“Unendo le voci”: settimana contro il razzismo

“Unendo le voci”: a scuola un laboratorio musicale per celebrare la XIX settimana d'azione contro il razzismo

Dal 20 al 26 marzo A Buon Diritto Onlus, nell'ambito delle attività promosse da UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, organizzerà presso l'I.I.S. “Edoardo Amaldi” di Roma un laboratorio di composizione musicale partecipativa e multiculturale
Evento di presentazione: domenica 26 marzo, ore 21, Tor Bella Monaca
(Via Bruno Cirino, 5, 00133 Roma RM)

Dalle Freedom Songs, cantate negli anni ‘60 dai movimenti per i diritti civili degli afroamericani, a Cara Italia, il singolo del 2018 di Ghali: sono sterminati i casi in cui la musica si è posta come mezzo e alleato per denunciare le discriminazioni e promuovere l'integrazione. Proprio in quest'ottica è stato pensato l'evento “Unendo le voci” che vede protagonisti gli studenti e le studentesse dell'istituto I.I.S. “Edoardo Amaldi” di Roma.
In occasione della XIX settimana d'azione contro il razzismo promossa da UNAR, A Buon Diritto – la onlus, diretta da Valentina Calderone e fondata da Luigi Manconi, che si occupa di privazione della libertà, immigrazione e diritti umani e civili – organizzerà con gli studenti e le studentesse dell'istituto romano un laboratorio partecipativo e multiculturale che porterà alla realizzazione di un album musicale.
Guidati dall'ingegnere del suono Afif Ben Fekih e dall'artista Alessandro Cardinale, le ragazze e i ragazzi si cimenteranno nella scrittura e nella composizione dando vita a brani, sperimentali e unici, che verranno poi distribuiti tramite le più note piattaforme di musica online (come Spotify, Amazon music e Youtube). Musica pensata per promuovere i temi dell'inclusione, l'unità e il rispetto per la diversità nell'ambito della lotta alla discriminazione razziale. Dall'editing audio al mixing e il mastering: con la disponibilità di strumentazione innovativa, gli studenti e le studentesse potranno acquisire competenze di scrittura, composizione e produzione musicale. L'intero percorso di creazione sarà seguito da un videomaker che, oltre a documentare il progetto, lavorerà con gli studenti e le studentesse nella creazione di un video di sponsorizzazione dell'album musicale.
Una volta ultimata la creazion, il disco e l'intero lavoro di produzione verranno presentati all'interno dell'evento “Unendo le voci”, il prossimo 26 marzo 2023, presso il teatro Tor Bella Monaca. Durante la serata interverranno gli studenti e le studentesse protagonisti del progetto insieme ad Afif Ben Fekih, ingegnere del suono e compositore di origine tunisina, autore di colonne sonore per film e documentari, e Alessandro Cardinale, autore, cantante e sassofonista di grandissima esperienza (dallo Sziget Festival di Budapest alla condivisione del palco con il maestro Francesco De Gregori), oltre che psicologo specializzato sull'infanzia e l'adolescenza. Con loro Acai Lombardo Arop, Mario Puorro e Giulia Salsone del gruppo Altrove; Riccardo Celi e Thameur Jebari del gruppo 66Kif e Dunen Mubin.
Il progetto ha ricevuto un finanziamento nazionale pubblico dall'UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni razziali nell'ambito delle attività della XIX settimana di azione contro il razzismo.

Silvia Bellucci – Ufficio Stampa A Buon Diritto

 

 

fonte: Silvia Bellucci

About EZrome

Check Also

Piccolo uomo grande mondo: un viaggio tra sogno e realtà

#Teatro #Cultura #Innovazione #EZrome In "Piccolo uomo grande mondo", Tommaso Lombardo porta in scena una fiaba comica che esplora il confine tra sogno e realtà, invitando gli spettatori a riflettere sul valore dell'autenticità e del coraggio di essere sé stessi.

Al San Filippo Neri nasce l’Infopoint AISM per la Sclerosi Multipla

#SclerosiMultipla #SanFilippoNeri #SupportoPazienti #EZrome L'inaugurazione dell'Infopoint AISM al San Filippo Neri segna un passo avanti significativo nel supporto alle persone con Sclerosi Multipla e i loro familiari. Questo servizio, offrendo informazioni e orientamento direttamente all'interno dell'ospedale, sottolinea l'importanza dell'informazione e della sensibilizzazione come strumenti essenziali nella gestione della patologia.

Lascia un commento