Giovedì, 12 Dicembre 2019

amazon prime video

Una passeggiata in città

La nostra Capitale offre percorsi a tema o misti. Si può intramezzare l'arte con lo shopping, o tuffarsi in una villa dove spendere un'intera giornata. Le strade che percorrono i romani per passare un pomeriggio con il partner o con la famiglia, possono essere ideali anche per un turista che vuole vivere la città da ... cittadino!

Galleria_Alberto_SordiIn tutte le città italiane di una certa dimensione c’è una strada su cui si affacciano negozi alla moda e locali famosi, una strada lungo la quale i ragazzi si incontrano per lo struscio. Qualunque sia il suo nome, percorrendola si percepisce chiaramente che si tratta di un’arteria vitale della città. A Roma questa strada si chiama via del Corso (o semplicemente Corso) e rappresenta il rebbio centrale del cosiddetto Tridente, un’imponente opera urbanistica risalente al periodo compreso tra XV e XVII secolo. Il Tridente fu realizzato per smistare su tre strade diverse il traffico diretto da Porta del Popolo, allora la principale porta di Roma, verso le basiliche più importanti: via di Ripetta, nella direzione di San Pietro e Ponte Sant’Angelo, via del Babuino, verso Santa Maria Maggiore e, appunto, via del Corso, che arrivava al Palazzo Pontificio situato a Piazza Venezia e proseguiva poi per San Giovanni in Laterano.

Leggi tutto...

San_Lorenzo_fuori_le_muraIl rione San Lorenzo vide la luce tra 1884 e 1888, a ridosso della proclamazione di Roma capitale avvenuta nel 1870 (ed ufficializzata nel 1871 con lo spostamento da Firenze). Una smania incontrollata di opera edilizia aveva portato alla costruzione disorganizzata di un enorme numero di edifici, più che altro nel tentativo di ottenere facilmente fondi dagli istituti di credito e senza alcuna attenzione alle più basilari norme igieniche e sociali. Le prime abitazioni furono costruite nei pressi della attuale Porta Tiburtina, una volta denominata Porta San Lorenzo, da cui il quartiere prende il nome. Tra 1888 e 1890 questa corsa incontrollata era sfociata in una prevedibile crisi, in seguito alla quale molte costruzioni furono portate a termine in maniera approssimativa o, nei casi peggiori, lasciate inconcluse. In tal modo, probabilmente senza alcuna intenzione ma inevitabilmente, San Lorenzo divenne un quartiere popolare e le costruzioni edificate furono messe a disposizione dei cittadini meno abbienti di Roma. Nel periodo cruciale della seconda guerra mondiale, poco più di 60 anni fa, San Lorenzo doveva sembrare parecchio diverso da ora. Nei pressi dei locali dove attualmente ogni sera si assiepano comitive di ragazzi più o meno spensierati, gli effetti dei bombardamenti americani lasciarono tracce ben visibili.

Leggi tutto...

thumb_piazza_venezia  thumb_piazza_venezia2

Piazza Venezia rivestita di addobbi e di pubblicità, gli uni rimandano all’altra in un gioco di specchi immaginari. La città si specchia natalizia nei suoi cartelloni che rimandano gli stessi colori e le stesse atmosfere, pur rappresentando paesaggi montani.


Leggi tutto...

Piazza_di_spagna_Fontana_barcacciaA Roma esiste un famoso tridente che non ha niente a che vedere con il calcio ed i suoi attaccanti. Si tratta di tre notissime strade che si diramano da piazza del Popolo; osservandole dall’alto, sembra effettivamente di vedere il tridente di una divinità marina. Al centro la più lunga, via del Corso, meta indiscutibilmente legata alle prime passeggiate degli adolescenti romani, quelle passeggiate che permettono di assaporare i primi gustosi scampoli di indipendenza. Percorrendola tutta, via del Corso porta dritta a piazza Venezia. Una spada che trafigge il centro della capitale e che, come un tiro in porta da lunga distanza, arriva potente alla porta avversaria. Ai lati del Corso, sempre partendo da piazza del Popolo, ecco le più strette via di Ripetta e via del Babuino, rispettivamente rebbio destro e sinistro del tridente. Proprio all’inizio delle due strade, presenziano i due bar Canova, come due gendarmi di guardia per l’ingresso al vero centro storico di Roma, accattivanti ritrovi soprattutto per i turisti ma anche per i romani amanti della mondanità. È forte la tentazione di soffermarmi ancora su questa parte della capitale, ma mi avvio idealmente lungo via del Babuino, lasciando dietro di me negozi di moda dal nome altisonante, l’ingresso della mitica via Margutta, rifugio appartato di sofisticati e benestanti artisti, ed il Babuino, grottesco ed inquietante satiro, membro del Congresso degli Arguti (http://www.ezrome.it/pillole-di-storia/pasquino-marforio-e-le-altre-statue-parlanti-il-congresso-degli-arguti-0909.html), situato grossomodo a metà della via.

