Sabato, 26 Novembre 2022

amazon prime video

Bartolini a Villa Ada il 27 giugno con “Bart Forever”: il nuovo disco per Carosello Records. Finalmente live nella sua città di adozione presenta il suo secondo album.

Chitarre ruggenti e ritornelli memorabili descrivono un universo intimo e suggestivo. Un vortice di polaroid dall’adolescenza tra occhiaie tatuate, treni persi e parole non dette.

Lunedì 27 giugno ore 21
Villa Ada Festival
Via Ponte Salario 28, Roma

Le prossime date:

6 luglio Bologna – Covo Summer
16 luglio Piacenza – Kult

Chitarre ruggenti, ritmiche serrate e ritornelli memorabili.
Finalmente nella sua città di adozione, Bartolini si prepara a presentare “Bart Forever” - il suo nuovo disco appena uscito per Carosello Records - a Villa Ada lunedì 27 giugno (ore 21, qui i biglietti: bit ly 3u0YuCz).

Voce e chitarra, Bartolini condivide il palco di Roma con Andrea Messina (synth e chitarra), Leonardo Sentinelli (batteria) e Michele Di Muro (basso).

Prodotto con l’aiuto di Jesse Germanò, Andrea Messina e Matteo Domenichelli, l’album arriva a due anni di distanza dal suo disco d’esordio “Penisola”.

Un progetto musicale concepito come fosse l’ultimo, e allo stesso tempo vissuto come il primo. Un sound personale e curatissimo, ispirato da artisti internazionali come Jean Dawson e Dominic Fike.

Ventisette anni, la provincia nel cuore e la metropoli in testa, in “Bart Forever” l’artista si guarda allo specchio e racconta quello che vede: è un omaggio alla mia adolescenza che sembra essere infinita, al fatto che ero e probabilmente resterò sempre così, un bambino di provincia. Da sempre assuefatto, e allo stesso spaventato dal mondo esterno, qui provo in qualche modo ad affrontarlo, parlando del cambiamento che avviene mentre nemmeno te ne accorgi.

Nato e cresciuto a Trebisacce, piccola realtà calabrese affacciata sul mare, viene adottato oggi da Roma e prima da Manchester, da cui assorbe e fa suo un britpop elegante e ricercato.

Guarda indietro al suo passato e svela un universo intimo, fotografando un quadro complesso di polaroid senza filtri. Sono immagini a volte sfuocate e altre molte nitide, in alcuni casi dal sapore dolce e in altri amaro. Sicuramente importanti, come solo le fotografie dell’adolescenza possono essere, quelle destinate – appunto – a durare per sempre.

Tra britpop, indierock e new wave, l’immaginario cantato da Bartolini ha le occhiaie tatuate, il sapore delle prime sigarette, l’energia dei fulmini incontrati per strada, la disperazione delle pistole puntate contro sé stessi, la solitudine dei treni persi e delle parole non dette.
C’è la voglia di ricostruirsi dopo un lutto importante, la volontà di ritrovarsi dopo un’emergenza sanitaria che ha cambiato il mondo.

Non sono stati anni facili, sto ancora cercando di capire chi sono e che cosa voglio, la pandemia è stato un tunnel emotivo che mi ha portato molte volte a pensare di smettere, ci ho messo un po’ a ritrovare l’entusiasmo e ci sono riuscito ripartendo da zero.

Le canzoni di “Bart Forever” sono meno eteree e sognanti rispetto al primo Bartolini, più crude e dirette. Le atmosfere sono quelle da “California marcia”, ben rappresentata da Davide Rossi Doria, direttore creativo e grafico del progetto, e abilmente raffigurata nel video del singolo Forever (https://youtu.be/freMvtkHC0s), diretto da Simone Bozzelli, promessa del cinema di domani e già firma di I wanna be your slave dei Maneskin.

Un disco che andando a ritroso sarebbe perfetto per la serie “The O.C.”, il teen drama cult ambientato nel quartiere californiano di Orange County, e non a caso suona nella colonna sonora dell’ultima stagione di Summertime - la serie originale italiana Netflix prodotta da Cattleya - parte di ITV Studios, che ha scelto dall’album i pezzi Mon Amour e Schiena, e dal repertorio di Bartolini Controvento, Astronave e Sanguisuga.

Sarebbe facile definire Bartolini un cantautore generazionale, ma si rischia di essere riduttivi.
È piuttosto una creatura unica e ibrida, a cavallo tra due mondi – quello cresciuto nell’analogico e quello nato nel digitale – che riesce a rappresentare entrambi.

Le nove tracce di “Bart Forever” dimostrano la sua capacità di essere trasversale, e l’abilità non comune di curare il processo creativo a 360 gradi, dalla produzione alla parte autoriale. Bartolini sperimenta e si lascia influenzare da ogni genere, che sia rock o punk, indie o elettronica, riuscendo a creare un suono avvolgente, singolare e ultracontemporaneo, il suo.

Il disco è impreziosito dai featuring con European Vampire in Settimane (prod. Riccardo Fuffolo); Lil Kvneki in Non piove e Thru Collected in Luci (prod. Arssalendo).

 

Carosello Records
Management Alfonso Senatore
Booking | DNA Concerti
Ufficio Stampa GDG press

Fonte: GDG Press

Ultime da ARvis.it

ARvis.it

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.