Martedì, 24 Settembre 2019

amazon prime video

Castelli_in_Africa01La terza edizione del “Festival Internazionale di musica, danza e cultura dell’Africa e del Mediterraneo” si è svolta all’insegna della solidarietà e della multiculturalità, riproponendo gli interessanti spunti delle due edizioni passate. Dopo gli appuntamenti di Albano, Velletri e Genzano, che si sono tenuti a luglio ed agosto, il Festival ha raggiunto il suo apice a Lanuvio tra il 2 ed il 5 settembre, nella splendida cornice archeologica della prestigiosa Villa Sforza Cesarini.

La Comunità Giovanile Zampanò si è ancora una volta superata, proponendo per questa edizione una incredibile miscellanea di sonorità, arti e culture, originarie non solo dell’Africa ma dell’intero bacino del Mediterraneo, riconfermando l’evento come punto di riferimento degli appuntamenti culturali multietnici della provincia romana e dell’intera regione Lazio.

Castelli_in_Africa02Quattro giornate di grande successo che hanno visto il susseguirsi di spettacoli suggestivi, permeati di contaminazioni multietniche all’insegna di musiche, danze e mostre d’arte. Tutte le kermesse hanno entusiasmato i moltissimi presenti, catturandone l’attenzione ed avvicinandoli per qualche ora a mondi solo apparentemente diversi e lontani… Grazie alle stupende rappresentazioni andate in scena, ogni sera si è creata un’atmosfera sensazionale ed unica, nel segno dell’integrazione multiculturale e della solidarietà internazionale.

A conferma di quanto fossero sentiti questi principi ispiratori, il Festival è stato inaugurato il 2 settembre con la presenza simbolica di un infermiere di Emergency, associazione internazionale cui è stato devoluto l’intero ricavato della serata. La scena artistica è stata poi suggellata con due concerti: il primo della ONS, orchestra di musica mediorientale, con protagonista d’eccezione l’egiziano Samir Elturky, virtuoso di percussioni come darbuka, bongo e djembé; il secondo della “Red Stripes Reggae Band”, una miscela di chitarre, batteria, tastiere e bassi dal gusto euro-caraibico.

Quella del 3 settembre è stata la serata dei Labicanians e soprattutto degli Officina Zoè insieme a Baba Sissoko. Gli Officina Zoè, ormai da quasi 20 anni impegnati nella riscoperta di quei travolgenti balli tradizionali salentini chiamati pizzica e taranta, hanno incontrato i ritmi africani del Mali interpretati dal grande Baba Sissoko, che vanta collaborazioni passate con artisti eccezionali quali Dee Dee Bridgewater, Buena Vista Social Club e Youssou N’Dour.

Il 4 settembre ancora due concerti, con Baba Sissoko e a seguire Med Free Orkestra, fantastici interpreti di rielaborazioni senza tempo, dai Led Zeppelin a Duke Ellington, da Puccini al multietnico. Ancora una serata all’insegna della solidarietà, questa volta in collaborazione con “Libera – associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, creata da Don Ciotti, cui è stato devoluto il ricavato dell’evento.

Castelli_in_Africa03Il 5 settembre hanno chiuso il Festival Ipercussonici, originali creatori di sonorità derivanti da fusioni di strumenti stravaganti, seguiti dai Giguywassa, suggestiva parola africana che rappresenta un concetto di continuo e reciproco scambio, uno dei leitmotiv della manifestazione.

Le quattro giornate sono state accompagnate da un’interessante mostra fotografica sulla popolazione dei Saharawi, allestita nel monumentale Salone delle Colonne, e da interessanti stage, che hanno visto la partecipazione entusiasta di numerose persone: danza del ventre, pizzica del Salento, diembé e balli africani. Immancabile, come per tutti gli eventi che si rispettino, è stato allestito uno stand enogastronomico “solidale”. Gestito dalla Onlus “Chiara per i bambini del mondo”, lo stand ha presentato prodotti tipici locali e africani ed il ricavato andrà a finanziare i progetti dell’associazione.

Aspettando la prossima edizione, il Festival ci lascia una commovente sensazione di comunanza e solidarietà, in un momento storico in cui questi motivi rischiano troppo spesso di passare inosservati.

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i scatoline portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.