banner marco masini

Marco Masini in concerto all’Auditorium Conciliazione

banner marco masiniIl 26 novembre 2015 all’Auditorium della Conciliazione ci sarà il concerto di Marco Masini. Marco Masini torna a grande richiesta nei migliori teatri d’Italia, con il suo “Cronologia Tour”, dove il cantautore fiorentino celebra i suoi 25 anni di carriera. 

Sono già passati 25 anni da quando Marco Masini ha iniziato la sua carriera, con brani che hanno veramente fatto la storia. Dagli esordi con “Ti vorrei”, “Vaffanculo”, “T’innamorerai”, a “Bella Stronza”, sino a quelli più recenti come “L’uomo volante” e il “Che giorno è”, con cui ha partecipato all’ultimo Festival di Sanremo.
Sul palco con lui ci sarà la sua band: Massimiliano Agati (batteria), Cesare Chiodo (basso), Antonio Iammarino (tastiere), Alessandro Magnalasche (chitarra elettrica ed acustica) e Stefano Cerisoli (chitarra elettrica ed acustica).

«È davvero emozionante vedere ai miei concerti un pubblico eterogeneo, che accoglie più generazioni – afferma Marco Masini – e insieme ripercorrere un viaggio a ritroso colorato da immagini e pervaso da un nuovo sound decisamente pop. Attraverso 25 anni di musica cercando di dare un senso al tempo che è passato con una carrellata di brani, alcuni riarrangiati dal vivo con suoni e colori nuovi; il mio obbiettivo è rimasto sempre lo stesso ossia condividere emozioni attraverso le storie che ho scritto, che amo incondizionatamente perché credo appartengano ancora a tanti»

Marco Masini farà tappa a Roma il 26 novembre 2015 all’Auditorium della Conciliazione. 

About Redazione

Check Also

Diva: Una Sinfonia per Weimar al Goethe-Institut

#Weimar #Cultura #Teatro #EZrome "Diva: Una Sinfonia per Weimar" al Goethe-Institut di Roma, uno spettacolo che omaggia l'epoca di Weimar attraverso le vicende di DIVA, la Nuova Donna, simbolo di emancipazione e cultura.

Un amore di Buzzati rivive sul palco dell’Altrove

#Buzzati #Teatro #Cultura #EZrome "Un amore" di Dino Buzzati prende vita sul palco dell'Altrove Teatro Studio di Roma, in una lettura drammatizzata che intreccia le voci degli allievi dell’Accademia D’Arte Scenica alla musica del cinema italiano. Una serata per riassaporare le atmosfere del 1960 attraverso il talento emergente degli attori.

Lascia un commento