Sabato, 16 Ottobre 2021

amazon prime video

Dal 16 al 31 ottobre la Sala Santa Rita ospiterà Arrotino un’installazione di Marco De Rosa, a cura di Valentina Muzi.

È l’ottavo in ordine cronologico dei 12 progetti vincitori del “Bando di selezione Sala Santa Rita 2021”, promosso da ROMA Culture e affidato in gestione all’Azienda Speciale Palaexpo, nell’ambito della sua missione di “Polo dell’arte e della cultura contemporanea”. Un esperimento che restituisce la Sala Santa Rita alla Città e la trasforma in un osservatorio attraverso il quale avvicinarsi ad opere d’arte di natura diversa, tutte ideate in stretta relazione con il luogo che le ospita e autentiche espressioni della creatività contemporanea. L’Arrotino entra e si muove nello spazio. Lo abita per il tempo necessario, per poi fuggire senza lasciar traccia in quel luogo che un tempo era sacro e dedito all’ascolto. Il progetto inedito realizzato da Marco De Rosa per la Sala Santa Rita nasce con l’intento di lavorare e approfondire le potenzialità della sound art, giocando con un elemento “disturbante”. L’architettura riveste un ruolo fondamentale, non solo perché il suono vi alberga, ma anche perché il riverbero che si sviluppa grazie agli spazi dell’ex-Chiesa avvolge il pubblico, conducendolo all’interno di un percorso esperienziale fino al momento di rottura con l’arrivo di un arrotino in movimento. Con questo lavoro, l’artista intende creare un trait d’union tra i codici linguistici dell’arte contemporanea e la sfera popolare, dove l’elemento “banale” e disturbante non solo dinamizza l’immaginazione di chi lo ascolta, ma crea interrogativi su un leitmotiv tanto famigliare quanto sconosciuto che anima, ancora oggi, le vie dei quartieri della Capitale

Contributo critico della curatrice Valentina Muzi. Può il banale essere un ponte per il reale? Davanti a questa domanda ho ripensato a Jean Baudrillard e al suo – sempre attuale - La sparizione dell’Arte, in cui dichiara che “C’è un momento illuminante per l’arte che è quello della propria perdita. C’è un momento illuminante della simulazione, quello in qualche modo del sacrificio, in cui l’arte fa un tuffo nella banalità (Heidegger ha ben detto che il tuffo nella banalità era la seconda caduta dell’Uomo, quindi il suo destino moderno). Ma c’è un momento disilluminato in cui essa apprende a sopravvivere di questa stessa banalità – è un po’ come fallire il proprio suicidio. Riuscire il proprio suicidio è l’arte della sparizione, è saper dare a questa sparizione tutte le suggestioni dell’artificio (…)”. Parto dal termine ‘banale’ – inteso come ordinario e quotidiano, s’intende! – perché è proprio qui che si è tuffato l’artista Marco De Rosa per cogliere l’essenza del soggetto preso in esame nell’opera ideata per gli spazi di Sala Santa Rita. Ed è proprio su questo piano reale e consueto che l’artista trae ispirazione da sempre, scandagliando il contesto urbano nel quale si addentra. Qui, tutti i piccoli dettagli che costellano il nostro microcosmo sono evidenziati nel loro aspetto comune e vitale, capace di cambiare il punto di vista da cui siamo soliti osservare la realtà. Infatti, con l’opera Arrotino il focus si sposta dal soggetto in sé per sperimentare la duplice proprietà del suono e approfondire la ricerca dell’artista romano. Quest’ultimo amplifica la dimensione spaziale e la sua fruizione attraverso diversi espedienti, che si sono affinati con la pratica artistica. Per l’occasione, De Rosa sperimenta le potenzialità della sound art, studiando la sua intrinseca immaterialità e plasmando la sua concreta presenza all’interno dello spazio. Ed ecco allora che una serie di elementi come il metallico sapore delle saracinesche, il discontinuo abbaiare di un cane, come anche la vibrante accensione di un motore, si mixano e albergano nella sala, creando una finestra aperta verso una quotidianità tanto vicina ma vissuta ‘a distanza’. Lì, in quella linea sottile, l’elemento tanto banale quanto riconoscibile dell’arrotino non si pone come soggetto aulico, ma si trasforma in un elemento disturbante capace di disorientare un’ambientazione ordinaria a cui il pubblico – forse per la prima volta in assoluto – si trova ad ascoltare con un’attenzione del tutto interessata. Insomma, come in una ordinaria tarda mattinata, ‘l’arrotino senza volto’ si muove da un capo all’altro della sala, proprio come nelle strade Capitoline, giocando e accentuando la struttura circolare della ex-chiesa. Ma può un suono abitare semplicemente uno spazio, o può anche plasmarlo? Utilizzo questo termine perché mi riconduce ad una dimensione materica, capace di essere esperita attraverso un coinvolgimento fisico oltre che sensoriale. Ebbene, in questo caso, l’opera audio modella il perimetro della sala spingendosi oltre, in una dimensione profonda e senza confini, nella quale il pubblico si perde ogni volta che il segnale dell’arrotino si dissolve. Tra le pieghe di toni marcati, armonici e lievi, lo spettatore viene interrogato su quella realtà che pensa di abitare quotidianamente, ma che in verità continua a pulsare e a muoversi nonostante il disinteresse comune. Valentina Muzi.

