Lunedì, 19 Aprile 2021

amazon prime video

Edilizia sostenibile: il progetto di riqualificazione di Galleria Borghese in accordo al protocollo GBC Historic Building®
Milano. Raggiungere la sostenibilità degli edifici e valutarla è un processo complesso ma indispensabile per migliorare le performance ambientali delle costruzioni

Qualsiasi prodotto edilizio modifica lo stato di un territorio, sia dal punto di vista fisico che da quello sociale. L’insieme di tanti edifici crea un ambiente, il “costruito”, dove la sostenibilità rappresenta davvero una sfida, in quanto le costruzioni contribuiscono a generare “insostenibilità”. Il settore dell’edilizia, infatti, è direttamente responsabile del 39% di tutte le emissioni di CO2 nel mondo. Di queste, il 28% è rappresentato da emissioni dovute alla gestione, sommando l’energia utilizzata per riscaldare, raffreddare e illuminare gli edifici, il restante 11% da emissioni di CO2 associate a materiali e processi di costruzione durante l’intero ciclo di vita delle costruzioni (fonte GBC).

La responsabilità del settore edilizio nella lotta al cambiamento climatico e nel raggiungimento degli obiettivi di tutela ambientale è andata crescendo negli attori della filiera, progettisti, costruttori e committenti. Per un risultato concreto, le scelte da affrontare sono diverse e il cambiamento deve prendere in considerazione l’intero ciclo di vita dell’edificio.
GBC Italia, parte del World GBC, ha contribuito a mutare l’approccio all’edilizia sostenibile, grazie a protocolli che oggi sono di riferimento per tutto il settore.

“Siamo difronte a una grande sfida, acuita ancor di più dalla attuale crisi generata dalla pandemia in corso. Mai come ora abbiamo avuto la chiara consapevolezza di dover agire sul nostro ambiente costruito per rispondere alle esigenze delle persone e dell’ambiente, in questo contesto i protocolli energetico-ambientali della famiglia LEED-GBC sono un incredibile strumento per definire le corrette strategie e monitorare l’efficacia prestazionale degli asset immobiliari, anche e soprattutto per quelli che hanno valenza storico-testimoniale”, dichiara Marco Mari, Presidente di GBC Italia.

Le condizioni per un’edilizia sostenibile
La sostenibilità nel settore delle costruzioni è un obiettivo possibile ma occorre allargare l’orizzonte alle ricadute che gli interventi e le trasformazioni edilizie hanno sul piano economico, sociale e ambientale. La sostenibilità non può essere ridotta o limitata ai soli requisiti ambientali o energetici, ma deve necessariamente tendere al raggiungimento di un loro equilibrio.
Quando è possibile definire sostenibile un intervento edilizio? Se è equo, ossia soddisfa requisiti sociali ed economici, se è realizzabile, ovvero soddisfa requisiti economici e ambientali e se è vivibile, cioè rispetta i requisiti ambientali e sociali? Per soddisfare questi tre elementi un ruolo importante lo svolgono la ricerca e l’innovazione per l’edilizia sostenibile che tendenzialmente si muovono in ambiti quali i materiali per le costruzioni, le tecniche di realizzazione degli interventi edilizi, l’integrazione di tecnologie, il controllo, la gestione e le procedure di valutazione della sostenibilità.

“Progettare, costruire e gestire rispettando i requisiti di un’edilizia sostenibile può essere impegnativo. Le valutazioni rilasciate da enti indipendenti come TÜV Italia in accordo ai protocolli di riferimento possono aiutare, sia perché stabiliscono il grado di impronta ecologica degli edifici, ma anche perché sono strumenti utili in tutti i processi del ciclo di vita di un prodotto edilizio dalla progettazione, passando per la realizzazione e gestione fino alla demolizione, per applicare i giusti requisiti così da raggiungere l’obiettivo di un edificio sostenibile”, afferma Massimo Pugliese, Business Line Manager Civil Engineering, di TÜV Italia.

Vista la mancanza di un’unica metodologia per la valutazione della sostenibilità degli edifici a livello internazionale negli anni sono nati diversi protocolli con questo obiettivo.
I due protocolli internazionali BREEAM (Building Research Establishment Environmental Assessment Method), sistema volontario di valutazione pubblicato in Inghilterra nel 1990 e LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), oggi il più diffuso al mondo, presentano analogie e differenze, ed entrambi richiedono l’intervento di vari soggetti accreditati per la verifica della rispondenza dei progetti ai rispettivi requisiti.

“Gli standard di certificazione sono volontari e in generale classificati in funzione della tipologia dell'edificio da certificare e si riferiscono a tutto il ciclo di vita dell’edificio stesso, dalla progettazione alla costruzione”, aggiunge Pugliese. “Essi promuovono un approccio orientato alla sostenibilità, riconoscendo le prestazioni degli edifici in settori chiave, quali il risparmio energetico e idrico, la riduzione delle emissioni di CO2, il miglioramento della qualità ecologica degli interni, i materiali e le risorse impiegati, il progetto e la scelta del sito”.

