Piccolo uomo grande mondo: un viaggio tra sogno e realtà

Un evento imperdibile sta per accendere le luci della scena artistica romana, trasformando una tranquilla serata di marzo in un incrocio di emozioni, sogni e realtà. Sabato 9 marzo 2024, alle ore 21.00, il Centrale Preneste , sito in Via Alberto da Giussano 58, diventa il palcoscenico di “Piccolo uomo grande mondo”, uno spettacolo multidisciplinare che promette di catturare l'attenzione e il cuore del pubblico romano. Questo evento si inserisce nell'ambito della rassegna “YOU. The Young City – You Under 35”, una serie di appuntamenti dedicati all'esplorazione dei nuovi linguaggi del contemporaneo attraverso la danza, la musica, il teatro e molto altro ancora.

Un viaggio nella fantasia guidato da Tommaso Lombardo

“Piccolo uomo grande mondo” è la brillante creazione di Tommaso Lombardo, che non solo ha scritto l'opera ma ne è anche l'interprete principale. La direzione artistica dell'intera rassegna è affidata a Tiziana Lucattini, che con la sua visione ha contribuito a plasmare uno spazio dove l'arte può fiorire in tutte le sue forme. Questo spettacolo, in particolare, è il risultato di un percorso di crescita e sperimentazione all'interno della Residenza Giovani Centrale Preneste Teatro, un progetto che supporta i giovani talenti nel campo delle arti performative.

L'opera si presenta come una fiaba comica, narrando le vicende di un anti-eroe che vive ancora con i genitori in un luogo che sembra uscito da una favola, tra pappagalli parlanti e un amore soffocante. Questo paradiso terrestre, tuttavia, si rivela essere una gabbia dorata per il protagonista, che sogna di evadere per scoprire la sua vera essenza al di fuori degli schemi predefiniti dalla società. Il viaggio di Lombardo è un inno al coraggio di essere sé stessi, un'odissea moderna che si svolge tra le mura domestiche e i confini sconfinati della propria immaginazione.

La luce di Gianfranco Lucchino e l'aiuto di Francesca Bertocchini

Ad arricchire la magia dello spettacolo contribuiscono le luci sapientemente gestite da Gianfranco Lucchino, mentre Francesca Bertocchini offre il suo prezioso supporto come aiuto regista. Questi elementi si combinano per creare un'atmosfera unica, dove la realtà si fonde con il sogno, e il vero si mescola con il finto in un tessuto narrativo denso di significati.

“Piccolo uomo grande mondo” è un elogio al disadattamento, un invito a rompere le catene dell'ordinario per esplorare l'infinito spettro delle possibilità che la vita offre. È uno spettacolo che parla a tutti coloro che si sentono stretti nelle etichette imposte dall'esterno, a chi cerca una via di fuga dalla monotonia del quotidiano per avventurarsi in terre inesplorate della propria personalità.

Info utili

L'ingresso a questo evento straordinario è libero, ma è necessaria la prenotazione obbligatoria, che può essere effettuata online sul sito del Centrale Preneste Teatro o inviando una mail a Ruotalibera. In alternativa, è possibile accedere direttamente il giorno dello spettacolo, a partire dalle ore 20.30, previa disponibilità dei posti. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare il numero 06 27801063 dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 17.00. “Piccolo uomo grande mondo” non è solo uno spettacolo teatrale; è un viaggio nell'anima, un'esperienza che promette di lasciare un segno indelebile nel cuore e nella mente di chi avrà la fortuna di assistervi.

About EZrome

Check Also

Live nei teatri: Levante celebra dieci anni di musica

#LevanteLiveNeiTeatri #musica #teatro #EZrome Levante, in tour con "Live nei teatri", celebra i dieci anni di carriera con uno spettacolo che intreccia musica, storia personale e rinnovamento artistico. Tra gli impegni futuri, diverse città italiane ospiteranno le sue esibizioni intime e coinvolgenti.

“Roots/Le radici del contemporaneo” celebra Elsa Morante con “La Storia”

#RootsFestival #LaStoria #ElsaMorante #EZrome Il festival "Roots – Le radici del contemporaneo" celebra il cinquantenario del romanzo "La Storia" di Elsa Morante con un reading speciale alla Libreria Tuba di Roma. Un'immersione nelle emozioni estreme e nella narrativa potente di Morante, in un evento che rievoca i valori della Resistenza alla vigilia del 25 aprile.