le Mani Avanti riescono a riprendere incontri regolari e sperimentano nuovi organici, con l'introduzione della beat box e l'elemento della loop station per fare esercizi di improvvisazione e approcciarsi a nuovi metodi per l'arrangiamento a cappella.

 

LE MANI AVANTI IN CONCERTO
Direzione artistica, arrangiamenti e direzione del coro Gabriele D'Angelo

Con Le Mani Avanti

ALTROVE TEATRO STUDIO-ROMA

INFO
Sabato 17 dicembre ore 20; domenica 18 dicembre ore 17

ALTROVE TEATRO STUDIO
Via Giorgio Scalìa, 53
MP 351 8700413

 

Fonte: Ufficio Stampa – Maresa Palmacci

About EZrome

Check Also

ÀMOR: la mostra collettiva che celebra l’amore e Roma

#mostra #arte #cultura #EZrome "ÀMOR" inaugura il 22 marzo a Roma, presso la Medina Art Gallery. Curata da Nicoletta Rossotti, la mostra collettiva esplora l'amore attraverso l'arte contemporanea, offrendo un dialogo tra culture e civiltà.

Premio ADUIM: un ponte tra musica e accademia al Teatro Palladium

#PremioADUIM #MusicaClassica #Cultura #EZrome Al Teatro Palladium, la prima edizione del Premio ADUIM celebra l'incontro tra musica e accademia, premiando "La Senna festeggiante" di Vivaldi, esempio eccellente di sinergia tra ricerca musicologica e prassi esecutiva.

Lascia un commento