Lunedì, 23 Novembre 2020

amazon prime video

julio_baptistaLa Roma deve ricominciare a segnare all'ottantottesimo minuto. Forse così ci sarebbe la possibilità di portare a casa il risultato. Cominciano infatti ad essere troppe le "topiche" giallorosse in cui da un risultato positivo si passa ad uno negativo. Cagliari, le due sfide con il Panathinaikos, Napoli. Punti e qualificazioni buttati al vento in una manciata di minuti di "pura follia". Di certo ora non serve a nulla piangere sul latte versato, anche se con i sette punti persi con Livorno, Cagliari e Napoli la Roma sarebbe prima a pari merito con l'Inter.

stadio_olimpico1No. Ora serve infilare una sequenza di vittorie importanti come fu dopo lo scivolone di Cagliari. E' vero che il calendario non promette nulla di buono. Ma è anche vero che all'orizzonte si rivedono Julio Sergio, Toni, Pizarro e Totti. L'assenza del numero uno giallorosso è quella che si è fatta sentire di più. Non tanto per demerito di Doni quanto per quei meccanismi perversi e ridondanti che si innescano in determinate condizioni. Doni è di certo un ottimo portiere ma veniva da un periodo no. La difesa, percepita l'insicurezza del portiere, è diventata a sua volta insicura e pasticciona. E una difesa insicura e pasticciona mette in condizione qualunque avversario di battere facilmente in porta. Il portiere si demotiva ancora di più e il circolo vizioso riparte. Per questo ritengo che Julio Sergio, disponibile per la sfida contro il Milan, sia il recupero più importante. Tutto il gioco di Ranieri si base sull'impenetrabilità difensiva e con Doni in campo la Roma ha preso otto gol in tre gare. Anche contro il Napoli infatti si è notata una certa agitazione dietro. Agitazione che si è tradotta in un quasi rigore di Juan su Quagliarella e negli svarioni che hanno permesso a Denis non solo di accorciare le distanze ma anche di battere a rete di testa a fil di palo per ben due volte in pochi minuti. Del rigore inutile commentare dato che è stato ampiamente dimostrato il clamoroso errore arbitrale.

Sabato la Roma avrà la possibilità di rimettere in gioco il secondo posto in campionato. E' questo ormai il vero e unico obiettivo della stagione dato che Palermo, Juve e Napoli sono per adesso a distanza di sicurezza. La qualificazione diretta in Champions League garantirebbe entroiti importanti senza compromettere il periodo di preparazione estivo. Arrivare terzi o quarti significherebbe invece serrare i tempi della preparazione per arrivare in forma ai preliminari per l'accesso alla più prestigiosa competizione europea. Fondamentale sarà anche la spinta del pubblico. Che non tradirà le attese anche alla luce dei molti tagliandi già venduti per la sfida di sabato sera all'Olimpico. Nota positiva, anche se non si dovrebbe "gioire" delle sfortune altrui la quasi certa assenza di Pato.

Per finire l'importanza del punto di vista...La Roma pareggia e mantiene viva la corsa per la Champions. La Lazio pareggia e mantiene viva la sua discesa in serie B...

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.