brillanti
brillanti

Al Palazzo delle Esposizioni un’imperdibile mostra su BULGARI

brillantiPer festeggiare i 125 anni dall'apertura del primo negozio romano di Bulgari, il Palazzo delle Esposizioni ospita dal 22 maggio al 13 settembre 2009 un'eccezionale mostra sulla nascita, il percorso e le caratteristiche della prestigiatissima maison romana: Tra eternità e storia. BVLGARI. Dal 1884 al 2009: 125 anni di gioielli italiani. Un marchio inconfondibile che nel tempo ha saputo coniare stili particolari intrinsechi di eleganza e raffinatezza. Dalle tempeste di diamanti degli anni trenta, ai gioielli più sobri del dopoguerra e al successo raggiunto nell'età della Dolce Vita, fino ad arrivare ai gioielli sperimentali degli anni settanta e all'ardito accostamento di colori.

serpente_tubogasUna casata quella dei Bulgari che, arrivata alla sua quarta generazione, ha donato tanto alla storia del gioiello grazie alle sue tendenze e alla sue espressioni singolari, le quali nel corso del XIX secolo hanno assunto forme sempre nuove, rappresentando motivi diversi e originali, riscontrando ogni volta grande successo e apprezzamento di pubblico. Soprattutto le attrici più famose della Dolce Vita, Anna Magnani, Sophia Loren e Gina Lollobrigida, hanno dato sfoggio dei loro gioielli di Bulgari, raffinati, a volte esuberanti ma mai scontati. E proprio a questo momento storico del nostro cinema italiano è dedicata un'intera sezione della mostra.
Il percorso infatti è articolato in sezioni cronologiche predisposte in otto gallerie monumentali: la prima si sofferma inizialmente sulla fondazione di Sotirio Bulgari, argentiere greco stabilitosi a Roma nel 1881, e sui suoi lavori di argenteria, per arrivare poi ai gioielli montati in diamanti in stile Art Déco. Rigorosamente di platino, tra i gioielli esposti, i pezzi forti di quel periodo che illustrano il successo raggiunto negli anni trenta dalla seconda generazione Bulgari, con Costantino e Giorgio: l'anello trombino, i gioielli trasformabili, i portasigarette, le pochette, tutti esemplari unici tempestati di diamanti.
La galleria dedicata agli anni quaranta e cinquanta ci spiega come la firma abbia optato in quel periodo per una semplificazione nello stile: le linee si ammorbidiscono, si fa un uso più contenuto di brillanti a causa della situazione critica della seconda guerra mondiale, prevale ancora l'impiego del platino che accompagna un solo tipo di pietra, spesso lo zaffiro, il rubino o il turchese, per non creare un effetto multicolore. Tra i gioielli esposti, i più emblematici di quegli anni sono le spille a forma di fiocco e i pendenti con le perle; a rafforzare ancora di più l'impatto visivo e per sottolineare la stretta relazione tra lo stile di Bulgari e l'industria cinematografica italiana, accompagnano l'esposizione alcuni schermi che proiettano frammenti di film, e in questo caso le immagini di Anna Magnani con indosso i famosi orecchini.
L'evento più significativo di quegli anni è sicuramente l'apertura del negozio di via Condotti 10, il centro di diffusione per eccellenza della maison.
brillanti2A seguire, il visitatore viene condotto nella svolta creativa e nella rivoluzione del colore degli anni sessanta, quando la terza generazione, quella di Giovanni, Nicola e Paolo, conia uno stile nuovo caratterizzato dall'uso abbondante di pietre colorate in abbinamenti inconsueti, che risente sempre meno dell'influenza parigina. Si passa da forme asimmetriche a profili più compatti e regolari, e si comincia ad usare l'oro giallo: i gioielli erano pensati per essere sfoggiati anche in situazioni informali, e, secondo la tradizione, l'oro giallo si indossava durante il giorno, mentre il platino e l'oro bianco di sera.
La produzione estremamente eclettica degli anni settanta, che attua un forte sperimentalismo spaziando da gioielli evocanti la tradizione indiana a quelli ispirati alla Pop Art, usando forme diverse, e caratterizzata da una linea a "stelle e strisce" e da spille a forma di fuochi d'artificio, sfocia poi nell'innovativo design dei decenni ottanta e novanta.
Un'intera sezione è dedicata alle icone di casa Bulgari: si possono osservare le monete, i caratteristici tubogas (bracciali flessibili) a forma di serpente con funzionalità di orologio, e il logo BVLGARI usato come elemento decorativo. Mentre nella galleria interamente riservata alla straordinaria collezione di Elizabeth Taylor, sono esposti i celeberrimi gioielli della love story con Richard Burton.
Per finire, la rotonda centrale mostra le creazioni esclusive del nuovo millennio che testimoniano il continuo successo di casa Bulgari, giunta alla quarta generazione con Francesco Trapani, nelle quali spiccano le collane in diamanti a forma di bavaglino.
L'atmosfera della mostra è davvero suggestionante. L'imponenza del Palazzo delle Esposizioni ci conduce all'interno di un percorso calato nella penombra, dove l'illuminazione è riservata solo agli abbaglianti gioielli esposti, che risplendono ancora di più di quanto già farebbero brillando magnificamente di luce propria.
Consiglio la mostra non solo agli amanti di collane, bracciali, diamanti e pietre preziose, ma a chiunque sia interessato a scoprire il percorso di una delle principali firme del nostro Paese appartenente ormai alla storia della nazione, assistendo ad un avvenimento importante non solo per la storia del gioiello ma anche per la storia delle arti figurative italiane.

About Redazione

Check Also

La Città Ideale presenta Bar Campioni: un tributo a Agostino Di Bartolomei

#BarCampioni #AgostinoDiBartolomei #EZrome La Città Ideale celebra il trentennale dalla scomparsa di Agostino Di Bartolomei con lo spettacolo "Ago - Capitano Silenzioso" scritto e diretto da Ariele Vincenti. Gli eventi, il 30 maggio e il 6 giugno, si terranno nei bar La Certosa e Marani. Un’occasione gratuita per celebrare un’icona della Roma e vivere il teatro in una moderna agorà.

regali alle maestre

Il Gran Circo dei Regali alle Maestre: Dramma, Commedia e Piantine in Chat

Ogni primavera, i genitori si trovano a discutere animatamente sui regali per le maestre nelle chat di WhatsApp. Tra idee originali come la matita piantabile e divergenze sul budget, emerge un senso di comunità e collaborazione. #regali #scuola #ezrome