Al MAXXI “Festa della Musica 2019” una giornata per celebrare la musica, con performance estemporanee e Le Quattro Stagioni de I Solisti Aquilani

ESTATE AL MAXXI FESTA DELLA MUSICA 2019 Una giornata per celebrare la musica, con performance estemporanee e Le Quattro Stagioni de I Solisti Aquilani. Sabato 22 giugno dalle ore 17.00 alle 19.00 esibizioni all'interno e all'esterno del Museo, alle ore 20.00 concerto in esterna de I Solisti Aquilani e Daniele Orlando

Dalle 17.00 alle 19.00 | Gallerie | ingresso gratuito con il biglietto del Museo
Concerto ore 20.00 | Piazza del MAXXI | ingresso libero fino ad esaurimento posti

Sabato 22 giugno gli spazi interni ed esterni del Museo nazionale delle arti del XXI secolo si animeranno di note con le esibizioni dal vivo di numerosi giovani musicisti nell'ambito del programma di Estate al MAXXI. Un'intera giornata per celebrare la Festa della Musica 2019, durante la quale i visitatori del Museo saranno invitati a intraprendere un vero e proprio viaggio nel mondo della musica, che si concluderà con un grande concerto dell'Orchestra d'Archi de I Solisti Aquilani e del violinista Daniele Orlando nella piazza del Museo. 

Dalle ore 17 alle 19 le esibizioni dei giovani musicisti, selezionati attraverso una open call, dialogheranno con le opere presenti nelle gallerie e nel piazzale. Mentre concluderà la giornata il grande concerto in esterna dell'Orchestra d'Archi de I Solisti Aquilani e del violinista Daniele Orlando (Piazza del MAXXI, ore 20.00, ingresso libero fino ad esaurimento posti) che eseguiranno Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi.
Il concerto sarà introdotto dalla proiezione del cortometraggio “Una nuova stagione” nell'ambito del progetto artistico de I Solisti Aquilani e Daniele Orlando “Una Nuova Stagione – Antonio Vivaldi, Le Quattro Stagioni”, nato dalla necessità di riflettere e far riflettere sul ruolo dell'Uomo all'interno dell'Ambiente, offrendo così al pubblico una chiave interpretativa che va oltre una tradizionale esecuzione.

I Solisti Aquilani, costituiti nel 1968 sotto la guida di Vittorio Antonellini, hanno realizzato importanti progetti con Peter Eötvös, Lars Thoresen, Carla Fracci, Paolo Mieli, Piergiorgio Odifreddi, Walter Veltroni e John Malkovich. Ad aprile 2019 sono stati ospiti a Bruxelles, nella sede del Parlamento Europeo, e a Roma, a Palazzo Montecitorio, con il progetto “Una nuova stagione”. A dieci anni dal drammatico terremoto che ha sconvolto la città, rappresentano uno dei più grandi punti di riferimento della rinascita culturale de L'Aquila.

Daniele Orlando, dal 2014 è violino di spalla de I Solisti Aquilani e dal 2017 collabora con l'Orchestra di Padova e del Veneto. Nell'ambito della musica contemporanea ha eseguito numerose composizioni, molte delle quali in prima esecuzione assoluta. Fra queste, il “Concerto per due violini e orchestra” di Lasse Thoresen eseguito con l'orchestra del dell'Opera Di Roma in diretta su Radio 3 e molte delle composizioni di Diego Conti, che a lui ha dedicato “Edging” per violino solo e i “20 duetti” per due violini. Con Giovanni Sollima ha eseguito il doppio concerto di Donizetti per la Festa della Repubblica Italiana in diretta tv su RAI 1 dal Salone dei Corazzieri del Quirinale.

 

 

 

 

 

Fonte:
UFFICIO STAMPA MAXXI
In collaborazione con LETIZIA D'AMATO s.r.l. STUDIO DI COMUNICAZIONE

 

About EZrome

Check Also

Latinus Subjectus: Un viaggio ironico nell’antica Roma al Teatro Ivelise

#Teatro #Storia #AnticaRoma #EZrome "Latinus Subjectus", al Teatro Ivelise il 2 e 3 Marzo 2024, è un invito a esplorare l'antica Roma attraverso uno spettacolo che mescola ironia, storia e riflessione politica, narrando la vicenda di una cerimonia andata storta e del processo che ne segue. Un'esperienza teatrale che promette di essere tanto divertente quanto profonda.

Toulouse Lautrec e le ballerine del Moulin Rouge: Il ritorno al Teatro degli Audaci

#Teatro #Parigi #MoulinRouge #EZrome "Toulouse Lautrec e le ballerine del Moulin Rouge" torna al Teatro degli Audaci dal 7 al 24 marzo, riportando in scena la magica atmosfera della Parigi di fine '800. Un viaggio emotivo e visivo nel cuore bohémien di Pigalle, dove amore, arte e sacrificio si intrecciano in una narrazione intensa e indimenticabile.

Lascia un commento