La grande favola della lingua italiana, al Teatro Arciliuto

Venerdì 16 – sabato 17 – venerdì 23, settembre, dalle ore 20.30 al Arciliuto lo spettacolo
“La grande favola della lingua italiana” da Federico II° al Novecento, racconto-Favola di Enzo Samaritani
con
Enzo Samaritani, voce e chitarra
Giovanni Samaritani, voce

dalle ore 20,30 Aperitivo con buffet facoltativo nel salotto musicale,
Drink Euro 10,00. Si consiglia la prenotazione.

ore 21,30 concerto,
Ingresso Intero Euro 12,00
Ingresso Ridotto Euro 10,00
(il ridotto è riservato alle persone iscritte alla NewsLetter del teatro)

Si ricorda che il numero dei posti è limitato ed è preferibile la prenotazione scrivendo a·info@arciliuto.it o telefonando al tel. 06 6879419 o al mobile 333 8568464 (phonecalls & sms)

Il programma è un percorso poetico di poesia in musica
della lingua italiana con un pensiero temporale ed evolutivo del linguaggio poetico della nostra stupenda lingua. Senza un programma dettagliato, partendo dalla goliardia delle cadenze latine si passerà per Federico II, Cielo d'Alcamo, Giacomo Pugliese, Ciacco dell'Anguillaia, Francesco D'Assisi, Guido Cavalcanti, Dante Alighieri, Cecco Angiolieri. Fino ad arrivare al Croce, al Pascoli, al Carducci, a Giacomo Leopardi e tanti altri.

Tutte le poesie della nostra letteratura sono state messe in musica da Enzo Samaritani e verranno eseguite cantate a due voci, familiarmente, da padre e figlio.

Teatro ARCILIUTO
Piazza Montevecchio, 5 – 00186 Roma (Italy)
Tel. +39 06 6879419

___

About EZrome

Check Also

Diva: Una Sinfonia per Weimar al Goethe-Institut

#Weimar #Cultura #Teatro #EZrome "Diva: Una Sinfonia per Weimar" al Goethe-Institut di Roma, uno spettacolo che omaggia l'epoca di Weimar attraverso le vicende di DIVA, la Nuova Donna, simbolo di emancipazione e cultura.

Un amore di Buzzati rivive sul palco dell’Altrove

#Buzzati #Teatro #Cultura #EZrome "Un amore" di Dino Buzzati prende vita sul palco dell'Altrove Teatro Studio di Roma, in una lettura drammatizzata che intreccia le voci degli allievi dell’Accademia D’Arte Scenica alla musica del cinema italiano. Una serata per riassaporare le atmosfere del 1960 attraverso il talento emergente degli attori.

Lascia un commento