Lunedì, 25 Giugno 2018

Villa dei_Quintili_4Poco dopo il V miglio dell’Appia Antica e il settimo chilometro di Via Appia Nuova si trova una delle più grandi ville del suburbio romano. Una grande proprietà. Una grande villa imperiale. Estesa su una superficie di circa 1.000 metri quadrati. I nomi dei proprietari di questa splendida dimora sono stati rinvenuti su alcune condutture di piombo su cui erano incisi. Si tratta dei fratelli Sesto Quintilio Condiano e Sesto Quintilio Valeriano Massimo, nobili, colti, entrambi consoli, grandi proprietari fondiari e appartenenti a una delle famiglie senatorie più importanti del tempo degli Antonini. La loro villa era una delle più lussuose dell’intero circondario. Aveva l’ingresso poco dopo il V miglio sull’Appia Antica e oltre a godere di comodità raffinate era il luogo prediletto dai fratelli Quintili e dai loro amici per la scrittura di opere di agraria e storia militare.

I due fratelli Quintili accusati pretestuosamente di congiura da Commodo, l’imperatore “gladiatore”, furono mandati a morte e la villa passò al fisco imperiale e lo stesso Commodo vi andò a vivere.

Nel 1797 l’intera area fu acquistata dalla famiglia Torlonia e solo nel 1985 lo Stato Italiano acquistò a sua volta dagli eredi Torlonia gran parte dell’area, avviando negli anni successivi indagini archeologiche che hanno permesso di delineare un quadro esaustivo della storia e dello sviluppo edilizio del complesso dal II al III secolo d.C..

Villa dei_Quintili_3I resti “superstiti” di questa grande villa presentano due fasi costruttive. La prima fase è caratterizzata dall’opera laterizia e risale al periodo dei fratelli Quintili; la seconda invece quella dall’opera listata è attribuita al periodo di Commodo.

Il terreno su cui è sorta la dimora è di origine vulcanica. Si tratta infatti di una colata di lava provocata dall’eruzione del sistema montuoso del Vulcano Laziale, oggi dei Colli Albani, e risale a circa 260 mila anni fa. La collina su cui sorge la Villa dei Quintili ha un’altezza di 80 metri sul livello del mare. La posizione della Villa, a terrazze nella piena compagna romana, è veramente straordinaria.

Nel complesso si distinguono ben cinque nuclei diversi. Il primo è una cisterna di forma circolare a due piani e dal diametro di 29 metri; la struttura è circondata da una serie di ambienti absidati. L’ingresso della Villa si apriva invece su un ninfeo a due piani caratterizzato da un gioco di nicchie e fontane. Alle spalle del ninfeo si estendeva un grande giardino porticato. Più in là del giardino, piegando verso nord si aprivano gli ambienti termali formati da una grande vasca rivestita in marmo e da pareti interrotte da immensi finestroni. A oriente rispetto all’area termale è stato costruito il vero e proprio nucleo residenziale della Villa di cui restano un immenso cortile, una sala ottagona, un secondo giardino di forma circolare, forse un ippodromo, aggiunto alla villa solo in un periodo successivo.

Sulle pareti di alcuni ambienti, alte da 1,80 a 2 metri, sono visibili ancora oggi lastre di marmo greco scritto. Si tratta di un marmo con venature blu-azzurre proveniente dalla cave algerine di Ippona. Le stesse pareti, sono inoltre profilate con listelli di marmo in rosso antico proveniente da cave greche. Non mancano comunque stanze “abbellite” con marmo grigio chiaro di Luni o di Carrara. Simili decorazioni sulle pareti danno il senso del lusso e della ricchezza della villa che si esalta nella fantasia dei pavimenti a mosaico.

Villa-dei-Quintilii 2La villa, nel corso dei secoli, fu soprattutto una “miniera” di statue che di volta in volta andarono a ingrandire il museo della famiglia Torlonia, che conserva la più importante collezione privata di archeologia del mondo, ma anche i Musei Vaticani, di cui vari pontefici patrocinarono gli scavi nell’area, e i più importanti musei europei e americani.

Con l’arrivo della bella stagione sarebbe veramente un peccato non organizzare una bella gita alla Villa dei Quintili per ammirare, solo quello resta ad oggi, dello splendore e dello sfarzo di una età oramai lontana.

Notizie utili -  Per la villa dei Quintili l’ingresso è da via Appia Nuova 1092, con possibilità di parcheggio per le auto. E’ aperta tutti i giorni dalle ore 9 fino a un'ora prima del tramonto. Per informazioni e visite guidate si può contattare il numero 06.39967700.

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti, ad esempio per un compleanno, scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure i regali last minute

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.