Il programma di Sala Santa Rita è promosso da Roma Culture.

Biografia artista
Marco De Rosa
nasce a Roma il 9 novembre 1991. Frequenta il corso di Scultura presso la Rufa – Rome University of Fine Arts – dove consegue la laurea di secondo livello nel 2015. Tra il 2012 e il 2015 collabora come assistente con vari artisti. Nel 2016 apre insieme ad altri colleghi coetanei lo Spazio In Situ, un artist-run space nel quartiere romano di Tor Bella Monaca dove attualmente lavora. La sua ricerca artistica verte su concetti quali lo spazio, la realtà e l’inutilità intesa come concetto statico di un mondo apparentemente perfetto ma privo di scopo. Lavora attraverso vari medium tra cui fotografia, pittura e istallazione creando opere che l’artista stesso definisce non-ready-made.

La Sala Santa Rita
La Chiesa di Santa Rita da Cascia, sorta nei pressi della scalinata dell’Aracoeli sul luogo della medievale chiesa di San Biagio de Mercato, è una chiesa barocca a pianta ottagonale sita di fronte al Teatro di Marcello. Fu realizzata intorno al 1653 su progetto dall’architetto Carlo Fontana, che per la sua facciata studiò particolari accorgimenti prospettici per una percezione diagonale. La dedicazione a Santa Rita, suora agostiniana di Cascia morta nel 1447, si deve alla diffusione del suo culto a Roma dopo la beatificazione avvenuta nel 1627. Nel 1928, durante i lavori per la costruzione del Vittoriano, la piccola chiesa venne smontata e, superato il progetto di Giovannoni di ricostruirla ai piedi del Campidoglio, solo tra il 1937 e il 1940 fu ricostruita nello spazio attuale, dopo la sistemazione e “liberazione” del Teatro di Marcello (dal 1926 in poi) e la distruzione di Piazza Montanara. L’esterno del complesso religioso venne totalmente restaurato durante l’Anno Santo del 1950. Nel 1952 l’edificio fu affidato alla congregazione della Piccola Opera della Divina Provvidenza fondata da Don Orione, e infine, nel 1990, tornò nel patrimonio disponibile del Comune di Roma e venne utilizzato per mostre ed eventi culturali fino alla chiusura nel 2001 per opere di restauro e consolidamento. Dal 2004 la Sala è un suggestivo spazio polifunzionale dedicato all’arte contemporanea, che ospita mostre site-specific, in cui gli artisti dialogano con la seducente architettura di Carlo Fontana.

 

INFORMAZIONI SALA SANTA RITA
Indirizzo: Via Montanara, Roma
Sito: salasantarita
Orari: dal martedì alla domenica - dalle 18,00 alle 21,00
Ingresso: Gratuito L’ingresso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid19.

L’Ufficio Stampa dell’Azienda Speciale Palaexpo
Piergiorgio Paris,
Francesca Spatola

Segreteria:
Dario Santarsiero

 

 

Fonte: Azienda Speciale Palaexpo

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.