dove_dormono_ibambini_copertina

Dove dormono i bambini, una mostra fotografica che tocca il cuore

dove_dormono_ibambini_copertinaChi di noi non avuto, seppur piccola o in condivisione con fratelli e sorelle, una cameretta, un nido tutto per sé in cui giocare, studiare o semplicemente sentirsi protetti.

E' così che James Mollison, giovane fotografo nato in Kenya ma cresciuto in Inghilterra, noto ai più per le famose campagne fotografiche della United Colors of Benetton, laureato in arte e design alla Oxford Brookes e in e video alla Newport School of Art and Design, ha pensato di immortalare le camerette, anche se non sempre definibili tali, dei bambini di tutto il mondo.

dove-dormono-i-bambini-L-SGOJp-La mostra “Dove dormono i bambini”,  fino al 9 gennaio 2011 uno degli appuntamenti del Natale all'Auditorium, sarà inaugurata venerdì 3 dicembre presso i foyer presso dell'Auditorium Parco della Musica, è stata pensata dalla casa editrice Contrasto in collaborazione con la Fondazione Musica per Roma a seguito del grande successo dell'album fotografico di Mollison, dal titolo omonimo, che raccoglie una serie di scatti del celebre fotografo, realizzate nelle camere di 56 bambini di 24 paesi del mondo, dagli Stati Uniti all'Italia, dal Giappone al Brasile.

L'esposizione è la naturale prosecuzione del volume, definito appunto non un normale libro, ma un libro fotografico, strutturato in modo da catturare l'attenzione di chi lo sfoglia.
Le foto sono state scattate dal giovane fotografo durante i molti viaggi, entrando nell'intimo delle case, scattando istantanee delle camerette dei bambini provenienti da 24 paesi di tutto il mondo.

La vita e le vicende umane dei piccoli abitanti dei luoghi immortalati, raccontata accanto alla foto della cameretta. Per ognuno di essi, un breve testo esplicativo,  quasi una breve intervista, che descrive chi è il bimbo ritratto, quali sono le sue difficoltà, le sue esigenze e i suo sogni.

Un modo originale e che fa riflettere per andare in giro per il mondo attraverso gli scatti iperealistici di Mollison, non rimanendo meri spettatori di un luogo, ma entrando nell'intimità, nello stile di vita, nelle difficoltà e nell'innocenza dei giovani protagonisti del libro.
In ogni stanza diversa in cui si accede, si entra in un paese diverso, in un territorio sociale con le sue caratteristiche a volte dure; ci si addentra in storie che sono veri e propri racconti di vita, nel che cosa significhi essere bambino oggi, con i problemi, i dubbi e le contraddizioni sociali che l'infanzia vive nel nostro tempo.

dove_dormono_ibambini2Con queste parole l'autore/fotografo descrive il suo libro: “Questo lavoro rappresenta un modo per riflettere sulla povertà, sul benessere economico, su come i bambini si relazionino agli oggetti della loro vita quotidiana e sul loro potere – o mancanza di questo – nel prendere decisioni riguardo alle loro vite”.

Non solo fotografie quindi, ma documenti intensi e commoventi che nella loro semplice e diretta testimonianza parlano anche delle differenze sociali e di come si debba fare di tutto per abbatterle.

Sfogliando il volume o percorrendo il percorso allestito all'interno dei foyer dell'Auditorium,  si compie un personale giro del mondo,  incontrando per esempio Ahkôhxet, un piccolo indio Kraho, che dorme per terra in una capanna nella foresta amazzonica; oppure Kaya, una bambina di Tokyo, che ha un armadio pieno di abiti, mentre Bilal, pastore bambino cisgiordano dorme con le pecore nel gregge del padre.

Non c'è una foto simile all'altra, né una camera uguale all'altra, perché diversi sono i bambini incontrati e diverse sono le loro storie e le loro vite.

Una mostra fotografica diversa, che commuove ed emoziona, ideale per fare una riflessione prima di un nuovo Natale, con un pensiero rivolto a tutti quei bambini che non possono aspettare Babbo Natale nella loro cameretta.

About Redazione

Check Also

“Si Fas Est, Superare Divos”: fotografie di Yuri Ancarani

#mostra #fotografia #artecontemporanea #EZrome La mostra "Si Fas Est, Superare Divos" di Yuri Ancarani, curata da Andrea Bruciati, si terrà a Villa Adriana, Tivoli, fino al 6 ottobre 2024. Le fotografie di Ancarani, che immortalano giovani cowboy accanto ai busti di Adriano, creano un dialogo inaspettato tra il contemporaneo e il remoto, animando il sito archeologico con una narrazione sorprendente.

Città foresta – Le Cosmicomiche: un festival tra arte e natura

#Festival #Arte #Natura #EZrome Prosegue fino al 27 settembre a Roma la terza edizione del Festival Città Foresta, curato da Latitudo Art Projects. Il festival itinerante, ispirato alle Cosmicomiche di Italo Calvino, promuove l'arte partecipativa e la sostenibilità nei quartieri romani, con laboratori e attività gratuite per tutta la cittadinanza.