Leggi tutto...

villaggio_olimpico_statuaÈ il 1960 e tocca alla capitale aprire il sipario sul palcoscenico della XVII Olimpiade. Precedentemente, nel 1908 Roma aveva rinunciato all'incarico lasciando a Londra l'onore dell'organizzazione; due anni prima, l'eruzione del Vesuvio aveva causato ingenti danni e si era infine deciso di investire forze ed economia sulla priorità della ricostruzione. Ma questa volta ci siamo davvero! Mesi di caotico fervore ed alacre fermento precedono il 25 agosto, giorno dell'inaugurazione ufficiale, rivitalizzando l'economia della capitale e alimentando l'indotto di un evento di tale eccezionale portata. Il comitato organizzatore identifica nella zona sotto la collina dei Parioli l'area dove edificare le strutture che avrebbero ospitato atleti, allenatori e sparring partner. Centinaia di personaggi, la cui fama più o mena nota avrebbe reso Roma collettore di migliaia di turisti e visitatori, che avranno l'irripetibile occasione di unire alla visita di una delle città più belle del mondo, la partecipazione "bandiera in mano" alle giornate olimpiche.

Leggi tutto...

rione_santangeloIl ghetto ebraico di Roma è uno dei più antichi, fu istituito infatti nel ‘500, circa 40 anni dopo quello di Venezia, il primo al mondo.
La presenza della comunità ebraica a Roma è stata però numerosa fin dall'antichità, e si concentrava principalmente a Trastevere, tanto che in età imperiale il quartiere venne definito ‘fortezza dell'ebraismo romano'.
Gli anni hanno via via modificato i confini dell'antico ghetto, ma la sua posizione, nel cuore di Roma, lo hanno legato indissolubilmente alla storia della città.
Oggi, camminare per le sue vie, è una lezione di storia e antiche tradizioni.

Leggi tutto...

via_giulia_mascheroneVia Giulia, oltre ad essere uno dei luoghi più romantici di Roma stretta com'è tra il Tevere e Campo de' Fiori, è anche una strada con una storia lunga e, spesso, tormentata, fatta di grandi progetti e ripensamenti improvvisi, di utopiche visioni e lavori architettonici incoerenti.
I papi e i signori della Roma rinascimentale, seicentesca e settecentesca hanno voluto lasciare con un tocco più o meno artistico la loro impronta in questa bellissima via, che si allunga tra Ponte Sisto e Ponte Vittorio Emanuele II.

La storia di via Giulia comincia nel 1508, sotto il pontificato di Giulio II Della Rovere che, desideroso di riempire le borse pontificie con una riforma monetaria e fiscale, prepara un piano di modernizzazione delle strutture organizzative della città.

Leggi tutto...

via_del_colosseo Ecco una passeggiata romantica molto romana, ammirando vedute mozzafiato del Colosseo e dei Fori Imperiali, fino a scoprire San Pietro in Vincoli facendo un salto a Colle Oppio.

Leggi tutto...

angel_castleL'aria tiepida e le giornate che si allungano fanno venir voglia di scrollarsi di dosso l'inverno.
E cosa c'è di meglio di una passeggiata per andare incontro alla primavera?

La prossima volta che attraversate Ponte Sant'Angelo, pensate che un tempo era la sola via per raggiungere il Campo Marzio. 

Leggi tutto...

La camminata coi bastoncini (da neve) si divulga. Sempre più persone in passeggiata ritmica. Un nuovo sport arriva anche a Roma: è il nordic walking

Visitando Villa Ada e Villa Pamphili mi son venuti in mente i corsi di nordic walking. Avete presente quei gruppi di scatenati che camminano più che velocemente con delle simil-racchette da sci, quasi marciando? Sono i 'Nordic Walkers', grandi camminatori nei parchi di Roma o sui sentieri di campagna o montagna.

Leggi tutto...

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.