Martedì, 15 Giugno 2021

amazon prime video

Arte. con “Diarium” di Cavaliere la storia prende forma alla Triennale di Arti Visive di Roma. L’opera in acciaio sarà esposta dall’11 al 20 giugno nell’ambito della manifestazione internazionale dal titolo Global Change, Anni Venti

Passato, presente e futuro. Con “Diarium” del giovane artista Emanuele Gaito, in arte Cavaliere - firma dedicata a suo nonno -, la Storia prende forma e viene condivisa negli spazi espositivi della quarta edizione dell’Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma, in programma dall’11 al 20 giugno 2021.

Dopo essere stato citato tra gli 800 artisti di Arte Contemporanea degli ultimi 70 anni che compongono l'Atlante 2020 della DeAgostini, Cavaliere prosegue il suo percorso artistico con l’invito alla Triennale 2021 “Global Change, Anni Venti”. La mostra, articolata su cinque sedi espositive, indagherà i cambiamenti globali dell’ultimo ventennio.
"Dopo la pubblicazione con la DeAgostini, - commenta Cavaliere - sono stato invitato da alcuni critici a creare un'opera unica che rispondesse ai temi e al messaggio della IV Esposizione Triennale di Arti Visive di Roma. Un’esperienza che mi ha catapultato per la prima volta nella creazione di una forma che raccontasse una mia storia personale, non più su commissione. Anche in questo caso il nostro Atelier ha saputo fondere in un unico oggetto tutte le abilità artigianali e tecnologiche di tutto il team multidisciplinare. Nasce così Diarium".

Diarium
L’opera, realizzata in acciaio, nasce da una meticolosa ricerca del rapporto aureo. Lo spirito architettonico dell’opera si ispira alla perfezione matematica che da Vitruvio a Leonardo Da Vinci, fino a Le Corbusier, ha fondato una rappresentazione armonica dell’arte.
Tutto è nato da un libro “Il Lavoro Ben Fatto” di Vincenzo Moretti: il manufatto, nella sua geometricità, si sviluppa da una pagina di 15 cm che fonda, attraverso i rapporti aurei, l’architettura e le simmetrie dell’intera opera. Delle 11 pagine realizzate in acciaio AISI 304 18-10 con taglio laser fibra, due presentano uno spessore maggiore (4 mm): la prima e la quarta di copertina, l’inizio e la fine della narrazione artistica. Su di esse la luce sorge e tramonta, ma allo stesso tempo si irradia con forza dirompente verso lo spettatore.
La satinatura a mano delle pagine con un segno orizzontale suggerisce che la storia sia tutta da scrivere: un Diario appunto alla cui forma narrativa si ispira l’opera nella sua complessità. La vista dall’alto delle pagine ricrea la suggestione di un edificio e ne evidenzia le fondamenta.
Infine, l’elemento luminoso spezza la freddezza dell’acciaio con il calore di una luce led 3000K che conferisce dinamicità all’opera con un gioco di luci e ombre, ispirato al sorgere e tramontare del sole e della vita. Qui risiede il cuore tecnologico dell'opera: l'anima di Diarium allo stadio iniziale è sempre illuminata fino alla metà delle pagine, a testimoniare il passato già scritto di ogni persona, che potrà interagire attraverso un'applicazione per illuminare le restanti pagine vivendo un attimo di presente e scrivendo il proprio futuro.

Cavaliere
Classe 1988, Cavaliere nasce a Bologna ma cresce a Sarno, in provincia di Salerno ed è qui che muove i primi passi nel mondo dell’arte. Colori, stucchi e cotone caratterizzano la sua formazione, tanto da essere definito Artigiano di Sogni. Nel 2008, si trasferisce a Parma, dove diventa docente di Informatica e frequenta la Facoltà di Architettura.
Fonda la prima azienda di Moda all'età di 22 anni, la seconda di Design a 25: oggi confluiscono in un unico progetto Cavaliere Atelier, un'azienda di arte e design insieme ad altri 3 soci, dove trovano casa artisti e progettisti di ogni ambito, impegnati a trasformare le storie in bellezza.
Dall’esperienza di docente nasce il progetto “Identità Marconi”, con tre obiettivi ben saldi: ricordare, sognare, abitare. Gli studenti, a contatto con la sua arte, dai chiari intenti pedagogici, divengono i destinatari di un messaggio di rifondazione della socialità odierna. Da qui nasce l’“AlberoGiusti”, monumento eseguito su committenza della dirigenza scolastica dell’istituto “Levi – Montalcini” di Noceto (Pr). Un omaggio a Rita Levi Montalcini, per cristallizzare nella memoria collettiva l’impegno profuso da nove donne (e dalle relative famiglie) a sostegno di persone ebree durante il secondo conflitto mondiale. A un materiale asettico e statico quale l’acciaio viene associata quella delicatezza tipica dello sviluppo di una pianta, fatto di specifici equilibri, microclimi e condizioni ad hoc. Tale concezione rompe l’idea di monumento quale oggetto statico: pensato come un vero e proprio vegetale, l’“AlberoGiusti” cresce in maniera proporzionale alla rettitudine che lo alimenta. Il piccolo albero metallico è stato piantato, con cerimonia inaugurale, da Piera Levi Montalcini. Nel suo disegno, l’esecutore prevede, annualmente, l’apposizione di dieci foglie, corrispondenti a dieci persone distintesi nel corso della storia per la difesa dei diritti umani, in questo modo il monumento resta vivo per sempre.

 

 

 

Fonte: Daniela Russo

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.