Tali protocolli si basano sull’attribuzione di ‘crediti’ per ciascun requisito. La somma dei crediti costituisce i vari livelli di certificazione.
La certificazione LEED in particolare, si basa su una checklist suddivisa in otto categorie: Trasporto e Ubicazione (LT), Sostenibilità del sito (SS), Efficienza risorse idriche (WE), Energia e Atmosfera (EA), Materiali e Risorse (MR), Qualità degli ambienti interni (IEQ), Innovazione (I), Priorità Regionale (PR).
Ogni area è a sua volta suddivisa in prerequisiti e crediti che identificano nel dettaglio il tipo di caratteristica da soddisfare. Il peso, in termini di punteggio di ogni area non è omogeneo, e varia a seconda della tipologia di edificio da certificare, ma in linea di massima, viene data maggiore enfasi, rispettivamente, all’aspetto energetico, alla qualità degli ambienti interni, all’ubicazione e trasporto, ai materiali e alle risorse.

“Rispetto ai classici protocolli internazionali, GBC Historic Building aggiunge una corretta e necessaria lettura delle prestazioni energetico-ambientali nei casi in cui sia necessario preservare il valore culturale e testimoniale. GBC Italia è stata in grado di fornire alla community internazionale dell’edilizia sostenibile una nuova lettura, autentica e al contempo di grande valore, coniugando per la prima volta le due facce della stessa medaglia: Heritage & Sustainability”, aggiunge Marco Mari.

TÜV Italia, OVA (Organismi di Valutazione Ambientale) incaricato di verificare che i progetti richiedenti la certificazione rispondano ai requisiti dei protocolli GBC Italia, ha seguito diversi progetti come ente di valutazione, tra cui il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah (MEIS) a Ferrara secondo il protocollo GBC Historic Building, Palazzo Santander a Torino e le ex Scuderie di S. Apollinare in provincia di Perugia.

La riqualificazione di Galleria Borghese
Recentemente TÜV Italia è stata incaricata della verifica del progetto di riqualificazione della Galleria Borghese in accordo al protocollo GBC Historic Building. La costruzione all’interno della quale è situata la Galleria è un monumentale edificio del ‘600 circondato da un immenso parco.
“Gli interventi eseguiti su Galleria Borghese e oggetto di certificazione, si sono concentrati sulla riqualificazione impiantistica per il miglioramento del microclima”, afferma Sara Buda, Business Line Manager dei prodotti da costruzione di TÜV Italia e professionista accreditato LEED (LEED AP). “Obiettivo dell’intervento è stato quello di potenziare le dotazioni impiantistiche meccaniche per ottenere idonee caratteristiche degli ambienti espositivi e degli ambienti occupati con elevati livelli di affollamento, in termini di controllo delle condizioni termoigrometriche di qualità dell’aria”.
Criterio base dell’intervento è stato quello di garantire le esigenze di risparmio energetico e di efficienza energetica, incluso l’utilizzo di fonti rinnovabili, in linea con gli obiettivi attualmente presenti nella normativa vigente. In particolare, è stato installato un sistema di automazione dell'edificio dotato di una gestione centralizzata e coordinata delle funzioni e dei singoli impianti che permette un monitoraggio e controllo nel tempo di diversi parametri quali la temperatura di funzionamento, la portata di aria trattata e l’umidità.
“La peculiarità di questo progetto è stata quella di realizzare tutti questi interventi in un’ottica conservativa, al fine di salvaguardare le superfici marmoree e i pannelli decorativi, ideando quindi sistemi di immissione ed estrazione dell’aria sfruttando piani intercapedine e camini”, aggiunge Sara Buda.

Contatti con la stampa:
Sabrina Zapperi
TÜV Italia – Gruppo TÜV SÜD

Ufficio stampa TÜV Italia
Sangalli Marketing & Communications
Michela Sangalli 
Federico Maggioni

 

Fondato nel 1866 come associazione di controllo delle caldaie a vapore, il Gruppo TÜV SÜD è cresciuto diventando un'impresa globale. Opera con oltre 24.000 dipendenti dislocati in oltre 1.000 sedi in circa 50 paesi allo scopo di migliorare costantemente tecnologia, sistemi e competenze. TÜV SÜD contribuisce attivamente a rendere innovazioni tecniche come Industria 4.0, guida autonoma ed energie rinnovabili sicure e affidabili. www.tuv-sud.com

TÜV Italia fa parte del gruppo TÜV SÜD ed è presente in Italia dal 1987. TÜV Italia ha una struttura di oltre 600 dipendenti e 400 collaboratori, con diversi uffici operativi sul territorio nazionale, a cui si affiancano i laboratori TÜV Italia e Bytest a Volpiano (TO) e pH a Barberino Tavarnelle (FI), acquisite rispettivamente nel gennaio 2012 e nel gennaio 2013. TÜV Italia organizza periodicamente webinar e seminari gratuiti, dove vengono affrontati I temi tecnici più attuali, altre ai numerosi corsi formativi professionali, dedicati ad approfondire e sviluppare competenze in tutti i settori in cui l'ente opera.

 

 

Fonte: Federico Maggioni -Sangalli Marketing & Communications

 

 

 

 

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i scatoline portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.