Mercoledì, 08 Luglio 2020

amazon prime video

colosseo_ore9_1Il Colosseo è il più grande e maestoso monumento della Roma antica, simbolo della sua grandezza e della sua potenza.
Patrimonio dell'umanità e una delle sette meraviglie del mondo, venne tuttavia edificato in un momento storico particolarmente difficile della storia di Roma.
Quando la sua costruzione era ormai giunta a termine, sotto l'imperatore Tito, la città fu infatti devastata da un incendio che durò tre giorni e tre notti e venne inoltre colpita da una terribile epidemia di peste.
Fu così che nell'80, Tito volle inaugurare il Colosseo con cento giorni di giochi, per chiedere la protezione degli dei su Roma e allo stesso tempo risollevare l'umore dei suoi cittadini.
Furono festeggiamenti spettacolari, durante i quali vennero uccise 5000 belve in 100 giorni.

colosseo_ore9_2Il Colosseo richiamò da quel momento migliaia di spettatori al giorno, diventando il fulcro della vita di Roma.
Con un'altezza che allora arrivava a 52 metri e un'arena di 3400 metri quadrati, l'anfiteatro poteva ospitare fino a 70.000 persone, le cui grida di incitamento e di terrore risuonavano in tutta l'Urbe.
L'ingresso era gratuito, bastava essere in possesso dell'equivalente di una moderna tessera, in osso, riportante posto a sedere e arcata d'ingresso.
Gli spettacoli si svolgevano durante l'intera giornata, con gli stessi orari in tutti gli anfiteatri dell'Impero: al mattino le venationes, combattimenti tra uomini e belve, seguite a mezzogiorno dalle esecuzioni, dette noxii, e infine nel pomeriggio, dai combattimenti tra gladiatori, munera.

La mattina, durante le venationes, venivano liberati nell'anfiteatro animali di ogni razza, provenienti da Roma, come tori, cinghiali, orsi e perfino maiali, oppure catturati nelle provincie dell'Impero, come leoni, leopardi, gru, elefanti e coccodrilli.
Gli animali, contrariamente a quanto spesso si crede, non erano affamati per provocarne l'aggressività, ma addestrati per il combattimento, che poteva essere solo tra animali, oppure tra animali e uomini.
Le bestie, ad esempio un toro e un elefante, venivano spesso incatenate e poi pungolate, per istigarle a una lotta sempre più cruenta.
Altre volte erano gli uomini, con l'armatura dei gladiatori, a sfidare le belve in combattimenti all'ultimo sangue, dove il bestiarius veniva fatto a pezzi, o era destinato a diventare un eroe, modello di forza e potenza, celebrato in mosaici e bassorilievi.
Alcuni storici dell'epoca sostengono che nelle venationes vennero uccisi 9000 animali, molti dei quali provenienti dal Nord Africa e dal Medio Oriente, senza contare quelli morti durante i viaggi, fatto che mise in pericolo già all'epoca l'esistenza di diverse specie.

A mezzogiorno, quando il sole si innalzava in cielo, al Colosseo era il momento delle esecuzioni.
Nei mesi estivi, per ripararsi dai raggi del sole, era stato predisposto un ingegnoso sistema di copertura fatto di teli, che dalla parte superiore delle gradinate si agganciavano a un anello centrale.
Le esecuzioni, dette noxii, richiamavano infatti un pubblico numeroso durante tutto l'anno, e avvenivano con le stesse modalità in tutto l'Impero.
Il condannato giungeva al Colosseo tra ogni sorta di umiliazione, e una volta nell'anfiteatro, la sua esecuzione doveva essere pubblica e servire come monito per gli altri cittadini.
La sentenza era spesso ‘damnatio ad bestias', cioè dato in pasto a belve feroci, con modalità che si ispiravano talvolta alla mitologia. Gli storici riferiscono infatti di condannati le cui viscere, come nella leggenda di Prometeo, diventavano il pasto di animali famelici.
Come testimoniano molti mosaici, le esecuzioni erano spettacoli di una violenza inconcepibile per la nostra epoca, dove tra gli spettatori sedevano spesso le vittime dei condannati o i loro familiari.
L'incitamento del pubblico era la richiesta di una punizione esemplare verso il condannato, che doveva morire senza che nessun dolore gli venisse risparmiato.   

Gli spettacoli preferiti dai romani erano però senz'altro quelli tra gladiatori, detti munera, in quanto offerti al pubblico da qualche facoltoso dell'epoca, che ne ricavava consenso popolare, spesso utile per la sua carriera.
I gladiatori, che devono il loro nome alla piccola spada con cui combattevano, il gladio, erano di solito schiavi e prigionieri di guerra, famosi per la loro aggressività, ma anche uomini liberi, a volte soffocati dai debiti, e qualche donna.
La loro vita era molto diversa da quella descritta in tanti film, e prevedeva un addestramento ancora più duro di quello delle migliori scuole militari.
I gladiatori erano dei maestri dell'arte del combattimento, che richiedeva allenamenti lunghi e molto costosi. Questo spiega perché quella del pollice verso, con cui nell'arena si decideva la morte di un gladiatore, sia quasi una leggenda.
In caso di morte, l'organizzatore dello spettacolo avrebbe dovuto infatti pagare una notevole somma, e inoltre, nessuno avrebbe mai desiderato la morte dei migliori intrattenitori del tempo.

Alcuni studiosi sostengono che nei quattro secoli e mezzo in cui si tennero gli spettacoli, nel Colosseo siano morte più di un milione di persone.
Mai nella storia dell'umanità è avvenuto un massacro tanto grande, in uno spazio così ristretto.
Il Colosseo, durante tutta l'epoca romana, rimase il luogo dove venivano celebrati i combattimenti più valorosi ed eseguite le condanne più cruente.
E' tutt'ora il maggiore simbolo di una delle più grandi civiltà mai esistite.
‘Finche esisterà il Colosseo, esisterà anche Roma; quando cadrà il Colosseo cadrà anche Roma; quando cadrà Roma, cadrà anche il mondo '.
( Venerabile Beda, monaco e storico inglese dell' VIII secolo )

Immagini tratte da Wikipedia
 

Ultime da ARvis.it

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i scatoline portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.