Lunedì, 30 Novembre 2020

amazon prime video

Dopo il Mosè di Michelangelo nella Chiesa di San Pietro in Vincoli a Roma e le cappelle medicee nella sagrestia nuova della Basilica di San Lorenzo a Firenze, Marionanni scrive il progetto della luce che accompagna tutta la mostra dei marmi della collezione Torlonia presso Villa Caffarelli ai Musei Capitolini di Roma, attraverso uno studio attento delle opere. molte delle sculture, erano state scolpite per essere alla luce naturale.

Dettagli diversi di quelle forme sinuose e levigate, al passare delle ore del giorno e della notte, venivano messi in risalto o nascosti dalla luce naturale e dalle ombre da essa generate. come nel caso della grande tazza esposta nella sala numero 10: lo scultore aveva realizzato l’opera marmorea lasciando volutamente che il bassorilievo restasse nella penombra. il lavoro compiuto è stato quindi quello di creare una luce discreta, un lume secondario che si riflette sulla pavimentazione e avvolge con delicatezza la materia. come il bagliore dell’aurora, un lume primario – un unico lungo raggio di luce orizzontale proveniente da levante – permette la lettura del dettaglio del bassorilievo, facendo così comparire la figura sensuale e misteriosa di un ermafrodito. il sistema n55 Viabizzuno, utilizzato per tutto il progetto di illuminazione, garantisce: 1. grande flessibilità – attacco interfaccia n55 con innesto rapido. il sistema n55, grazie all’interfaccia con innesto rapido, è stato studiato per poter avere grande flessibilità sulla scelta delle sorgenti elettroniche e quindi di volta in volta per poter utilizzare le più performanti al momento della progettazione. 2. alta tecnologia, propulsore dinamico brevetto Viabizzuno. il propulsore è la parte inferiore cilindrica del sistema n55, che custodisce al suo interno una sorgente di luce elettronica. ha un diametro di 55, 65 o 82mm ed è disponibile in finitura nero55, argento hacca o my bianco. 3. massima qualità della luce un’altissima resa cromatica: CRI – color rendering index 98 (dove 100 è il sole); ies tm-30 con rf 96 e rg 103; step macadam valore 1 (indice di valutazione della deviazione cromatica delle sorgenti luminose); fattore di danneggiamento di 0.145 f(mW/lm), dove il sole è 1433 f(mW/lm). 4. bassi costi di installazione. il sistema n55 può essere installato con bassi costi: i tempi di installazione portano un risparmio del 30% circa rispetto a tutti gli altri apparecchi di illuminazione. 5. bassissimi consumi energetici. il sistema n55 128lm/W appartiene alla classe energtica A++. permette una grande qualità della luce rispettando una serie di parametri e valori legati all’ecosostenibilità e al risparmio nel senso assoluto del termine. n55 è per questo un sistema altamente etico. 6. bassissimi costi di manutenzione. la praticità di utilizzo della lampadina n55 permette di risparmiare circa l’80% sui costi di manutenzione, avendo la possibilità di intercambiare con rapidità il propulsore dinamico senza l’utilizzo di attrezzi specifici. 7. garanzia sull’affidabilità del sistema il sistema. è stato omologato e collaudato in tutti i paesi del mondo e la sorgente elettronica utilizzata permette di avere 70.000 ore di vita. Viabizzuno offre una garanzia di 5 anni sull’intero sistema n55. 8. ecosostenibile – sostenibilità e riciclo dei materiali nel rispetto dell’ambiente. il sistema n55 è stato progettato in modo tale che l’utilizzatore a fine vita del led possa rispedire il suo propulsore dinamico n55 alla fabbrica di produzione.

Il propulsore verrà rigenerato con la sola sostituzione della sorgente elettronica. seguendo l’insegnamento leonardesco del lume primario e del lume secondario, l’intero progetto si basa su un’armonica dialettica tra luce diretta e riflessa, tra il sole e il lume. ogni opera è illuminata da una luce diretta (lume primario) e da una luce riflessa sapientemente studiata per enfatizzare la leggibilità dei dettagli scultorei più nascosti (lume secondario). la scultura vive soprattutto della sua ombra. così come la luce naturale genera una sola ombra in tutti gli oggetti materici, allo stesso modo l’illuminazione della mostra è stata studiata affinché ogni opera non abbia un’ombra doppia, ‘perfida bugiarda’. i marmi di tipologie e colori diversi vengono così valorizzati grazie ad un’illuminazione studiata e tarata sulla base di ogni singola opera. le sculture che sono state collocate nelle varie sale di villa caffarelli vivono nei colori delle pareti, che scandiscono le epoche e i contesti originari in cui le opere stesse sono state concepite e realizzate. l’illuminazione trasforma le pareti in fondali capaci di guidare il visitatore nel percorso temporale e di dare profondità allo spazio architettonico. in tutte le sale i marmi sono quindi accarezzati da una luce morbida, non drammatica che enfatizza la sensualità dei corpi e l’espressione dei volti, attraverso un suggestivo gioco di assorbimento e riflessione. la materia d’improvviso si veste di luce e dal nulla nasce un’emozione.

Le figure di qualunque corpo ti costringono a pigliar quel lume nel quale tu fingi essere esse figure: cioè, se tu fingi tali figure in campagna, elle son cinte da gran somma di lume, non vi essendo il sole scoperto; e se il sole vede dette figure, le sue ombre saranno molto oscure rispetto alle parti illuminate, e saranno ombre di termini espediti, cosí le primitive come le derivative; e tali ombre saranno poco compagne de’ lumi, perché da un lato illumina l’azzurro dell’aria e tinge di sé quella parte ch’essa vede; e questo assai si manifesta nelle cose bianche: e quella parte ch’è illuminata dal sole si dimostra partecipare del colore del sole; e questo vedrai molto speditamente, quando il sole cala all’orizzonte, infra il rossore de’ nuvoli, ch’essi nuvoli si tingono del colore che li illumina; il quale rossore de’ nuvoli, ch’essi nuvoli si tingono del colore che li illumina; il quale rossore de’ nuvoli, insieme col rossore del sole, fa rosseggiare ciò che piglia lume da loro; e la parte de’ corpi che non vede esso rossore, resta del color dell’aria; e chi vede tali corpi, giudica quelli essere di due colori; e da questo tu non puoi fuggire che, mostrando la causa di tali ombre e lumi, tu non faccia le ombre e i lumi partecipanti delle predette cause, se no l’operazione tua è vana e falsa. e se la tua figura è in casa oscura, e tu la vedi di fuori, questa tal figura ha le ombre oscure sfumate, stando tu per la linea del lume; e questa tal figura ha grazia, e fa onore al suo imitatore per esser essa di gran rilievo e le ombre dolci e sfumose, e massime in quella parte dove manco vedi l’oscurità dell’abitazione, imperocché quivi sono le ombre asi insensibili; e la cagione sarà detta al suo luogo’. Leonardo da Vinci.

Fonte ufficio stampa  Viabizzuno comunicazione 

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.