A CAPODANNO IL BIOPARCO È APERTO

Il primo giorno dell'anno pasti e incontri ravvicinati con gli animali

Il primo giorno dell'anno il Bioparco di Roma è aperto dalle ore 9.30 alle 17.00, con ingresso consentito fino alle 16.00. Domenica I gennaio 2023 sarà possibile assistere ai pasti degli animali e partecipare all'attività ‘Animali e pregiudizi'.

Dalle 11.00 alle 15.30 lo staff zoologico sarà a disposizione del pubblico per approfondire le conoscenze sugli animali ospiti del parco e per ricevere stimoli su tutto ciò che è legato all'ambiente naturale e alla sua conservazione. Gli orari sono: 11.00 all'area macachi del Giappone, ore 11.30 ai lemuri catta, 12.00 elefanti asiatici, alle 14.00 sarà la volta del villaggio degli scimpanzé, alle ore 15.00 otarie della California, infine alle 15.30 presso l'exhibit pinguini del Capo.

Inoltre, dalle ore 11.00 alle 15.15 appuntamento con l'attività ‘Animali&pregiudizi', uno speciale A tu x tu a cura dello staff didattico con alcuni animali come blatte soffianti, rospi, insetti stecco e molti altri di cui spesso si ha paura o che suscitano ribrezzo, ma importantissimi per l'equilibrio dell'ambiente naturale. ‘Animali e pregiudizi' è su prenotazione, da effettuare il giorno stesso della visita all'ingresso del Bioparco, fino ad esaurimento posti.

Le iniziative sono incluse nel prezzo del biglietto Bioparco. L'acquisto del biglietto di ingresso si può effettuare on line o presso le biglietterie.

 

INFO: 06.3608211

(CREDIT FOTOGRAFICO: Massimiliano Di Giovanni – archivio Bioparco)

 

 

 

 

Fonte: Serena Del Giudice

 

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento