RENDEZ VOUS Festival del Cinema francese al Nuovo Sacher

Dal 29 marzo al 3 aprile 2023 torna in Italia RENDEZ-VOUS, il festival dedicato al CINEMA FRANCESE. La kermesse, giunta alla sua XIII edizione, apre i battenti, come ogni anno, a Roma, al Cinema Nuovo Sacher,

dove sono accolti film e ospiti della rassegna. Il viaggio, partito dalla Capitale, fa poi tappa, con sezioni speciali e ospiti, alla Cineteca di Bologna, al Cinema Massimo di Torino, agli Institut Français di Milano e di Palermo.

 

Il più prestigioso evento cinematografico italiano dedicato al cinema francese, nasce da un’iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, è realizzato dall’Institut français Italia, co-organizzato con Unifrance, l’organismo di promozione del cinema e dell’audiovisivo francese nel mondo. La direzione artistica è affidata a Vanessa Tonnini.

Il festival beneficia come sempre del sostegno di BNL BNP Paribas, di Borsalino, della Fondazione Nuovi Mecenati – fondazione franco-italiana per la creazione contemporanea –, dell’Hotel Sofitel Rome Villa Borghese, di France 24, la chaîne d’information internationale e della SACEM.

La XIII edizione del Festival Rendez-vous nasce all’insegna di un cinema libero e umanista: è proprio la libertà il motore delle scelte stilistiche dei suoi autori e insieme il messaggio trasmesso dalle opere presenti nella selezione.

Il cinema francese, da sempre fucina di una grande ecletticità di talenti, in questi ultimi anni sembra attraversato da un bisogno radicale di rinnovarsi nella forma per dar meglio voce all’inquieto corpo sociale contemporaneo. Il programma di quest’anno vede opere che mescolano intimo e politico, storie dai grandi personaggi, per lo più femminili, che sono motore e acceleratore del cambiamento.

Qualche anticipazione dei titoli di punta di questa XIII edizione che si svolgerà a Roma dal 29 marzo al 3 aprile, al Cinema Nuovo Sacher per poi spostarsi a Bologna, Torino, Milano, Palermo, con focus e sezioni speciali.

ISABELLE HUPPERT | Ospite d’onore | Passioncinéma

Ospite d’onore di questa XIII edizione, un’icona del cinema internazionale: ISABELLE HUPPERT. Pluripremiata dai festival di tutto il mondo, dal 1970 a oggi ha interpretato oltre cento film, lavorando con alcuni tra i più importanti registi di sempre, l’attrice sarà a Roma con due film: LA SYNDICALISTE di Jean-Paul Salomé e MON CRIME di François Ozon.

ISABELLE HUPPERT, al fianco del regista JEAN-PAUL SALOMÉ, presenterà LA SYNDICALISTE, film selezionato nella sezione Orizzonti di Venezia 79 che trae ispirazione dall’affaire Kearney e racconta la storia vera di una battagliera rappresentante sindacale della centrale nucleare di una multinazionale francese. Isabelle Huppert, al suo secondo film per Salomé dopo La Daronne, incarna il ruolo di una donna tenace e fragile che, sola contro il mondo, si batte contro i poteri forti per salvare migliaia di posti di lavoro. Un thriller incalzante e magnetico che ci regala una potente riflessione sul potere e sulla disparità di genere.

 

Sinossi | LA SYNDICALISTE di Jean-Paul Salomé, con Isabelle Huppert, Marina Foïs, Yvan Attal, Grégory Gadebois

Maureen Kearney (Isabelle Huppert) è la rappresentante sindacale del colosso nucleare Areva e si sta battendo per evitare l’accordo commerciale tra la multinazionale francese e il governo cinese che mette a rischio 50.000 posti di lavoro. La sua vita quotidiana viene sconvolta quando è assalita violentemente in casa. Tra segreti di Stato e forti pressioni di politica e industria, da vittima Maureen diventa sospettata. Dal libro della giornalista Caroline Michel-Aguirre, L’affaire Kearney diventa un thriller d’attualità con al centro un’informatrice “colpevole perché donna”.

 

In sala in autunno con I WONDER PICTURE.
ALICE WINOCOUR | Il cinema ovvero la rivoluzione del corpo

Al cinema etereo e documentaristico insieme di ALICE WINOCOUR è dedicato il focus di quest’anno.

La regista sarà a Roma, al Cinema Nuovo Sacher, per presentare – in anteprima italiana – REVOIR PARIS, il suo quarto lungometraggio, selezionato alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes, insignito del premio Alice Guy 2023 per il miglior film realizzato da una donna, premiato con il César per la miglior attrice alla protagonista, Virginie Efira.

Al suo quarto lungometraggio, dopo Augustine (2012), Maryland (2015) e il futuristico Proxima (2019), tutti presentati al Festival Rendez-vous, Alice Winocour torna a offrire al pubblico un potente ritratto femminile, un’opera luminosa sul delicato processo di ricostruzione di una donna sopravvissuta a un attentato. Creando un parallelo tra memoria intima ed esperienza collettiva, Winocour racconta il risveglio di una comunità e di una città, Parigi, e firma così il suo film più personale, ispirato alla tragedia vissuta dal fratello, scampato all’attentato del Bataclan del 2015.

 

Sinossi | REVOIR PARIS di Alice Winocour, con Virginie Efira, Benoît Magimel, Maya Sansa

In un bistrot di Parigi, Mia (Virginie Efira) si ritrova coinvolta in un attentato. Tre mesi dopo, ancora incapace di riprendersi e ricordare con esattezza quanto accaduto, decide di indagare, incontrando gli altri sopravvissuti. Tra questi, un uomo (Benoît Magimel) la aiuterà a ritrovare se stessa e i pezzi mancanti della sua memoria. Ispirato alla tragedia del Bataclan, dov’era presente suo fratello, Alice Winocour mescola azione e giallo dell’identità in una storia catartica e toccante sulla fragilità dell’esistenza e i legami invisibili che ci tengono uniti.

 

In sala con MOVIES INSPIRED dal 15 giugno.
ALAIN GUIRAUDIE | L’inimitabile

Il regista più libero e audace del cinema francese sarà al Festival Rendez-vous con il suo ultimo lungometraggio VIENS JE T’EMMÈNE, presentato in apertura a Panorama della 72ema Berlinale e al Torino Film Festival.

Il regista de L’Inconnu du lac torna con una commedia corale, dove spiccano le figure di un adorabile antieroe e una prostituta che fa della sua sessualità un atto sociale. Dissacrante, poetico e politico, il cinema di Guiraudie si prende gioco con intelligenza delle nostre paure e delle più recondite paranoie della nostra società, della follia del nostro vivere insieme, per firmare un film che è un’ode alla vita e al piacere.

 

Sinossi | VIENS JE T’EMMÈNE di Alain Guiraudie, con Jean-Charles Clichet, Noémie Lvovsky, Iliès Kadri

A Clermont-Ferrand, il 35enne Médéric (Jean-Charles Clichet) si innamora di Isadora (Noémie Lvovsky), una prostituta sposata con un uomo geloso e possessivo. Quando un attacco terroristico colpisce la città, il senzatetto Selim (Iliès Kadri) si rifugia nel palazzo dove vive Médéric, generando una psicosi collettiva. Tutto si complica perché Médéric, a differenza degli altri, prova simpatia per il ragazzo e, in più, è alle prese con l’amore per Isadora. Una commedia potente e provocatoria che esplora le nevrosi contemporanee, tra complottismo, poliamore e desiderio.

 

In sala con SATINE FILM da aprile.

Le proiezioni sono in versione originale con sottotitoli in italiano.

 

Contatti Stampa

Ufficio stampa Rendez-vous | Reggi&Spizzichino Communication
Ufficio stampa Ambasciata di Francia 
Ufficio stampa Unifrance 

 

 

Fonte: REGGI&SPIZZICHINO Communication

About EZrome

Check Also

Diva: Una Sinfonia per Weimar al Goethe-Institut

#Weimar #Cultura #Teatro #EZrome "Diva: Una Sinfonia per Weimar" al Goethe-Institut di Roma, uno spettacolo che omaggia l'epoca di Weimar attraverso le vicende di DIVA, la Nuova Donna, simbolo di emancipazione e cultura.

Un amore di Buzzati rivive sul palco dell’Altrove

#Buzzati #Teatro #Cultura #EZrome "Un amore" di Dino Buzzati prende vita sul palco dell'Altrove Teatro Studio di Roma, in una lettura drammatizzata che intreccia le voci degli allievi dell’Accademia D’Arte Scenica alla musica del cinema italiano. Una serata per riassaporare le atmosfere del 1960 attraverso il talento emergente degli attori.

Lascia un commento