FAI BEI SUONI: lo swing di Pathorn Srikaranonda Quartet

Chiusura internazionale all’insegna della musica swing per la terza edizione della rassegna Fai bei suoni al Museo del Saxofono: sabato 30 luglio protagonista del concerto negli spazi all’aperto della struttura espositiva

che ospita al più grande collezione di sax al mondo sarà il saxofonista thailandese Pathorn Srikaranonda che si esibirà in un repertorio di jazz standard degli anni ’30 e ’40 insieme ai musicisti che compongono la ritmica del gruppo Saxophobia e cioè Alessandro Crispolti al pianoforte, Fabrizio Montemarano al contrabbasso e Alfredo Romeo alla batteria.

Proprio negli anni ‘30, dopo il lungo predominio del jazz tradizionale di New Orleans e la depressione del ’33, tutti desideravano una musica nuova. Fu Count Basie a Kansas City che, ingaggiando giovani musicisti di talento, diede vita al fenomeno musicale della Swing Era. Poco più tardi a New York, un certo Duke Ellington e altri compositori come Fletcher Henderson, Benny Goodman, Jimmy Dorsey, Glenn Miller, Woody Herman e Artie Shaw formarono le grandi orchestre swing e nobilitarono il genere contribuendo ulteriormente al successo di questo genere.

La grande popolarità dello swing era dovuta anche alle radio che trasmettevano a tutte le ore brani swing in tutti gli stati e durante la seconda guerra anche in tutta Europa. E anche le grandi produzioni cinematografiche Paramount, MGM, Fox, Warner e RKO utilizzarono colonne sonore dedicate totalmente al genere musicale, cosi come, nello stesso periodo, nacquero i primi lungometraggi a tema musicale con protagonisti artisti celeberrimi come Fred Astaire e Ginger Roger, Gene Kelly e Rudy Vallèe.

L’artista thailandese, che si esibirà per la prima volta in assoluto con questa formazione, unica tappa italiana di un tour europeo che lo sta portando nei Paesi Bassi, Francia, Germania e Danimarca, vuole cosi rendere omaggio agli anni d’oro di questo amatissimo genere musicale: una perfetta conclusione estiva per il Museo che riprenderà a settembre la sua programmazione con numerose novità prima fra tutte la seconda edizione del Fiumicino Jazz Festival.

Il concerto, sotto l’egida della Reale Ambasciata di Thailandia in Italia e con il patrocinio del Comune di Fiumicino, è in programma alle ore 21:30 e, come da tradizione, sarà anticipato da un’apericena opzionale aperta dalle ore 20:30.

I biglietti per lo spettacolo sono in vendita direttamente al Museo o in prevendita sul circuito Liveticket.

Pathorn Srikaranonda
Pluripremiato musicista, compositore e docente. Nato in Thailandia e cresciuto musicalmente negli Stati Uniti è un musicista principalmente interessato al jazz e alla musica classica. E’ stato membro della band presidenzial Au-Sau Jazz Band di Sua Maestà il Re Bhumibol Adulyadej il Grande per trent’anni.

Ha curato gli arrangiamenti dei progetti Royal Lullaby e HM Blues per la Royal Philharmonic Orchestra, ha collaborato con la Preservation Hall Jazz Band di New Orleans per “The Royal Jazz Celebration” (il CD jazz più venduto in Thailandia per decenni).

Come artista solista si è esibito con la National Symphony Orchestra, la Bangkok Symphony Orchestra, la Royal Thai Air Force Symphony Orchestra, la Royal Thai Navy Orchestra, la Cleveland Orchestra Youth Orchestra (USA), la Royal Philharmonic Concert Orchestra (Regno Unito), la Ophelia Ragtime Orchestra (Norvegia), la Dutch Swing College Band (Belgio), il New Orleans Jazz All Stars e la Preservation Hall Jazz Band (USA) e l’Orchestre National de Lille (Francia).

Ha suonato con Gary Burton, Benny Carter, Jimmy Heath, David Liebman, Ernie Watts, Milt Hinton, J.J. Johnson e Urbie Green,

Nel 2012, ha eseguito la prima mondiale della sua composizione jazz, En Elephantine Ballad per il principe di principe Henrik di Danimarca, Nel 2013 si è esibito con il suo quintetto nella magnifica Hall of State del Palazzo Reale di Stoccolma, in Svezia.

Si è esibito nei Festival jazz di New Orleans, al Collegiate Jazz Festival di South Bend e al Tri Cleveland Jazz Festival negli Usa, al Maputo Jazz International Festival (Mozambico), al Nur-Sultan Festival in Kazakistan e al Yangon Festival in Myanmar,

Tra i premi internazionali conseguiti: Band Award dall’Interlochen Center for the Arts, Michigan, il Premio Lyra 1998 della Fondazione per l’arte performativa ungherese, encomio del Primo Ministro della Thailandia nel 2005 e 2007, Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica del Portogallo nel 2011, Compagno dell’Ordine Più Elevato dell’Elefante Bianco nel 2012 e Commendatore del Nobilissimo Ordine della Corona di Thailandia nel 2020.

Pathorn Srikaranonda è professore associato di composizione e saxoofono alla Kasetsart University. Ha ricevuto i suoi BMus, MM e PhD in composizione nelle Università del Michigan, Yale University (Usa) e a Edimburg (Regno Unito).

 

ATHORN SRIKARANONDA QUARTET

Pathorn Srikaranonda – saxofoni
Alessandro Crispolti – pianoforte
Fabrizio Montemarano – contrabbasso
Alfredo Romeo – batteria
Sabato 30 luglio 2022 – Ore 21:30

Museo del Saxofono
via dei Molini snc (angolo via Reggiani)
00054 – Maccarese, Fiumicino (RM)

Biglietti in prevendita sul sito liveticket
o direttamente al Museo

Concerto: € 15,00
Apericena prima dei concerti (opzionale): € 15,00

È consigliata la prenotazione

 

 

 

Fonte: Elisabetta Castiglioni – Press Office & Public Relations

About EZrome

Check Also

“Fragile Ecosystem”: un dialogo tra arte e natura al Museo Orto Botanico di Roma

#FragileEcosystem #GiuliaPompilj #ArteAmbientale #EZrome "Fragile Ecosystem" di Giulia Pompilj, al Museo Orto Botanico di Roma, è un'esplorazione artistica dell'equilibrio precario degli ecosistemi. Tessuti e soundscape si fondono in un'installazione che riflette sulla resilienza della natura di fronte alle avversità, invitando a una profonda riflessione sull'ambiente.

“456”: una commedia sull’arretratezza culturale italiana

#456 #TeatroItaliano #MattiaTorre #EZrome "456" di Mattia Torre illumina la scena teatrale romana con un'acuta riflessione sulla famiglia come microcosmo delle arretratezze culturali italiane, invitando il pubblico a una profonda riflessione sull'identità e i valori della nostra società.

Lascia un commento