Gagosian presenta Y. Z. KAMI, Night Paintings

L'astrazione ha sempre fatto parte del mio lavoro. —Y.Z. Kami

Gagosian è lieta di presentare Night Paintings, una mostra di nuovi dipinti di Y.Z. Kami. Questa è la prima mostra personale dell'artista in Italia, e segue la sua partecipazione al progetto collaterale della ° Biennale di Venezia, The Spark Is You, la collettiva organizzata dalla Parasol unit foundation for contemporary art di Londra.

I misteriosi Night Paintings ( –) di Kami sono in gran parte composti da un'unica sfumatura di indaco, conosciuto come il colore della notte, mescolato a varie gradazioni di bianco. Su ogni tela di questa nuova serie fluttuano presenze di colore blu-bianco che appaiono appena oltre i limiti della materialità e della rappresentazione concreta. Queste immagini si muovono tra stati apparentemente solidi, liquidi e gassosi come una struttura ossea che si fonde in un vortice latteo e che a sua volta evapora in una spirale di fumo. Eppure i loro riferimenti e le loro forme reali restano in definitiva velati dietro una pennellata nebbiosa.

I dipinti di Kami, dai bordi sfumati e i motivi biomorfici scintillanti, segnano il confine tra mondano e sublime. L'opera di Kami, sottilmente influenzata dalla sua eredità culturale ma risolutamente cosmopolita e secolare, suggerisce una riflessione filosofica e spirituale. L'artista mimetizza velando, preferendo avvicinare l'infinito e l'ineffabile piuttosto che approfondire i particolari di una presenza religiosa.

Kami è conosciuto per i ritratti di membri della sua famiglia, di amici e di sconosciuti, tutti dipinti a partire da istantanee scattate dall'artista stesso. Con tratti sfumati e colori tenui, questi lavori psicologicamente toccanti richiamano la sobrietà e il candore degli antichi dipinti Fayum – straordinarie immagini funebri ritrovate su mummie egizie. In anni recenti ha ampliato le sue tematiche continuando ad utilizzare la sua inconfondibile pittura sfumata per trattare una gamma di soggetti contemplativi quali interni di chiesa, maschere mortuarie e mani raccolte in preghiera.

Great Swan ( ) si spinge nel figurativo, anche se i mistici Indù protagonisti dell'enigmatica composizione sono così fuori fuoco che abiti e volti sfiorano la dissoluzione completa. Qui, come nell'affascinante mistero degli altri Night Paintings, Kami stabilisce una continua tensione tra astrazione e figurazione, confondendo ulteriormente l'osservatore nei suoi sforzi di riconoscere elementi della sfera umana. L'intero registro superiore di Great Swan è velato da un solido manto indaco che oscura il volto della figura centrale in piedi la cui presenza sembra aver rapito l'attenzione del pubblico seduto. Il dipinto è avvolto in una crescente oscurità, parzialmente coperto da un'eclissi inscrutabile, o dalla palpebra di un occhio assonnato.

La monografia Y. Z. Kami: Works 985–20 8, di recente pubblicata da Skira e Gagosian è disponibile presso il Gagosian Shop. Questo volume riproduce nel dettaglio più di trecento lavori e include saggi di Laura Cumming, critica d'arte; Elena Geuna, curatrice indipendente; e Robert Storr, critico e curatore.

Y.Z. Kami è nato nel a Teheran, e vive e lavora a New York. I suoi lavori sono inclusi, tra le altre, nelle seguenti collezioni: the Metropolitan Museum, New York; Solomon R. Guggenheim Museum, New York; Whitney Museum of American Art, New York; Smithsonian Institution, Washington, DC; British Museum, Londra; e Parasol unit foundation for contemporary art, Londra. Tra le mostre personali si annoverano: Portraits, Herbert F. Johnson Museum of Art, Cornell University, Ithaca, NY ( ); Perspectives, Arthur M. Sackler Gallery, Smithsonian Institution,

Washington, DC (   ); Endless Prayers, Parasol unit foundation for contemporary art, Londra

( ); Beyond Silence, National Museum of Contemporary Art, Atene (  – ); e Endless Prayers, Los Angeles County Museum of Art, California ( – ). Kami ha partecipato alla ° Biennale di Venezia nel .

 YZKami

Night Paintings

Inaugurazione: sabato 18 gennaio, 18:00 – 20:00

18 gennaio – 21 marzo 2020 Via Francesco Crispi 16, Roma

Fonte Ufficio Stampa PMC Studio 

About Redazione

Check Also

Diva: Una Sinfonia per Weimar al Goethe-Institut

#Weimar #Cultura #Teatro #EZrome "Diva: Una Sinfonia per Weimar" al Goethe-Institut di Roma, uno spettacolo che omaggia l'epoca di Weimar attraverso le vicende di DIVA, la Nuova Donna, simbolo di emancipazione e cultura.

Un amore di Buzzati rivive sul palco dell’Altrove

#Buzzati #Teatro #Cultura #EZrome "Un amore" di Dino Buzzati prende vita sul palco dell'Altrove Teatro Studio di Roma, in una lettura drammatizzata che intreccia le voci degli allievi dell’Accademia D’Arte Scenica alla musica del cinema italiano. Una serata per riassaporare le atmosfere del 1960 attraverso il talento emergente degli attori.

Lascia un commento