Giovedì, 28 Gennaio 2021

amazon prime video

Slayer livePer una volta tanto, la violenza sonora sarà intrisa di malinconia. Questo può sembrare eresia, riferendosi ad un nome come quello degli Slayer, ma il loro imminente tour estivo non sarà come i tanti precedenti, ogni cosa risulterà inevitabilmente diversa. Il loro Thrash Metal senza fronzoli, veloce e di grande impatto, stavolta risulterà colmo di tristezza. Chi conosce le ultime vicissitudini di una delle band metal più conosciute ed amate del pianeta, non può che ritenere questo un periodo molto particolare per i musicisti statunitensi, forse momento di svolta, sia in senso positivo, se dovessero trovare ulteriori stimoli, che negativo. La recente scomparsa dello storico chitarrista Jeff Hanneman, avvenuta per insufficienza epatica, e la cacciata (definitiva?) del talentuoso batterista Dave Lombardo, non possono che gettare una vera e propria ombra su presente e futuro del gruppo.
Spegnersi lentamente, o aggrapparsi a nuovi obiettivi per proseguire al meglio? A loro, quindi, non rimane che scegliere.

Gli Slayer sono uno di quei nomi della scena metal conosciuti pure da coloro che non sono proprio avvezzi a simili sonorità. Si tratta, infatti, di una band attiva dagli inizi degli anni '80, che ha composto degli album che sono entrati nella storia di questo genere musicale. Pensiamo soltanto a quel capolavoro Thrash dal titolo “Reign in Blood”, pubblicato nel 1986 e contenente due fra i brani più famosi del metal, ossia “Angel of Death” e “Raining Blood”. Se dovessimo pensare alla violenza in musica, certamente questo loro lavoro (durata complessiva che si aggira a soli 29 minuti) risulterebbe quantomai adatto nel poterla rappresentare a dovere. Non solo “Reign in Blood” però, perché anche “Hell Awaits” (1985) e “Seasons in the Abyss” meritano una menzione particolare, proprio per il fatto di essere pietre miliari del Thrash e, in generale, di tutto il metal “estremo”. Tanti gruppi hanno deliberatamente preso spunto dagli Slayer e, per certi versi, ciò è inevitabile. Si vuol suonare Thrash Metal, oppure Black e Death metal? Sempre da lì, quindi dagli Slayer, occorre partire. La band guidata da Tom Araya e Kerry King ha, assieme ad altri nomi come Venom, Bathory, Celtic Frost e Possessed, creato un nuovo genere musicale caratterizzato da sonorità brutali, ritmi forsennati, testi cruenti e con chiari riferimenti al satanismo. Col trascorrere degli anni, tuttavia, gli Slayer hanno provato pure nuove soluzioni musicali, oltre a testi più vari, a partire da “South of Heaven” (1988), dove troviamo un rallentamento del ritmo ed una ricerca d'atmosfera. La svolta avverrà con “Diabolus in Musica” (1998), che ha diviso critici e fans. Il gruppo, infatti, strizza l'occhio a suoni più moderni ed i brani risultano più articolati e dinamici. Anche il successivo “God Hates Us All” (2001) susciterà diverse perplessità e la svolta “moderna” della band da tanti non sarà accolta con entusiasmo. Col ritorno alla batteria di Dave Lombardo in “Christ Illusion” (2006), si nota un parziale ritorno agli Slayer degli anni '80 e ciò verrà confermato dall'ultimo album di inediti, “World Painted Blood” (2009). Gli ultimi Slayer, però, portano avanti un copione già scritto e il tutto risulta essere prevedibile. Tuttavia, i loro concerti ottengono sempre ottima affluenza di pubblico e questo spiega la loro decisione di intraprendere una serie continua di tour, anche in assenza di un nuovo lavoro da promuovere. Certo, gli anni passano e Tom Araya morde di meno dietro al microfono e, oltre a questo, non riesce più a dedicarsi sul palco al classico headbanging. L'unico che sembra essere rimasto uguale, è l'indomito Kerry King che, dopo la morte di Hanneman, rimane la vera anima ed il motore del gruppo.
Jeff HannemanChe senso ha intraprendere un tour a poco tempo di distanza dalla scomparsa del chitarrista? Il sostituto non è certo uno sconosciuto (Gary Holt degli Exodus, altro nome di punta del Thrash Metal) ma, considerando pure che il nuovo album non è ancora alle porte, ciò rimane abbastanza incomprensibile. Il tour è stato programmato diversi mesi fa, ma qui si sta parlando della morte di uno dei membri fondatori, colui che ha messo le mani su tutti i brani più famosi del gruppo. Oltre a questo, c'è da segnalare il litigio tra Dave Lombardo e gli altri del gruppo per questioni economiche. Al momento, quindi, il batterista è fuori dagli Slayer. Quindi, che bisogno c'è di fare altri concerti e di riproporre, magari, la solita scaletta degli ultimi anni? Il gruppo ha comunque in calendario una serie di date in Italia, tra cui una a Roma, Atlantico (Via dell'Oceano Atlantico, 271), il 17 giugno 2013. Non è prevista, inoltre, l'esibizione di uno special guest (solo il 19 giugno, a Milano, ci sarà il gruppo di Jason Newsted, ex Metallica, ad aprire la serata). Ecco perché brani che hanno fatto della violenza musicale il loro punto di forza, risulteranno colmi di malinconia. Una band oramai al tramonto? Solo le loro prossime mosse potranno fornire una risposta, ma il rischio c'è.
La morte, il male e la violenza sono tutte cose che esistono. Ovviamente, hanno un fortissimo valore di attrazione nei confronti della gente, e non voglio mentire dicendo che non ci rendiamo conto che molto del nostro pubblico ci segue proprio perché parliamo di queste cose, ma in realtà abbiamo avuto sempre un interesse per le situazioni estreme. Ci piace osservarle e descriverle come se fossimo degli osservatori distaccati.” (da un'intervista rilasciata a Metal Hammer nel settembre del 2000)
I fans degli Slayer, però, rischierebbero di essere, loro, gli osservatori (non distaccati) del declino della band. Agli Slayer il compito di evitare una fine patetica.

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.