Fortezza Est debutta “Shipwreck 34°31’22.0″N 12°55’49.9″E”

Debutta in prima assoluta dal 9 all'11 dicembre SHIPWRECK 34°31'22.0″N 12°55'49.9″E il nuovo lavoro di Matroos DanceTheatre Company diretta da Lisa Rosamilia,

spettacolo di -danza che affronta il tema del naufragio socio/politico, culturale e identitario, come metafora della deriva dei nostri tempi. Tempi liquidi senza punti fermi: naufragano le istituzioni, naufragano i valori, tutto muta vorticosamente, restiamo indietro senza guida, senza principi, senza una rotta da seguire perché si sono perse le “carte nautiche”, i riferimenti culturali, l'orientamento etico e morale.

SHIPWRECK 34°31'22.0″N 12°55'49.9″E è un mondo che naufraga, un naufragio collettivo, di anime e corpi. Corpi nati naufraghi, corpi sradicati, corpi impreparati, corpi spogli. Corpi che attraversano porte dietro altre porte, intrappolati nel margine di dogane sempre più sottili, confini chiusi in se stessi, esilio di infinite grottesche zone di frontiera. Si sbanda in avaria, barriera dietro barriera, e ad ogni naufragio si perde un pezzo, fin quando rimane solo lo smarrimento, un'idea sfocata della propria identità. Il naufragio si porta via tutto, lasciando in piedi soltanto il corpo in fuga, la vita e il suo movimento furioso. Sinonimo di instabilità e rivolgimento della sorte, il naufragio rappresenta una condizione esistenziale di perdita e smarrimento, un limbo che richiede una ricostruzione.

La narrazione si sviluppa attraverso l'utilizzo e la trasformazione di una struttura scenografica modulabile, costruita con vecchie ante di porte/finestre. La scenografia muta nello spazio facendosi relitto sulle onde del mare, gabbia di respiri, zona di frontiera, parete, approdo, porto aperto, porto chiuso. Tra le pareti di questa frontiera matura un'esigenza di espansione, confinatori e confinati si confondono fra loro e si sfalda la linea che divide terra e mare, è come un naufragare su una terra non più ferma.

Il viaggio per mare è da sempre stata sfida dell'uomo all'ignoto, è accettare di mettersi al timone di un progetto che abbandona la sicurezza della terraferma per attraversare ciò che è instabile per eccellenza, eppure questo non ha mai fermato l'uomo dal varcarlo, non per affronto ma per bisogno. Come per l'Ulisse di Omero, la spinta che alimenta questo azzardo è una miscela di disperazione e desiderio, fame e sete, paura e coraggio. Si è ciechi e allo stesso tempo visionari, lo sguardo scavalca la morte, fende il buio, vede pianeti, immagina costellazioni.
Spettacolo di TeatroDanza con musiche originali, sonorizzazioni live e videomapping.

SHIPWRECK 34°31'22.0″N 12°55'49.9″E

Matroos DanceTheatre Company
Ideazione Regia Coreografia Lisa Rosamilia
Con Angela Di Domenico, Chiara Marchesano,
Francesca Orlandi, Carlotta Piraino
Musica Video Daniele Casolino
Testi Marco Bilanzone

FORTEZZA EST
9/10/11 Dicembre 2021 – h. 20.30

 

FORTEZZA EST
Via Francesco Laparelli 62 – Roma

Biglietti: 12€

info e prenotazioni:
329.8027943 – 349.4356219

Ufficio Stampa Eleonora Turco 

MATROOS DANCETHEATRE COMPANY

 

 

 

 

Fonte: Eleonora Turco

 

About EZrome

Check Also

Roma World: un tuffo nell’Antica Roma tra divertimento e cultura

#AnticaRoma #Divertimento #Cultura #EZrome Roma World riapre le porte con una stagione 2024 piena di novità: dallo spettacolo "Roma On Fire" al Backlot Tour, un'avventura unica tra storia e cinema. Un'esperienza immersiva nell'Antica Roma, dove divertimento e apprendimento si fondono in un viaggio indimenticabil

Ardecore trio celebra la festa della Liberazione

#Ardecore #FestadellaLiberazione #MusicaeResistenza #EZrome Il trio Ardecore torna sul palco per la Festa della Liberazione al Casilino Sky Park il 25 aprile. Un concerto che intreccia la musica popolare romana con la poesia di Belli, celebrando la Resistenza e la cultura indipendente.

“Arte in Musica” al Teatro Ivelise: un viaggio nella storia dell’arte italiana

#ArteInMusica #StoriaDellArte #TeatroIvelise #EZrome Il 27 aprile, il Teatro Ivelise di Roma presenta "Arte in Musica", un incantevole viaggio attraverso la storia dell'arte italiana, animato dalle musiche di Gianmarco Giannetti e dalla voce di Greta Arditi.

Lascia un commento